Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Strumentazione urbanistica e valorizzazione paesaggistica

La ricerca che si è intesa condurre nella stesura di questo lavoro prende le mosse dall’analisi e dall’approfondimento giuridico e sociologico dei processi di cambiamento e di riforma che ha interessato e che tuttora interessano il diritto ed in particolare la nostra Costituzione, scaturiti da un’esigenza di rinnovamento e adattamento alla società in continua evoluzione. Urbanistica e paesaggio, due materie organicamente distinte, in particolare per quanto riguarda la funzione amministrativa, hanno finito, negli anni, per soprapporsi. La strumentazione urbanistica deve obbligatoriamente conformarsi al piano paesaggistico, le cui previsioni si sovrappongono immediatamente, a quelle eventualmente difformi, degli strumenti urbanistici.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE La modifica del titolo V della nostra costituzione ha portato a una profonda trasformazione, soprattutto per quanto concerne l‟art. 117, da cui parte la mia analisi. L‟art. 117 distingue: le materie di competenza esclusiva dello Stato, le materie di competenza ripartita tra Stato e Regione e le materie di competenza residuale della Regione. Dal sopracitato articolo, tuttavia, derivano importanti implicazioni sul piano del riparto delle funzioni legislative tra Stato e Regione, poiché mentre detto articolo è stato chiaro nel caso della disciplina “governo del territorio”, non lo è stato per le materie paesaggio (ambiente) e beni culturali. Nel nuovo articolo la tutela dell‟ambiente, dell‟ecosistema e dei beni culturali sono materie di competenza esclusiva dello Stato, mentre la valorizzazione dei beni culturali e ambientali sono materia di competenza ripartita tra Stato e Regione. Una distinzione sottile quanto opinabile, ma con lo scopo di far sì che la legislazione protezionistica dello Stato non sia distorta. Si ritiene che l‟analisi della strumentazione urbanistica e paesaggistica sia necessaria per chiarire il loro ruolo e i deficit che incontrano nell‟attuazione. La Regione Toscana sensibile ai temi della protezione e valorizzazione del territorio ha elaborato il piano di indirizzo territoriale con valore di piano paesaggistico. 5

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Sara Monciatti Contatta »

Composta da 55 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1860 click dal 07/12/2010.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.