Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il turismo nell'era del Web 2.0

La locuzione Web 2.0 nasce dalla evoluzione dello stato di internet rispetto all’utilizzo che se ne faceva alle sue origini. Il termine pone infatti le basi per una differenziazione con il predecessore Web 1.0 e darne una definizione univoca vuol dire inoltrarsi in un territorio insidioso.
Il termine è stato coniato per la prima volta dall’editore ed esperto di tecnologie Tim O’Reilly che voleva racchiudere sotto un’unica espressione tutti i servizi e applicazioni di internet di seconda generazione appunto, ovvero sistemi online che permettono un alto livello di interazione tra una pagina web e l’utente quali i social network, blog, e tutti gli altri strumenti che contribuiscono alla generazione di contenuto condivisibile.
La tecnologia è sicuramente il fattore scatenante ma le persone sono il vero nucleo di questa evoluzione, ogni giorno grazie al loro contributo si diffondono informazioni, si condividono esperienze e opinioni, si scambiano foto e video, il mix di tutti questi contenuti crea innovazione tecnologica e avvicina ancora di più l’utente al web.
Cambia il modo di comunicare, da una relazione “verticale” tra sito e persona a una “orizzontale” da persona a persona, grazie ai permalink che fanno saltare da un blog a una community o a qualunque altro link creato dai Folks. Nasce la comunicazione di gruppo, si entra a far parte di una tribù on line e le vecchie categorizzazioni degli utenti in base a sesso o nazionalità non sono più valide.
In questo lavoro il 2.0 sarà associato al Turismo. Le caratteristiche del nuovo web sembrano infatti essere nate per adattarsi al settore turistico, il quale è uno dei primi che si è lasciato trasportare da questa ondata tecnologica e che sta cogliendo i frutti di questo investimento.
Una differenza fondamentale che caratterizza il turismo odierno è l’utilizzo di internet.

Visto il potenziale che internet offriva e il numero di persone che pian piano si stavano connettendo alla rete, il mondo del commercio non poteva sterne fuori e ben presto il marketing entrò in questo nuovo universo virtuale.
Le sue caratteristiche principali sono infatti troppo allettanti perché non si studino nuovi metodi e modi di sfruttare il nuovo mezzo. Tra le principali : la velocità con cui si muovono informazioni e il loro constante aggiornamento, la visibilità globale di qualunque contenuto sia in rete, la facilità e l’economicità nel creare un proprio sito o portale per esporre i propri prodotti, la possibilità di attuare una comunicazione orizzontale che permetta lo scambio di notizie secondo la forma molti-a- molti.
Le ricadute sul mondo del turismo sono state notevoli. Molti operatori del settore si sono mossi per aggiornare i propri sistemi alla luce delle nuove tecnologie disponibili.
I mutamenti sono rilevabili in egual misura su tutti gli attori principali del fenomeno turistico raggruppati in categorie costituite dai turisti; dalle imprese commerciali ( che si dividono in fornitori di servizi e intermediari); dagli enti pubblici .
Se il web durante il suo percorso è diventato 2.0, il turismo non poteva che compiere lo stesso salto di qualità. Le caratteristiche della rete e la possibilità di sfruttare il potenziale dell’ Information Comunication Techology ( ICT) offrono potenti strumenti di modernizzazione del settore.
Se il turismo 1.0 era informativo, il 2.0 è partecipativo. Gli utenti collaborano, scambiano dati e critiche su qualunque argomento, dal più popolare a quello di nicchia.
In questa direzione tutti gli operatori devono riorganizzare le proprie energie e indirizzare le proprie idee.
Per indirizzare gli addetti ai lavori del mondo del turismo nasce l’idea di organizzare una fiera, anzi non una fiera, un momento di incontro, ma non solo di incontro, anche un momento di apprendimento, insomma, un evento che racchiude in se tutte e tre queste caratteristiche e ospita numerosi esperti di spicco del settore turistico che si alternano in una sala principale e in piccole salette formazione per formare piccoli operatori fino agli imprenditori di grandi catene alberghiere sul nuovo mondo online e aiutarli a carpirne i segreti più adatti al loro business.
Tutto questo è BTO – Buy Tourism Online, che vanta la sua seconda edizione, svoltasi a Firenze nei giorni 16 e 17 Novembre 2009.
Cito questo grande evento come case history in quanto ho partecipato personalmente alla sua organizzazione, impersonando un ruolo che si sta affacciando ora sulle scene del mercato: l’evangelista 2.0.
Nell’ultimo capitolo della tesi sarà spiegato quale sia il compito di un evangelista, ruolo applicato al settore turistico in questo caso, ma sarà chiaro come nuove figure professionali che stanno nascendo nel web sono versatili per tutto il mondo che ruota intorno al commercio online.

Mostra/Nascondi contenuto.
Circa un anno fa, durante la preparazione di un esame di semiot delle arti, venne l’idea per questo lavoro. Di stolsi lo sguardo dalle dispense e in un buttai giù la prima bozza della mia tesi. Forse ispirata da ciò che leggendo, forse in pro di una prosa vacanza, pensai ad un te ma che in qualche modo potesse rappresentare le mie pas e le mie ini. Ed ecco balenare nella mia testa un argomento: il viaggio. Fu giusto piccola ispirazione. Passò molto tempo prima che potessi concretiz il pagina dopo pagina. misi a riflettere sui turisti di oggi. Me compresa. Da quando ho avuto la di viaggiare autonomant e non mi sono più fermata. Ripensai ai in cui avevo organizzato le mie ulti vacanze, ai tempi necessari che tra l’idea di partire e il ritorno a casa, a quanto fo sse i mm prenotare un biglietto aereo avendo a dispo una connessione ad Internet. Ragionavo inizialm en te s ul grado di soddisfazione personale che provato dopo aver pianificato l’itinerario di un viaggio tutto da s ola e sul che tante altre persone in tutto il mondo agiscono allo stesso modo. Per la perfetta vacanza fai-da-te è necessario il contributo di un s olo zzo: Internet. Que fu il soggetto del mio successivo pensiero. Mi era in mente solo in un secondo monto. Non perché lo consideri un meno importante, ma perché nell’arco di pochi anni è diventato tal mente parte della mia vita di tutti i giorni che m i s embra una presenza quasi scontata. Ragionandoci un po’ s u mi sono resa conto che Internet è stato un tal mente rivoluzionario rispetto ai precedenti che ha avuto un impa sulla s ocietà e sul mercato. È relativamen te giovane ma si è diffuso ad una velocità incredibile e ad oggi non ha s viluppato nemm la metà del suo potenziale. volta colti i due presupposti su cui volevo s viluppare il mio personale di analisi, ero pronta ad iniziare. 6 IntroduzioneicamimomentostavospettivasimsioniattitudunazarelavoroMipossibilitàmemodimeintercorronoediatooggisizioneavevofattorealizzaremestovenutomefattoremezzottofortissimoenoUna“viaggio”

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Federica Mei Contatta »

Composta da 131 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 14734 click dal 12/01/2011.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.