Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

C'era una volta in America - Lingua e cultura dei Latinos negli Usa

L’oggetto del presente lavoro è il contatto tra due lingue diverse per ceppo linguistico, ma anche tra le lingue più parlate al mondo, lo spagnolo e l’inglese, in un preciso contesto geografico: il confine tra Messico e Stati Uniti. In particolare, l’area di cui ci occuperemo è quella che racchiude gli Stati Uniti del Sud-Ovest, un tempo domini messicani, e cioè il Texas, la California, l’Arizona ed il New Mexico1. In questi territori, così come in molte altre parti della nazione, la lingua inglese e quella spagnola convivono da secoli e vengono usate dai membri delle comunità locali con stili, modi ed attitudini diversi.
Dagli studi presi in considerazione si evince la grande eterogeneità degli influssi del Chicano English che, se da un lato è il risultato di una commistione delle lingue (e culture) inglese e spagnola, quindi un etnoletto figlio del suddetto contatto, dall’altro, come più volte dimostrato nel corso della nostra analisi come la varietà latina in questione ha assorbito le forme non-standard delle varietà con le quali si trova a sua volta a contatto quotidianamente nell’area degli Stati Uniti sud-occidentali.

Mostra/Nascondi contenuto.
)"#*+'z-*)& L’oggetto del presente lavoro è il contatto tra due lingue diverse per ceppo linguistico, ma anche tra le lingue più parlate al mondo, lo spagnolo e l’inglese, in un preciso contesto geografico: il confine tra Messico e Stati Uniti. In particolare, l’area di cui ci occuperemo è quella che racchiude gli Stati Uniti del Sud-Ovest, un tempo domini messicani, e cioè il 1 Texas, la California, l’Arizona ed il New Mexico. In questi territori, così come in molte altre parti della nazione, la lingua inglese e quella spagnola convivono da secoli e vengono usate dai membri delle comunità locali con stili, modi ed attitudini diversi. Infatti, come punto di partenza è possibile tracciare un  linguistico che va dallo spagnolo standard (il castigliano promosso dalla R * Eñ di Madrid) allo % * E. All’interno di questo continuum, infatti, si possono individuare delle varietà intermedie che testimoniano come l’inglese e lo spagnolo vengano a contatto a diversi livelli. Lo spagnolo messicano, ad esempio, è la varietà messicana del , un dialetto molto eterogeneo e per questo ricco, contenente diverse caratteristiche del N, lingua azteca, emblema della forte influenza indigena all’origine e nello sviluppo della suddetta varietà. Il messicano, inoltre, consta di molti arcaismi ed è caratterizzato dalla presenza di molte varietà diatopiche in tutta l’America Latina. Spostando la nostra attenzione all’inglese americano, troviamo fenomeni (socio)linguistici come il Calò (altrimenti detto P), slang del messicano, in cui spiccano 1 Fino al 1848 i suddetti territori facevano parte del Messico: passarono agli Stati Uniti col Trattato di Guadalupe-Hidalgo, alla fine del conflitto armato tra gli USA e la Corona spagnola. 6

Laurea liv.I

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Giuseppe Lenzo Contatta »

Composta da 75 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4487 click dal 08/11/2010.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.