Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Una politica di basso profilo: l'Italia e l'Unione Sovietica (1939-1941)

L'obiettivo di questa tesi di ricerca è quello di ricostruire i rapporti politici fra l'Italia fascista e l'Unione Sovietica dal 1939 al 1941, dal Patto Ribbentrop-Molotov all'Operazione Barbarossa.
Le domande che ci siamo posti analizzando le relazioni tra Roma e Mosca riguardano gli obiettivi che il governo italiano si proponeva di raggiungere, se questi mutarono col passare del tempo e le modalità per raggiungerli. Naturalmente essendo l'Italia strettamente legata alla Germania, questa ricerca non poteva prescindere dai rapporti interni all'Asse Roma-Berlino, per capire se e come tale alleanza abbia influenzato l'atteggiamento del governo fascista verso l'Unione Sovietica. Abbiamo notato come nel periodo esaminato, la Russia non rappresentasse una delle opzioni principali della politica estera fascista, a conferma di ciò basti pensare alla presenza a Mosca di un ambasciatore, Augusto Rosso, che non godeva della fiducia di Mussolini, oppure al fatto che durante i negoziati con il governo sovietico lo stesso Mussolini appare in una posizione più defilata, lasciando il ruolo principale al ministro degli Esteri Ciano. L'analisi delle trattative che si sono poi sviluppate fra Italia ed Unione Sovietica ha dimostrato che nell'ambito di una politica di collaborazione con le potenze dell'Asse, l'Italia rappresentava per Mosca la seconda opzione, da prendere in considerazione solo dopo aver cercato un accordo con Berlino e che quindi nell'ambito dei negoziati con la Russia il governo italiano era ostaggio delle trattative italo-sovietiche. Per condurre questa ricerca oltre al materiale edito, sono state utilizzate fonti archivistiche del Ministero degli Affari Esteri e dell'Archivio di Stato.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione L’argomento affrontato in questa ricerca riguarda le relazioni italo sovietiche nel periodo che va dal patto nazi-sovietico di non aggressione dell’agosto 1939 all’Operazione Barbarossa, l’offensiva tedesca contro l’Unione Sovietica che iniziò ventidue mesi dopo, nel giugno del 1941, e a cui partecipò anche l’Italia pienamente solidale con il proprio alleato. Le domande che ci siamo posti ricostruendo i negoziati riguardano gli obiettivi che il governo fascista si proponeva di raggiungere, se questi mutarono col passare del tempo e le modalità per raggiungerli. All’interno del governo fascista poi non tutti avevano la stessa opinione circa un eventuale riavvicinamento con Mosca: quali furono le conseguenze? Abbiamo inoltre analizzato il comportamento della stampa e le “istruzioni” ai giornalisti da parte del “Ministero per la Cultura Popolare”, per capire l’influenza avuta dalla propaganda fascista nelle relazioni italo-sovietiche. Poiché il periodo preso in esame è “delimitato” da due iniziative tedesche, l’atteggiamento italiano nei confronti della Russia non può essere compreso prescindendo dai rapporti di forza all’interno dell’Asse: l’Italia fu in grado di condurre una politica autonoma verso Mosca? Vi fu una politica comune “concordata”? O, ancora, una politica comune “imposta” da Berlino? Infine sono state considerate le reazioni della Santa Sede all’indomani dell’attacco tedesco all’Unione Sovietica, il suo comportamento di fronte alle pressanti richieste

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Alessandro Bartolini Contatta »

Composta da 161 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3445 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.