Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Psicanalisi e lettura: un'introduzione

L’idea di questa tesi nasce dal progetto di indagare in quale modo la psicanalisi abbia fornito degli strumenti inediti e puntuali alla teoria della letteratura. La critica psicanalitica è prima di tutto un metodo di indagine e in quanto tale si propone di analizzare le componenti di un testo letterario (l’autore, il linguaggio, le figure retoriche, i personaggi, la struttura del racconto) secondo i suoi parametri particolari. Occorre ricordare che la critica psicanalitica non è mai psicanalisi, dato che è impossibile e frammentario ricondurre ogni fenomeno artistico o culturale all’orizzonte psicanalitico popolato da psicosi e nevrosi. Il rischio dell’indagine psicanalitica, di matrice freudiana, è di leggere ogni manifestazione del testo come il segnale di un complesso edipico, di un complesso di castrazione, che farebbe degenerare l’analisi in una sterile tautologia. È indubbio che Freud abbia contribuito a smascherare alcuni concetti come il principio del piacere o la sublimazione, fenomeno attraverso il quale la libido abbandona le mete sessuali per investire le sue cariche energetiche in prodotti culturali. Ma nonostante alcuni significativi inquadramenti dei moti sotterranei alle strutture testuali, rimane il mistero della creatività, che il metodo non riesce ad esaurire completamente. La differenza tra un puro prodotto psichico come il sogno e l’opera d’arte può essere così sintetizzata: nella seconda oltre allo svelamento dei conflitti interiori dell’artista, c’è un tentativo di soluzione, di sintesi personale che si differenzia dal travestimento del sogno, che guarda verso l’infanzia e il rimosso, verso tutto ciò che non è stato risolto.
Nel primo capitolo è proposta una sintesi del saggio, nella quale è individuato il percorso dell’individuo dall’infanzia all’età adulta e il progressivo rapporto con il gioco e la fantasia. Sono chiarite le motivazioni fondamentali che spingono il lettore ad avere bisogno delle storie letterarie e il ruolo particolare ricoperto dal poeta. Inoltre sono sintetizzate alcune tra le critiche posteriori più significative che permettono di inquadrare l’analisi in un’ottica più generale e di tracciare un’evoluzione dell’applicazione psicanalitica alla letteratura.
Nel secondo capitolo si approfondisce il tipo di piacere-paura che l’opera letteraria suscita. Attraverso la definizione del perturbante si completa il panorama della teoria freudiana dell’opera d’arte.
Il terzo capitolo sviluppa il nucleo della ricerca e cerca di riunire tutti gli strumenti forniti dalla psicanalisi per tracciare un’istruttoria del problema. Si individuerà nella “deliberata sospensione dell’incredulità”, proposta da Coleridge, il meccanismo attraverso il quale riusciamo a credere e a fruire di una finzione, pur essendo a conoscenza della sua natura.
Il quarto capitolo interpella un mezzo e un codice diversi dall’opera letteraria, ovvero il rapporto tra l’istituzione cinematografica e la psicanalisi. In questa parte sono sottolineate le analogie con il rapporto lettore- opera. L’analisi è però arricchita dalle caratteristiche più apparentemente “totali” dell’istituzione cinema, che mettono maggiormente in evidenza il processo di auto-illusione del soggetto. Successivamente il rapporto dello spettatore con l‘oggetto guardato sarà inquadrato nell’ottica nel concetto di feticismo, descritto in un altro saggio di Freud. L’analisi infine si collegherà nuovamente all’opera letteraria, tracciando una sintesi dell’evoluzione del concetto di fiction. In quest’ultima sezione si prenderà d’esempio lo sviluppo del genere novel come sintesi della reazione del lettore alla luce degli strumenti forniti dagli studi precedenti.

Mostra/Nascondi contenuto.
1. Il poeta e la fantasia di Sigmund Freud Da dove trae la propria materia il poeta? Nel 1907 Freud dedica un piccolo saggio alla ricerca intorno alla natura della creazione poetica. La sera del 6 dicembre Freud ed altri illustri intellettuali, tra cui Herman Hesse, Arthur Schnitzler, furono invitati dall‟editore Hugo Heller a compilare un questionario sui loro gusti letterari. Il resoconto della conferenza di Freud fu raccolto in Der Dichter und das Phantasieren ovvero Il poeta e la fantasia. Quali sono gli strumenti che un essere umano come noi utilizza per creare quei mondi in grado di affascinarci e avvincerci così intensamente? Nonostante il discorso estetico, nell‟immensa opera del padre della psicanalisi, sia marginale, Freud ha dedicato alcune riflessioni a queste tematiche come punti di partenza per lo sviluppo di riflessioni più ampie. Inevitabilmente anche in questo caso l‟analisi è inscritta nel punto di vista psicanalitico e si cercano le origini dei questa capacità nell‟infanzia. L‟attività del gioco nello stadio infantile è simile a quella del poeta: il bambino «si costruisce un suo proprio mondo o, meglio, dà a suo 1 piacere un nuovo assetto alle cose del suo mondo ». 1 Person, Fonagy, Figueira, Studi critici su Il poeta e la fantasia, Raffaello Cortina Editore, Milano 1999, pag. 4. 7

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Silvia Cocozzello Contatta »

Composta da 50 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3796 click dal 05/01/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.