Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il microcredito: dai Paesi in Via di Sviluppo ai Paesi Occidentali

La tesi si propone di capire come sia stato esportato il modello di microcredito dai PVS, in cui è nato, ai Paesi Occidentali che comunque presentano sacche di povertà.
E' stato analizzato il microcredito, le sue forme, le caratteristiche e punti di forza. Un breve accenno alla Grameen Bank e alla sua diffusione nel mondo. L'attenzione si è poi concentrata sui programmi di microcredito in Europa e in Italia.

In conclusione è emerso che il microcredito è un efficace strumento nella lotta alla povertà.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE In un’epoca in cui il denaro, spesso, è l’unico valore di riferimento, più volte si è posto il problema di combattere la povertà con una qualche efficacia. Dalla metà del secolo scorso, in conseguenza del forte impulso offerto dalla ricerca teorica e da significative evidenze empiriche, le maggiori istituzioni internazionali di aiuto allo sviluppo hanno accresciuto l’interesse verso il microcredito e la microfinanza come strumenti di lotta alla povertà nei paesi economicamente svantaggiati. Se i paesi poveri sono incapaci di risolvere da soli i loro problemi, allora bisogna intervenire con aiuti esterni. Ma per dare un decente livello di benessere alla maggior parte della popolazione mondiale servirebbero molte più risorse di quelle che i paesi ricchi possono mettere a disposizione. Infatti, nonostante gli aiuti esterni offerti ai paesi poveri per cercare di alleviare fame e povertà e per favorire lo sviluppo economico, i risultati raggiunti sono stati scarsi. Troppo numerosi i paesi poveri, troppi i bisogni elementari da soddisfare, troppi i fattori generatori di altra povertà, come la crescita demografica fuori controllo e lo sfruttamento distruttivo delle risorse naturali. Inoltre molti si sono resi conto che gli aiuti spesso non debellano la povertà, ma creano dipendenza e quindi servono solo a perpetuarla. A riprova che la politica degli aiuti è inefficace, sta anche la constatazione che nemmeno i paesi ricchi sono ancora riusciti a debellare le sacche di povertà presenti al loro interno. Dalla metà degli anni 70 si afferma però, a livello internazionale, un progetto nato in Bangladesh dal Professor Muhammad Yunus. Egli cominciò a promuovere la crescita delle attività economiche al livello più basso dell’economia senza creare dipendenza dalle elemosine, sollevando dalla povertà e dalla fame milioni di persone. Nasce così la Grameen Bank, oggi esportata in 60 paesi del mondo. Infatti, il mondo accademico e le realtà operative che si occupano della diffusione del microcredito e della microfinanza, si sono concentrate e confrontate sul potenziale adattamento dei modelli teorici di riferimento (in primis la Grameen Bank) ai differenti contesti socio-economici dei Paesi in Via di Sviluppo. Da qui è conseguito un più generale interesse politico e finanziario verso questo settore, determinando un allargamento dei confini operativi ed applicativi alle realtà occidentali fortemente industrializzate. Di riflesso, anche in Italia e più in generale, in Europa, si è iniziato a parlare di microcredito. Questo elaborato, oltre a presentare il modello di funzionamento della Grameen Bank, ha soprattutto l’obiettivo di fare il punto della situazione su come si stiano evolvendo e sviluppando progetti simili in Europa. - 1 -

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Ilaria Facchini Contatta »

Composta da 59 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3068 click dal 05/11/2010.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.