Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Patto di Stabilità e di Crescita alla luce della sentenza della Corte di Giustizia del 13 Luglio 2004

L’obiettivo del Patto di stabilità e di crescita è prevenire un disavanzo di bilancio eccessivo nella zona euro dopo l’avvio della terza fase dell’Unione economica e monetaria (UEM). I meccanismi che sono stati previsti sono il risultato di lunghe e difficili trattative sulla natura, gli obiettivi e le modalità del Patto. In particolare la proposta iniziale del governo tedesco prevedeva un sistema di sanzioni automatiche ogniqualvolta il disavanzo pubblico di un Paese superava il 3% del PIL. Questa impostazione, tuttavia, è apparsa troppo rigida dal momento che gli Stati membri dell’UEM, non potendo più gestire a livello nazionale i tassi di cambio e la politica monetaria, devono necessariamente intervenire sulla politica di bilancio per fronteggiare crisi economiche e sociali. Essendo comunque avvertita come indispensabile una disciplina di bilancio volta a garantire una gestione sana ed efficace delle finanze pubbliche nella zona euro ed evitare che la politica di bilancio lassista di uno Stato membro penalizzi gli altri tramite i tassi di interesse minando la fiducia nella stabilità economica della zona euro, è stato previsto dall’articolo 104 C del trattato di Maastricht un meccanismo volto ad evitare il formarsi di disavanzi pubblici eccessivi.
Il Patto di stabilità e di crescita intende completare l’articolo 104 C mediante una serie di disposizioni che rappresentano un compromesso tra la rigidità iniziale delle proposte tedesche e le visioni più elastiche di altri Stati.
Tre testi precisano gli obiettivi e le modalità del Patto: la risoluzione del Consiglio europeo relativa al Patto di stabilità e di crescita, Amsterdam, 17 giugno 1997; il regolamento (CE) n° 1466/97 del Consiglio del 7 luglio 1997 relativo al rafforzamento della vigilanza delle posizioni di bilancio e della vigilanza e del coordinamento delle politiche economiche; il regolamento (CE) n° 1467/97 del Consiglio del 7 luglio 1997 per l’accelerazione e il chiarimento delle modalità di attuazione della procedura per i disavanzi eccessivi.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 CAP. I I MECCANISMI DEL PATTO PREMESSA L’obiettivo del Patto di stabilità e di crescita è prevenire un disavanzo di bilancio eccessivo nella zona euro dopo l’avvio della terza fase dell’Unione economica e monetaria (UEM). I meccanismi che sono stati previsti sono il risultato di lunghe e difficili trattative sulla natura, gli obiettivi e le modalità del Patto. In particolare la proposta iniziale del governo tedesco prevedeva un sistema di sanzioni automatiche ogniqualvolta il disavanzo pubblico di un Paese superava il 3% del PIL. Questa impostazione, tuttavia, è apparsa troppo rigida dal momento che gli Stati membri dell’UEM, non potendo più gestire a livello nazionale i tassi di cambio e la politica monetaria, devono necessariamente intervenire sulla politica di bilancio per fronteggiare crisi economiche e sociali. Essendo comunque avvertita come indispensabile una disciplina di bilancio volta a garantire una gestione sana ed efficace delle finanze pubbliche nella zona euro ed evitare che la politica di bilancio lassista di uno Stato membro penalizzi gli altri tramite i tassi di interesse minando la fiducia nella stabilità economica della zona euro, è stato previsto dall’articolo 104 C del trattato di

Laurea liv.I

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Alessandro Stasi Contatta »

Composta da 74 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 405 click dal 04/01/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.