Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Trapianto di fegato da vivente a vivente: attualità organizzative e problemi tecnici

Il trapianto di fegato è considerato attualmente l’unica procedura terapeutica risolutiva per tutte le condizioni di insufficienza epatica, cronica o acuta, non reversibile.
Come tutte le procedure chirurgiche di trapianto, ha conosciuto negli ultimi anni un notevole sviluppo, sia grazie alla introduzione di nuove tecniche chirurgiche, sia per la migliorata conoscenza dei fenomeni immunologici alla base del rigetto.
La carenza di organi trapiantabili da cadavere ha determinato grande impulso alla ricerca di soluzioni alternative, che al contempo dessero migliori risultati prognostici nel trapiantato e, in ultima analisi, permettessero l’applicazione su più ampia scala del trapianto di fegato come processo risolutore per patologie ad elevata mortalità.
Frutto di questa esigenza è il trapianto di fegato da donatore vivente, metodica introdotta solo nel 1988 per patologie epatiche pediatriche e comunque per casi trattabili in elezione, e successivamente estesa anche agli adulti. Queste ultime acquisizioni permettono, attualmente, di considerare il trapianto di fegato da donatore vivente come terapia attuabile con successo anche nel trattamento dei pazienti ad elevata urgenza.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Il trapianto di fegato è considerato attualmente l’unica procedura terapeutica risolutiva per tutte le condizioni di insufficienza epatica, cronica o acuta, non reversibile. Come tutte le procedure chirurgiche di trapianto, ha conosciuto negli ultimi anni un notevole sviluppo, sia grazie alla introduzione di nuove tecniche chirurgiche, sia per la migliorata conoscenza dei fenomeni immunologici alla base del rigetto. La carenza di organi trapiantabili da cadavere ha determinato grande impulso alla ricerca di soluzioni alternative, che al contempo dessero migliori risultati prognostici nel trapiantato e, in ultima analisi, permettessero l’applicazione su più ampia scala del trapianto di fegato come processo risolutore per patologie ad elevata mortalità. Frutto di questa esigenza è il trapianto di fegato da donatore vivente, metodica introdotta solo nel 1988 per

Tesi di Laurea

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Alessandro Pane Contatta »

Composta da 111 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5532 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.