Skip to content

La sfida dell'Albergo Diffuso per la valorizzazione di nuove forme di turismo

Informazioni tesi

  Autore: Francesca Ferro
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Milano - Bicocca
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia del turismo
  Relatore: Roberto Comneno d'Otranto
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 129

L’elaborato, tramite un’attenta analisi delle nuove tendenze della domanda turistica e dei conseguenti orientamenti dell’offerta, sottolinea la crescente attenzione dei turisti di ultima generazione verso temi legati alla sostenibilità, all’autenticità e all’ospitalità.
Nel corso della trattazione si sottolinea più volte come i mutamenti in atto siano dovuti, non tanto alla congiuntura economica negativa, che contraddistingue i nostri giorni, ma si qualifichino piuttosto come una naturale evoluzione del comparto, la quale ha condotto gli operatori del settore a parlare non genericamente di “turismo”, bensì di “turismi”.
In un siffatto panorama sono emerse, negli anni, forme di ospitalità diffusa ben radicate nel contesto ambientale e culturale di riferimento. Tra le varie tipologie di ricettività diffusa, la tesi si focalizza in particolar modo sul modello dell’Albergo Diffuso, in quanto formula squisitamente Made in Italy, potenzialmente in grado di: riqualificare l’area in cui si innesta promuovendone uno sviluppo sostenibile, destagionalizzare l’offerta e cogliere compiutamente le esigenze dei viaggiatori, o meglio dei “residenti temporanei” alla ricerca di “esperienze autentiche di vita”. I capitoli IV e V argomentano dettagliatamente (mediante l’ausilio di alcuni casi empirici) i punti di forza, le criticità e le prospettive future dell’Albergo Diffuso; una formula di ospitalità soft che si presenta come una vera e propria sfida per la valorizzazione dei nuovi “turismi”, poiché necessita, in primis, di una viva ed indispensabile partecipazione della comunità ospitale, accanto a mirate attività di marketing e di management.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione 1 Il turismo è ritenuto da molti economisti e storici la prima “industria italiana”. 2 Il CISET ha presentato alcuni dati che confermano la rilevanza del turismo, quale vero e proprio motore trainante dell‟economia italiana:  nel Belpaese il settore turistico occupa il 9% della popolazione e produce il 6,5% del valore aggiunto nazionale, ovvero più del doppio in relazione a quello del comparto alimentare e di due terzi superiore rispetto al settore “moda”;  l‟incidenza della spesa turistica sul totale dei consumi finali interni è pari al 10,4% ed il fatturato complessivo del settore ammonta a 65 miliardi di euro. Attualmente l‟intera economia mondiale è attraversata da una profonda crisi finanziaria, economica, sociale ed occupazionale. In tale quadro oscuro, caratterizzato in molti settori da una consistente contrazione dei consumi, il comparto turistico ha saputo distinguersi, cambiando volto e presentando alcune note confortanti. 3 L‟Osservatorio Nazionale del Turismo ha rimarcato, infatti, come il turismo in Italia abbia saputo contrastare la crisi con una tenuta maggiore rispetto ad altri settori economici, tramite un‟efficiente politica di contenimento dei prezzi e grazie alle strategie diversificate dei consumatori volte a spender meno senza dover 4 necessariamente rinunciare al viaggio. L‟attuale congiuntura economica negativa, pur traducendosi in stagnazione del comparto turistico, non ha condotto ad una vera e 1 Adalberto Corsi, Vice Presidente Vicario dell‟Unione del Commercio, del Turismo dei Servizi e delle Professioni della Provincia di Milano (dal 1995), nonché Presidente Expo CTS (dal 1998), considera il turismo “la prima azienda d‟Italia”, in un‟intervista rilasciata a Gabriella Calò e pubblicata ne “Il Giornale del Turismo” del 17 febbraio 2009. Egli rimarca come tale settore sia un forte motore delle economie che necessita però, in Italia (“meta inimitabile”), di investimenti pubblici e privati, infrastrutture e servizi volti ad un effettivo rilancio del mercato turistico. 2 Il CISET è il Centro Internazionale di Studi sull‟Economia Turistica fondato a Venezia nel 1991; svolge e promuove attività di ricerca, studio e informazione sui temi e problemi del turismo, con particolare riferimento agli aspetti economici. 3 Nello studio intitolato “Il turismo in Italia nel 2009: i fenomeni in corso”. 4 Nel 2009 si è evidenziata una duplice tendenza: gli operatori turistici italiani hanno combattuto sul fronte dei prezzi, con la tecnica del ribasso (giunta sino al -8,8%), in modo da rendere competitivo il prodotto Italia soprattutto all‟estero; inoltre si è manifestata una preferenza da parte dei residenti verso vacanze a breve raggio e durata. 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi