Skip to content

I contributi della teoria dell'attaccamento alla prevenzione del disagio psichico in età evolutiva

Informazioni tesi

  Autore: Manuela Di Luca
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Urbino
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Psicologia
  Relatore: Adelmo Tancredi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 133

Questo lavoro nasce dall’esigenza di stabilire una connessione tra le conoscenze teoriche acquisite nel corso della formazione universitaria e i possibili risvolti pratici che, a partire da queste, potrebbero condurre all’attuazione di interventi preventivi rivolti al mondo dell’infanzia e non solo ad esso; filo conduttore dell’intero lavoro sarà la Teoria dell’Attaccamento di John Bowlby. Il campo della prevenzione in psicologia è un ambito di intervento che solo da qualche anno si sta ponendo all’attenzione degli operatori del settore e attualmente anche l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha riconosciuto tale settore come quello in cui concentrare gli sforzi e gli interventi futuri. Trattandosi di un campo in forte espansione, si è ritenuto importante nel corso del primo capitolo, soffermarsi brevemente sulla sua storia.
Verranno inoltre riportati i dati sulla diffusione delle malattie mentali nel mondo anche attraverso riferimenti ai costi sociali, familiari e individuali che tale situazione comporta; infine si farà riferimento ad un report del Surgeon General of United States e al Progetto PRISMA (Progetto Italiano Salute Mentale) attraverso i quali sarà possibile delineare il quadro circa la diffusione dei disturbi mentali in infanzia negli Stati Uniti, e nei preadolescenti in Italia.
Due requisiti fondamentali che la concreta attuazione di un progetto di carattere preventivo richiede sono:
1. l’essere sostenuto da ricerche che ne individuino gli strumenti ai quali ricorrere e i possibili obbiettivi da raggiungere;
2. fondarsi su di una solida teoria di riferimento.
Rispetto a questo secondo punto, si è scelto di partire da una delle teorie dello sviluppo che attualmente soddisfa entrambe le richieste di validità e di solidità, ovvero la Teoria dell’Attaccamento.
Nel corso del secondo capitolo si aprirà una trattazione sui concetti basilari della teoria sviluppata da John Bowlby. Non si potrà non fare riferimento in proposito, al lavoro di Mary Ainsworth, ideatrice della procedura osservativa nota con il nome di Strange Situation, che ha permesso l’individuazione dei diversi pattern di attaccamento del bambino, e al successivo contributo di Mary Main nel creare uno strumento di valutazione dell’attaccamento adulto, l’Adult Attachment Interview, deducibile dagli stili narrativi impiegati dagli stessi adulti per descrivere le loro esperienze infantili di attaccamento; il lavoro di quest’ultima autrice condurrà infine a dare sostegno alla realtà della trasmissione intergenerazionale dell’attaccamento tra adulto e bambino.
La Teoria dell’Attaccamento può godere oggi del contributo di numerosi ricercatori che hanno sentito l’esigenza di espandere i concetti teorici proposti da Bowlby, attraverso ricerche longitudinali sugli esiti psicopatologici di stili di attaccamento distorti. Il terzo capitolo si incentrerà quindi sugli studi condotti nell’ambito di una disciplina oggi in forte espansione, la Developmental Psychopathology, la quale è riuscita a dimostrare quanto le categorie di attaccamento insicuro e attaccamento disorganizzato possano oggi essere considerate dei centrali fattori di rischio per il futuro sviluppo di disturbi psichici di diversa natura tra cui il disturbo borderline di personalità.
Nell’ultimo capitolo ci si interrogherà sulle reali applicazione delle teorie di John Bowlby nell’ambito di una prevenzione di tipo universale (primaria) e selettiva (secondaria). Verranno considerati in particolar modo due diverse aree di intervento: la prima è quella della genitorialità e della maternità, nella quale, dal confronto con le politiche preventive attuate in altri paesi Europei, emergerà una situazione di arretratezza del sistema italiano nel promuovere interventi atti a favorire lo sviluppo di una sana relazione madre-bambino; l’altra area sarà quella dei contesti educativi, in particolar modo degli asili nido e delle scuole dell’infanzia, in cui i la conoscenza teorica dei contributi di John Bolwby e l’impiego di strumenti di valutazione idonei da parte delle stesse educatrici, consentirebbero l’individuazione precoce dei disagi emotivi e sociali direttamente riconducibili a legami di attaccamento distorti con la principale figura di accudimento.
La convinzione che guida tutto il lavoro si racchiude nell’idea secondo la quale non esista un’epoca tanto significativa per l’attuazione di politiche preventive quanto quella dell’infanzia.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Questo lavoro nasce dall’esigenza di stabilire una connessione tra le conoscenze teoriche acquisite nel corso della formazione universitaria e i possibili risvolti pratici che, a partire da queste, potrebbero condurre all’attuazione di interventi preventivi rivolti al mondo dell’infanzia e non solo ad esso; filo conduttore dell’intero lavoro sarà la Teoria dell’Attaccamento di John Bowlby, che si è dimostrata una delle teorie dello sviluppo più accreditate e validate degli ultimi anni. Il campo della prevenzione in psicologia è un ambito di intervento che solo da qualche anno si sta ponendo all’attenzione degli operatori del settore, i quali, impegnati a svolgere il loro lavoro perlopiù in contesti terapeutici, hanno compreso che investire in progetti di carattere preventivo vorrebbe dire ottenere numerosi benefici per la salute pubblica. Attualmente anche l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha riconosciuto tale settore come quello in cui concentrare gli sforzi e gli interventi futuri e, trattandosi di un campo in forte espansione, si è ritenuto importante nel corso del primo capitolo, soffermarsi brevemente sulla sua storia. Verrà pertanto ritrascorsa l’evoluzione del concetto di prevenzione, concetto nato principalmente in campo medico e successivamente esteso anche al campo dei disturbi psichici, con non poche difficoltà connesse alla sua definizione. Ci si soffermerà inoltre sulla recente inversione di rotta che ha portato ad un’ulteriore modifica della nozione di prevenzione secondo un’ottica maggiormente positiva quale quella della Promozione della Salute e del Benessere e si farà riferimento quindi ad alcuni macro-obbiettivi senza i quali una vera promozione della salute psichica non potrà avere luogo: in particolare verrà trattato il tema dello stigma e dei limiti che esso comporta 6

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

attaccamento
developmental psychopathology
età evolutiva
john bowlby
prevenzione
psicologia dello sviluppo
psicopatologia evolutiva
salute mentale
teoria attaccamento
teoria dell'attaccamento

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi