Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il modello economico di Google tra dono e mercato

Che significato ha assunto la parola “gratis” nell'era moderna? Come e quanto ha influito la rete Internet e l'avvento del Web 2.0 nell'ascesa del Gratis come strumento di potere e di ricchezza? Tutti i servizi (o quasi) che oggi utilizziamo sul Web sono gratuiti: più o meno con formula Freemium e tutti offrono un servizio online valido pur essendo gratuito. Servizi che si sono diffusi proprio grazie a questo meccanismo, ovvero sono stati fatti conoscere al più vasto pubblico rompendo il muro del costo: al costo zero.
Il concetto di gratuità, oggi, è mutato, dai semplici gadget e omaggi dei supermercati ad applicazioni online gratuite che offrono servizi davvero eccezionali come può essere Google Maps e Gmail il servizio di posta elettronica o dei semplici social network quali Facebook e Twitter: sono tutti utilizzati da milioni e milioni di utenti e ancora oggi mantengono la loro filosofia, ovvero di restare gratuiti. Dove ci guadagnano quindi i colossi del Web?

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione. Che significato ha assunto la parola “gratis” nell'era moderna? Come e quanto ha influito la rete Internet e l'avvento del Web 2.0 nell'ascesa del Gratis come strumento di potere e di ricchezza? Tutti i servizi (o quasi) che oggi utilizziamo sul Web sono gratuiti: più o meno con formula Freemium e tutti offrono un servizio online valido pur essendo gratuito. Servizi che si sono diffusi proprio grazie a questo meccanismo, ovvero sono stati fatti conoscere al più vasto pubblico rompendo il muro del costo: al costo zero. Il concetto di gratuità, oggi, è mutato, dai semplici gadget e omaggi dei supermercati ad applicazioni online gratuite che offrono servizi davvero eccezionali come può essere Google Maps e Gmail il servizio di posta elettronica o dei semplici social network quali Facebook e Twitter: sono tutti utilizzati da milioni e milioni di utenti e ancora oggi mantengono la loro filosofia, ovvero di restare gratuiti. Dove ci guadagnano quindi i colossi del Web? Da dove provengono i ricavi che le rendono ad oggi società multimiliardarie? Pur non facendo pagare alcunché agli utenti-utilizzatori, ottengono guadagni con tanti zeri dalle inserzioni pubblicitarie che vengono sempre più ottimizzate e inserite in pagine web che offrono contenuti necessariamente di ottima qualità. Il punto centrale di questa tesi si focalizza in particolar modo sull'azienda Google, leader nel business Internet oriented e non solo. Un'azienda che ha ottenuto risultati mai visti prima pur offrendo dei servizi gratuiti a tutti gli effetti ma con qualche piccolo particolare che le permette di far fare la differenza con le altre società sul mercato.

Laurea liv.I

Facoltà: Sociologia

Autore: Valerio Genovese Contatta »

Composta da 51 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3365 click dal 21/02/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.