Skip to content

Psicanalisi e lettura: un'introduzione

Informazioni tesi

  Autore: Silvia Cocozzello
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Francesco Muzzioli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 50

L’idea di questa tesi nasce dal progetto di indagare in quale modo la psicanalisi abbia fornito degli strumenti inediti e puntuali alla teoria della letteratura. La critica psicanalitica è prima di tutto un metodo di indagine e in quanto tale si propone di analizzare le componenti di un testo letterario (l’autore, il linguaggio, le figure retoriche, i personaggi, la struttura del racconto) secondo i suoi parametri particolari. Occorre ricordare che la critica psicanalitica non è mai psicanalisi, dato che è impossibile e frammentario ricondurre ogni fenomeno artistico o culturale all’orizzonte psicanalitico popolato da psicosi e nevrosi. Il rischio dell’indagine psicanalitica, di matrice freudiana, è di leggere ogni manifestazione del testo come il segnale di un complesso edipico, di un complesso di castrazione, che farebbe degenerare l’analisi in una sterile tautologia. È indubbio che Freud abbia contribuito a smascherare alcuni concetti come il principio del piacere o la sublimazione, fenomeno attraverso il quale la libido abbandona le mete sessuali per investire le sue cariche energetiche in prodotti culturali. Ma nonostante alcuni significativi inquadramenti dei moti sotterranei alle strutture testuali, rimane il mistero della creatività, che il metodo non riesce ad esaurire completamente. La differenza tra un puro prodotto psichico come il sogno e l’opera d’arte può essere così sintetizzata: nella seconda oltre allo svelamento dei conflitti interiori dell’artista, c’è un tentativo di soluzione, di sintesi personale che si differenzia dal travestimento del sogno, che guarda verso l’infanzia e il rimosso, verso tutto ciò che non è stato risolto.
Nel primo capitolo è proposta una sintesi del saggio, nella quale è individuato il percorso dell’individuo dall’infanzia all’età adulta e il progressivo rapporto con il gioco e la fantasia. Sono chiarite le motivazioni fondamentali che spingono il lettore ad avere bisogno delle storie letterarie e il ruolo particolare ricoperto dal poeta. Inoltre sono sintetizzate alcune tra le critiche posteriori più significative che permettono di inquadrare l’analisi in un’ottica più generale e di tracciare un’evoluzione dell’applicazione psicanalitica alla letteratura.
Nel secondo capitolo si approfondisce il tipo di piacere-paura che l’opera letteraria suscita. Attraverso la definizione del perturbante si completa il panorama della teoria freudiana dell’opera d’arte.
Il terzo capitolo sviluppa il nucleo della ricerca e cerca di riunire tutti gli strumenti forniti dalla psicanalisi per tracciare un’istruttoria del problema. Si individuerà nella “deliberata sospensione dell’incredulità”, proposta da Coleridge, il meccanismo attraverso il quale riusciamo a credere e a fruire di una finzione, pur essendo a conoscenza della sua natura.
Il quarto capitolo interpella un mezzo e un codice diversi dall’opera letteraria, ovvero il rapporto tra l’istituzione cinematografica e la psicanalisi. In questa parte sono sottolineate le analogie con il rapporto lettore- opera. L’analisi è però arricchita dalle caratteristiche più apparentemente “totali” dell’istituzione cinema, che mettono maggiormente in evidenza il processo di auto-illusione del soggetto. Successivamente il rapporto dello spettatore con l‘oggetto guardato sarà inquadrato nell’ottica nel concetto di feticismo, descritto in un altro saggio di Freud. L’analisi infine si collegherà nuovamente all’opera letteraria, tracciando una sintesi dell’evoluzione del concetto di fiction. In quest’ultima sezione si prenderà d’esempio lo sviluppo del genere novel come sintesi della reazione del lettore alla luce degli strumenti forniti dagli studi precedenti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1. Il poeta e la fantasia di Sigmund Freud Da dove trae la propria materia il poeta? Nel 1907 Freud dedica un piccolo saggio alla ricerca intorno alla natura della creazione poetica. La sera del 6 dicembre Freud ed altri illustri intellettuali, tra cui Herman Hesse, Arthur Schnitzler, furono invitati dall‟editore Hugo Heller a compilare un questionario sui loro gusti letterari. Il resoconto della conferenza di Freud fu raccolto in Der Dichter und das Phantasieren ovvero Il poeta e la fantasia. Quali sono gli strumenti che un essere umano come noi utilizza per creare quei mondi in grado di affascinarci e avvincerci così intensamente? Nonostante il discorso estetico, nell‟immensa opera del padre della psicanalisi, sia marginale, Freud ha dedicato alcune riflessioni a queste tematiche come punti di partenza per lo sviluppo di riflessioni più ampie. Inevitabilmente anche in questo caso l‟analisi è inscritta nel punto di vista psicanalitico e si cercano le origini dei questa capacità nell‟infanzia. L‟attività del gioco nello stadio infantile è simile a quella del poeta: il bambino «si costruisce un suo proprio mondo o, meglio, dà a suo 1 piacere un nuovo assetto alle cose del suo mondo ». 1 Person, Fonagy, Figueira, Studi critici su Il poeta e la fantasia, Raffaello Cortina Editore, Milano 1999, pag. 4. 7

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

fantasia
feticismo
freud
holland
metz
novel
perturbante
poeta
risposta letteraria
romance
sospensione incredulità

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi