Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La scelta di Pechino come sede delle Olimpiadi 2008

La Cina decide di esporsi al mondo intero presentando la propria candidatura per ospitare le Olimpiadi 2008 e vincendo questa assegnazione, ma forse non tutti sanno che Pechino si era già proposta in passato e da questa prima sconfitta ha imparato a migliorare la propria offerta. L'analisi si concentra sui motivi della prima sconfitta e sul raggiungimento di questa assegnazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE L‟economia mondiale sta mutando i suoi equilibri e i paesi che fino a pochi anni fa erano chiamati emergenti stanno sempre più avvicinandosi agli stati definiti sviluppati, tra questi paesi primeggia la Repubblica Popolare Cinese. Questa nazione che ha accresciuto i suoi indici economici in modo esponenziale negli ultimi venti anni, è riuscita anche ad ospitare l‟evento sportivo più seguito e più importante al mondo: i Giochi Olimpici. Forse fino a pochi anni fa nessuno avrebbe mai pensato che la fiamma olimpica potesse accendersi in Cina a causa della sua arretratezza economica, della sua chiusura al mondo esterno, del suo clima politico poco collaborativo e dell‟esistenza della censura, l‟interesse è quindi nato per cercare di comprendere come questo sia stato possibile, in che modo Pechino sia riuscita a battere città come Parigi o Toronto nell‟assegnazione olimpica. Il percorso di studi che ho seguito in questi anni mi ha consentito di approfondire materie aziendali, economiche e insegnamenti di natura geografica. Ho avuto quindi l‟opportunità di studiare a lungo, e sotto diversi profili la Cina, tanto da volere tentare di analizzare questo paese anche rispetto ad un evento sportivo - i Giochi Olimpici - che ha avuto rilevanza economica, politica, sociale e turistica per l‟intero mondo cinese. Prima di procedere alla disanima di questo tema, nel capitolo 1 ho preso in esame il movimento olimpico moderno, per cercare di chiarire come sia nato e quale filosofia vi sia alla sua base, passando poi in rassegna gli organi da cui è composto per comprendere la sua organizzazione. Particolare attenzione è stata posta all‟analisi dello Statuto Olimpico, per capire ed illustrare le procedure di elezione necessarie per la scelta della città in cui vengono ospitati i Giochi. Nella parte finale del primo capitolo notevole attenzione viene posta all‟esposizione del modo in cui il Movimento Olimpico riesce a finanziarsi per realizzare ogni due anni un evento sportivo di tale portata, elementi importanti di questa illustrazione sono stati i documenti ed i progetti del marketing olimpico. Nel secondo capitolo si sono fornite alcune informazioni e dati rilevanti sullo sviluppo dell‟economia cinese, sulla sua crescita ed in particolare sulla sua apertura al mondo, con l‟intento di cogliere come i mutamenti socio-economici hanno favorito la proposta di candidatura. Sono state analizzate la crescita economica e le riforme adottate dal paese sul piano industriale, finanziario e del commercio con l‟estero, illustrando il modo in cui la Cina ha modificato, e sta ancora modificando, la propria economia e il proprio sistema politico. Nel testo emergono le considerazioni

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Arianna Maranta Contatta »

Composta da 87 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2979 click dal 19/11/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.