Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il green marketing nella Regione Puglia: analisi strategica del parco europeo per l'energia alternativa

Attraverso l’analisi delle conferenze più importanti che la politica internazionale ha affrontato rispetto ai temi relativamente nuovi come lo sviluppo sostenibile, il problema dell’energia e la salvaguardia dell’ambiente, si vuole meglio definire l’inizio di un ragionamento diplomatico politico a livello globale sul climate change.
Partendo dalla Conferenza di Stoccolma del 1972, si arriverà all’ultima Conferenza, quella di Copenhagen del 18 dicembre 2009 così da poter analizzare lo stato attuale delle politiche comunitarie.Il lavoro prosegue presentando un nuovo modo di fare marketing, non più improntato sul solo profitto ma più “green”. Si parte dalla definizione di green marketing o marketing ecologico cioè uno strumento volto a gestire l’incontro tra offerta e domanda ecologica, tra l’impresa responsabile e l’eco-consumatore.Non potendo prescindere la “questione ambientale” dal sistema impresa, si andrà ad analizzare quanto effettivamente sia diventata rilevante nella vita delle aziende a cui, sempre più frequentemente, vengono rivolte specifiche richieste di compatibilità ecologica, sia da parte degli interlocutori e sia da parte dei consumatori. Subentra la necessita per le aziende, quindi, di realizzare comportamenti “green” in difesa dell’ambiente e al tempo stesso emergono rilevanti opportunità di mercato per i prodotti ad alta qualità ecologica. Tutto questo ottenuto grazie al Quinto programma di azione per l’ambiente (EMAS- ECOLABEL e Norma ISO14001) che ha coniugato i tradizionali strumenti di comando e controllo con i nuovi strumenti economici per l’ambiente e una serie di possibilità di autoregolamentazione ed autocontrollo e di adesione volontaria per le aziende. Il sistema complessivo del green marketing riguarda un intreccio di relazioni tra azienda, consumatori, associazioni ambientaliste e lo Stato.Si porrà l’attenzione sui consumatori legati alle problematiche ecologiche e come il loro comportamento d’acquisto influenza le decisioni delle aziende che sono sempre più orientate a guardare il consumatore non più nella sua accezione tradizionale passiva ma nel suo nuovo ruolo di consumAttore attivo.
Le aziende, in questo senso, devono saper comunicare ai clienti diretti e potenziali le proprie performance ambientali che sta a significare operare indirettamente sulle proprie politiche di brand e sull’immagine di sé.Si restringerà ancora di più l’attenzione verso gli enti governativi, tradizionalmente percepiti dalla società come un ostacolo allo sviluppo commerciale ma che negli ultimi anni hanno ritenuto possibile attivare una collaborazione tra impresa e pubblica amministrazione per un benessere sociale. Con una piccola introduzione sul sistema Italia che negli ultimi anni ha investito sempre più in energie rinnovabili soprattutto nella produzione di energia eolica e di energia fotovoltaica si metterà in risalto l’importanza della Regione Puglia proprio perchè produce da tutte le fonti di energia, rinnovabili e non, l’86% di energia in più rispetto al suo consumo con 37.000 GWh prodotti contro i 19.000 GWh del suo fabbisogno.L’obiettivo è quello di far comprendere, innanzitutto, la situazione globale rispetto al tema dello sviluppo sostenibile sottolineando che esso richiede un progresso culturale e un’estensione della democrazia dove le trasformazioni sociali ed economiche sono fenomeni strettamente correlati.Sottolineare l’importanza della Green economy in cui settore pubblico e privato devono essere trasformati in modo tale da consentire, da una parte, al mercato di esprimere valori sociali ed ecologici, dall’altro, che lo Stato cominci a prendere coscienza che è una delle scelte possibili, ma è anche l’unico modello praticabile per lo sviluppo dei prossimi venti anni.Rendersi conto che l’approccio alla Green economy non vuole significare la fine dell’industria ma un cammino di riconversione che porta alla sostenibilità ambientale e sociale dell’industria.Le aziende che riusciranno a raggiungere questi obiettivi saranno ricompensate: aumento della quota di mercato, miglioramento dell’immagine, incremento dei profitti e al miglioramento etico sotto il profilo ambientale e sociale.In particolare, per quello che riguarda la realtà della Regione Puglia si vogliono comprendere gli obiettivi di sviluppo locale auto sostenibile e di sviluppo di autosufficienza energetica locale con l’elevamento della qualità ambientale ed ecologica.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione È l‟energia il motore dello sviluppo economico e strumento di diffusione del benessere e miglioramento delle condizioni di vita delle popolazioni. Oggi si parla di energia come un sistema complesso a carattere globale, in cui i consumi di petrolio, carbone e gas naturale sono in costante crescita ma per l‟aumento della domanda, in crescente scarsità. Se da un lato, quindi, il mondo richiede di poter disporre volumi di energia sempre maggiori, dall‟altro vi è l‟esigenza di individuare strumenti e tecnologie capaci di saper razionalizzare i consumi e di ricercare fonti alternative e durevoli. Si tratta di un argomento in continuo divenire, che si inserisce in un contesto internazionale con l‟obiettivo di contrastare il cambiamento climatico e ridurre le emissioni di gas a effetto serra. In particolare l‟Unione Europea ha raccolto la sfida energia-ambiente imponendo ai paesi membri notevoli sforzi per raggiungere entro il 2020 standard adeguati in termini di efficienza energetica, investimenti in energie rinnovabili ed emissioni di gas. Questo è un problema che coinvolge tutti: Stato, Istituzioni, partiti, movimenti, associazioni, imprese e consumatori. Alle imprese, soprattutto, si chiede di affrontare, insieme, una delle più importanti sfide: quella ambientale. Si richiedono maggiore coerenza, nuovi sistemi e strumenti tra cui il green marketing, evoluzione del marketing tradizionale che consente alle imprese di modificare le proprie strategie di mercato in modo coerente alle proprie finalità e nello stesso tempo in linea con la salvaguardia ambientale. Alle Istituzioni si chiedono normative più chiare e linee guida da seguire per richiamare e sensibilizzare le imprese e i consumatori al fine di utilizzare sistemi che consentano di risparmiare energia, utilizzandola in modo più razionale ed efficiente. È importante, quindi, creare sinergie a

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Emanuela Carriero Contatta »

Composta da 130 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2042 click dal 12/11/2010.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.