Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Focus on: Parco Verde, un rione a rischio. Come le istituzioni limitano la devianza minorile

Questo lavoro nasce dall’idea di voler documentare una realtà complessa e disagiata, quale il Parco Verde, un piccolo rione provinciale di Caivano, esposto ad un’alta densità criminale e caratterizzato da estremo degrado culturale e marginalità sociale. Tale zona è sorta in seguito alla legge edilizia n.219 del 14 maggio 1981 che in seguito al terremoto ha previsto un piano di emergenza per ciascun paese coinvolto.

Lo scopo della tesi è stato quello di aver indagato fenomeni che reggono la devianza minorile e la criminalità organizzata attraverso l’economia sommersa ed illegale.

Mostra/Nascondi contenuto.
“ La vita è una tale fatica, bambino. È una guerra che si ripete ogni giorno ” (dal libro "Lettera a un bambino mai nato" di Oriana Fallaci) Questo lavoro nasce dall’idea di voler documentare una realtà complessa e disagiata, quale il Parco Verde, un piccolo rione provinciale di Caivano, esposto ad un’alta densità criminale e caratterizzato da estremo degrado culturale e marginalità sociale. Tale zona è sorta in seguito alla legge edilizia n.219 del 14 maggio 1981 che in seguito al terremoto ha previsto un piano di emergenza per ciascun paese coinvolto. La disapplicazione della stessa legge ha avuto conseguenze negative sul piano emergenza e di conseguenza quindi sulle strutture abitative delle case popolari destinate agli sfollati del terremoto. Lo scopo della tesi è stato quello di aver indagato fenomeni che reggono la devianza minorile e la criminalità organizzata attraverso l’economia sommersa ed illegale. Sono state analizzate le condizioni socio- 4 INTRODUZIONEINTRODUZIONE

Laurea liv.I

Facoltà: Sociologia

Autore: Enza Massaro Contatta »

Composta da 58 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1425 click dal 01/02/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.