Skip to content

La storia dello sviluppo turistico di Sarzana: un borgo tra le Cinque Terre e la Lunigiana

Informazioni tesi

  Autore: Elisabetta Colussi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Milano - Bicocca
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze economiche
  Relatore: Luca Mocarelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 53

Il fenomeno turistico ha una storia assai antica. Difatti, è possibile riscontrare già nella civiltà dei romani la tendenza a spostarsi per motivi di svago in luoghi di “villeggiatura” oppure per motivi religiosi verso oracoli e templi lontani. Ovviamente, col passare del tempo le società sono cambiate: di conseguenza, le mete scelte si sono evolute includendo anche le località climatiche e di cura, i luoghi di cultura e le città d’arte, le riviere, i laghi e così via.
I tipi di turismo si sono col tempo moltiplicati e, specialmente negli ultimi 20-30 anni,
abbiamo assistito alla nascita di nuovi modelli come quello sportivo e quello
enogastronomico. Questo è dovuto anche alla trasformazione del fenomeno turistico, che da elitario è diventato “di massa”.
Con questo lavoro, ho voluto analizzare lo sviluppo turistico della località di Sarzana, una cittadina in provincia di La Spezia ormai assai conosciuta. Ho deciso di condurre lo studio osservando il caso di questo borgo inserito tra la zona delle Cinque Terre e la Lunigiana, con l’obiettivo di capire perché può rappresentare un modello ottimale anche per altre località.
Ovviamente sono emerse molte differenze tra le varie aree geografiche, anche perché hanno storie e caratteristiche piuttosto diverse; di conseguenza è stato necessario suddividere il lavoro in più fasi. Si è cercato di supportare le tesi con dati statistici e fonti storiche attendibili, purtroppo non sempre disponibili in quanto le rilevazioni turistiche in passato venivano spesso svolte in maniera poco corretta, e con poca frequenza.
Da questa ricerca è possibile osservare come le diverse origini e le diverse caratteristiche ambientali possano influire anche sul fenomeno turistico, che apparentemente sembra essere scollegato da certe dinamiche.
Inoltre, si può capire dall’esempio di Sarzana quanto è importante conoscere le proprie attrattive naturali ed artificiali, oltre che i propri “punti deboli”, per poter poi riuscire a soddisfare i molteplici segmenti di mercato. Per fare ciò, è altrettanto fondamentale saper promuovere al meglio la propria località, e mantenere un livello di turismo fortemente responsabile ed eco-compatibile, che non danneggi né i reperti storici né l’ambiente. Questo comportamento non è stato attuato in altre zone d’Italia (come nel resto della Liguria o nella riviera adriatica) ed ha portato a conseguenze piuttosto negative, come il deturpamento ambientale e l’abusivismo edilizio.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO I LA STORIA DELLO SVILUPPO TURISTICO DELLE CINQUE TERRE 1.1 Il territorio delle Cinque Terre Figura 1: Cartina stradale delle Cinque Terre (fonte: Provincia di La Spezia) La zona delle Cinque Terre è quella compresa tra la Punta Mesco e il borgo di Portovenere, ed è delimitata all’interno dalle colline. Si chiama così dal XV secolo, quando lo storico spezzino Giacomo Bracelli scrisse “…sorgono sulla scogliera cinque terre, quasi ad egual distanza tra loro che sono Monterosso, Vulnezia, ora chiamata volgarmente Vernazza, Cornelia, Menarola e Riomaggiore…” (dall’opera “Descriptio Orae Linguisticae”). Furono attraversate nei secoli grazie alla cosiddetta “via dei santuari”, che collegava (e collega tuttora) i luoghi di culto presenti nelle zone circostanti. Frequentate inizialmente solo per i bellissimi vigneti ed uliveti, che garantivano un vasto commercio, e per i caratteristici “muretti a secco”, sono state scoperte come luogo di vacanza molto più tardi rispetto alla riviera di ponente. Difatti, anche le guide turistiche dei primi del Novecento ne parlavano appena, e le strutture turistiche erano quasi del tutto assenti. 8

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

lunigiana
sarzana
turismo 5 terre
turismo cinque terre
turismo liguria
turismo lunigiana

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi