Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le figure del padre. Il ruolo e la funzione paterna.

E' possibile dividere questo lavoro di tesi in tre macro aree. La prima antropologica volta ad individuare come è stata vissuta la paternità in culture diverse dalla nostra analizzando la popolazione delle isole Trobriand che ancora nel nostro secolo non avevano consapevolezza del legame genetico tra padre e figlio; e gli Arapesh dove si legge di un padre tenero e gentile, quasi materno. La seconda storico-sociologica che ha voluto individuare come sia cambiata la paternità nella nostra cultura attraverso i cambiamenti culturali che hanno segnato indelebilmente la nostra società. La terza psicodinamica volta a individuarla nello psichismo individuale attraverso le teorie psicanalitiche e focalizzandosi in modo particolare sul pensiero di Lacan che tanto abilmente è riuscito ad intrecciare attorno alla teoria del Nome de Padre un costrutto teorico tutt'oggi ancora valido.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione La Parentela come fatto sociale Per affrontare un discorso sulla paternità è opportuno guardare innanzitutto alle strutture di parentela che inevitabilmente incontreremo all’interno della trattazione. S’intende per parentela il rapporto che si instaura fra individui vincolati da un legame. Tali legami sono riducibili a tre relazioni primarie: filiazione, consanguineità e affinità. Per filiazione si intende la relazione esistente tra un genitore e suo figlio. La consanguineità si distingue, invece, in diretta ossia quella tra persone con una discendenza appunto diretta e collaterale ovvero tra persone che discendono da antenati comuni come, per esempio, i cugini. I rapporti di affinità invece sono basati sul matrimonio, cioè su un’istituzione sociale, e possono cambiare secondo le regole e i costumi presenti in una determinata cultura. A queste relazioni Lévi-Strauss aggiunge la relazione avuncolare ossia quella tra zio e nipote. Questa relazione presuppone le altre tre, infatti, nell’insieme esse costituiscono ciò che Lévi-Strauss ha definito atomo di parentela.

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Salvatore De Costanzo Contatta »

Composta da 200 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8317 click dal 22/09/2010.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.