Skip to content

Il Dirigente Scolastico tra autonomia e flessibilità strumenti di integrazione

Informazioni tesi

  Autore: Rosaria Brusaferri
  Tipo: Tesi di Master
Master in Master di II livello in dirigenza scolastica
Anno: 2010
Docente/Relatore: Giuliana Sandrone
Istituito da: Università degli Studi di Bergamo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 86

Quali sono gli strumenti reali, gli interventi o le azioni che un Dirigente Scolastico può mettere in campo affinché l’istituzione scolastica che rappresenta possa offrire a tutti gli allievi le stesse opportunità di apprendimento?

Sulla scia delle indicazioni pedagogiche a cui sottendono le scelte della politica nazionale attuale qual è lo scenario che ci si può attendere vista la complessità della odierna società?

Lo scopo di questa tesi, sollecitata dalle domande iniziali è quello di dimostrare come sia determinante alla luce della normativa che ha introdotto l’autonomia delle istituzioni scolastiche, il ruolo rivestito dal nuovo Dirigente Scolastico nel configurare una organizzazione didattica flessibile, dinamica e innovativa, aperta alla domanda del territorio, al passo con i tempi e rispondente alle richieste della società attuale, soprattutto rispettosa dei bisogni e degli stili cognitivi di ogni singolo studente.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Viviamo in un’epoca globalizzata dove le catastrofi naturali, le crisi economiche, i cambiamenti tecnologici si susseguono repentini e inarrestabili, dove regnano l’incertezza e il timore per il futuro, e, dove l’informazione di ogni genere, spesso incontrollata, è sovrana e viaggia tramite la velocità della rete internet. I giovani di oggi vivono una realtà completamente diversa rispetto a quella dei loro coetanei di soli trent’anni fa. La morale, l’educazione, i valori, i modelli di riferimento, la modalità di approccio alla cultura sono completamente cambiati. La stessa famiglia, luogo deputato alla cura e alla educazione dei figli si è modificata. Il nucleo familiare originario è spesso ricostruito con una situazione definita “allargata”, nella quale i figli si trovano a convivere con il nuovo compagno o compagna del genitore. La società in generale si è trasformata ad opera soprattutto dei grandi flussi migratori che a partire dalla fine degli anni Settanta e Ottanta del secolo scorso hanno riguardato tutta l’Europa e in particolare anche l’Italia che da paese a forte emigrazione si è trasformata in paese a forte immigrazione. Secondo il Dossier Statistico della Caritas Migrantes, presentato lo scorso ottobre a Roma, gli stranieri regolari attualmente presenti in Italia sono 4 milioni e 330 mila. 2 milioni fra loro sono ben inseriti nel contesto economico e produttivo nazionale. I matrimoni misti tra persone appartenenti a diverse tradizioni culturali e religiose sono 24 mila . Ben 862 mila sono i minori figli di stranieri, per la maggior parte nati in Italia (si parla di seconda e anche terza generazione) che rappresentano il decimo della intera popolazione minorile. 629 mila sono le nazionalità 1 differenti presenti fra gli alunni frequentanti le scuole di ogni ordine e grado. Ed è proprio a scuola, luogo deputato non solo alla istruzione ma anche alla formazione della persona, che si sono avute ripercussioni causate sia dalle modificazioni sociali che dalle continue trasformazioni culturali, strutturali, economiche, tecnologiche . La scuola da più parti viene messa sotto accusa perchè indebolita e incapace di riprendersi quel ruolo di centralità nei processi di formazione e di raffigurazione dei rapporti tra generazioni poiché 1 Pittau F., Un vero e proprio mondo in classe. Caritas Migrantes Immigrazione, Dossier Statistico, Idos, Roma , 2009 5

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

autonomia
collaborazione scuola comune
dirigente scolastico
disagio
disagio certificato
disagio scolastico
flessibilità
integrazione
progetto calimero
scuola primaria

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi