Skip to content

La crisi finanziaria mondiale e il dibattito sulle bad bank

Informazioni tesi

  Autore: Maria Giovanna Greco
  Tipo: Diploma di Laurea
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Bancaria, Finanziaria ed Assicurativa
  Relatore: Francesco Colombi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 89

Banche e mercati svolgono funzioni complementari nell’allocazione delle risorse, nella distribuzione del rischio, nella creazione di liquidità. Negli anni più recenti i confini tra queste due componenti del mercato finanziario si sono progressivamente attenuati a causa dei cambiamenti normativi e tecnologici, dell’evoluzione della domanda, del rapido processo di innovazione finanziaria; le loro funzioni hanno mostrato una progressiva convergenza. Nel corso del 2007, la volatilità dei mercati ha influenzato la redditività delle banche, determinando perdite notevoli diffusesi tra i diversi intermediari con il risultato di una crescente instabilità dell’intero sistema finanziario globale. Nella letteratura economica è dibattuta la questione circa l’opportunità che si continuino ad attuare salvataggi di imprese bancarie in stato di dissesto e del non pieno assoggettamento delle stesse alla disciplina del mercato attraverso il fallimento . Si ritiene che il mancato ricorso al fallimento della banca e la protezione, implicita o esplicita, assicurata attraverso strumenti pubblici e privati, siano pratiche dannose e producano inefficienze, in quanto determinano il mantenimento in vita delle banche peggiori e incentivano fenomeni di moral hazard da parte del management. Una metodologia efficace e allo stesso tempo economica è certamente legata all’esternalizzazione dei processi ( definita business process outsourcing) che, nel caso dell’attuale crisi finanziaria e con riferimento alle banche, è relativa alla cessione, di attività ritenute problematiche e derivanti da situazioni non perfettamente trasparenti, a una società-veicolo creata ad hoc e denominata, appunto, bad bank. La bad bank, invece, trova una legittimazione piuttosto forte in qualità di strumento tecnico-giuridico e nel quadro di un certo tipo di orientamenti della vigilanza bancaria, in quanto è un meccanismo interessante ed efficace. Resta da capire, però, quanto sia possibile, o probabile, che la bad bank riesca a giustificarsi sul piano economico anche in virtù di una sua migliore capacità di svolgere i compiti affidatile, ovvero in forza di una sua attitudine a rivelarsi organismo o, più precisamente, intermediario finanziario specializzato.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1.1 I MUTUI AMERICANI SUBPRIME Le iniziative di imprese e privati possono esaurire i loro effetti nel breve termine o richiedere tempi lunghi per la loro realizzazione. In questi casi è necessario che le soluzioni di finanziamento adottate siano coerenti con tali iniziative di impiego del denaro. Occorre infatti, soprattutto quando gli importi sono elevati, che la dinamica delle uscite a servizio del finanziamento sia coerente con le 3 entrate dell’investitore. Una delle soluzioni per il soddisfacimento di bisogni di medio- lungo termine dei privati è sicuramente il mutuo, richiesto soprattutto per l’acquisto di un immobile. Il contratto di mutuo interessa un orizzonte temporale piuttosto ampio, di circa 10, 15 o 20 anni e può 4 addirittura raggiungere i 25-30 anni quando è finalizzato al credito fondiario. Inoltre, occorre considerare che il costo è rappresentato dal tasso di interesse: fisso, variabile o misto. Quello fisso è indipendente dalle condizioni di mercato e rimane costante per tutta la durata del prestito; il tasso variabile si adegua alle condizioni di mercato ed è rappresentato dalla somma di due parti: un tasso di mercato e uno spread fisso, che consente alle banche di coprire i costi di gestione e di ottenere un’adeguata remunerazione per il rischio sopportato. Uno dei saggi di riferimento più noti è l’ Euribor (euro interest offered rate) che rappresenta quel tasso al quale le banche regolano i rapporti interbancari. Così, per esempio, può essere previsto che il tasso di interesse che il prenditore di fondi deve corrispondere sia pari all’Euribor più uno spread e l’Euribor da utilizzare corrisponde a quello medio del mese precedente al pagamento della rata. Un altro aspetto importante da considerare, oltre al tasso di interesse, è rappresentato dalla garanzia fornita su cui la banca può rivalersi in caso di inadempimento. Per cautelarsi da possibili errori nella stima e/o da perdite di valore del bene, la banca dovrebbe erogare un prestito che corrisponda al massimo al 70-80% del valore della garanzia. Negli ultimi anni, però, molti aspetti considerati basilari nella concessione di un mutuo sono stati trascurati dagli intermediari, perché illusi da tecniche innovative di trasferimento del rischio contribuendo ad innescare un circolo vizioso che ha portato ad un subbuglio di notevole entità nel mondo della finanza e non solo. Il meccanismo della crisi finanziaria mondiale è scattato con il forte e rapido crollo del mercato immobiliare statunitense dopo anni di crescita vigorosa. Come si può vedere dal grafico sottostante, fra il 1998 e il 2006 i prezzi delle abitazioni negli Stati Uniti sono cresciuti del 124%; tale crescita inizia a mostrare un rallentamento nel 2007 e nel 2008 in cui si registra un ribasso del 9,7% e del 15,3%, rispettivamente. 3 Munari L., Strumenti finanziari e creditizi:dai bisogni alle soluzioni, p. 253, McGraw-Hill, 2006. 4 Il credito fondiario ha per oggetto la concessione, da parte di banche, di finanziamenti a medio lungo termine garantiti da ipoteca di primo grado su immobili. La Banca d’Italia determina l’ammontare massimo dei finanziamenti, individuandolo in rapporto al valore dei beni ipotecati o al costo delle opere da eseguire sugli stessi. TUB. Art.38 e seg. 6

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bad bank
cartolarizzazioni
contagio in europa
crisi finanziaria
prodotti finanziari tossici
structured investment vehicle

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi