Skip to content

Usi e abusi del crocifisso come simbolo etnoidentitario. Analisi semiotica del discorso giuridico, politico e giornalistico sul ''caso Lautsi''

Informazioni tesi

  Autore: Daniele Dodaro
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della Comunicazione
  Relatore: Patrizia Violi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 334

Questa tesi ruota attorno a un processo giuridico. È il 22 aprile del 2002 e siamo ad Abano Terme (Pd), quando Soile Lautsi, cittadina italiana di origine finlandese durante un’assemblea di classe chiede la rimozione del crocifisso dalle aule della scuola pubblica frequentata dai due figli. A nulla vale il suo appellarsi al supremo principio di laicità e al diritto di educare i bambini secondo le proprie convinzioni filosofiche e religiose: perché la richiesta viene respinta. Soile Lautsi, però, non si perde d’animo e affronta nell’ordine il Tar del Veneto, la Corte Costituzionale e il Consiglio di Stato, ma da tutte queste sfide ne esce sempre sconfitta. Fino a che la questione non giunge di fronte alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo, che dà ragione alla signora Lautsi, affermando che l’esposizione del simbolo di una specifica confessione religiosa è lesivo della libertà religiosa degli indivdui, e condannando l’Italia a un risarcimento di 5000€ per pregiudizio morale.
A essere interessante non è stata la sentenza in sé ma il terremoto culturale a cui ha dato vita nella nostra semiosfera. Dal giorno successivo alla sentenza si sono moltiplicati i crocifissi grazie a specifiche ordinanze comunali o a stertegie ancora meno ortodosse: i blitz nelle scuole; nelle edicole, grazie a una raccolta di crocifissi artistici della Hobby&Work; nelle piazze, grazie alle distribuzioni pubbliche a opera del Pdl e della Lega Nord. E soprattutto tra i politici, i giornalisti ma anche tra la gente comune si sono moltiplicati i sedicenti cattolici o comunque i difensori della croce. Mi è parso che il crocifisso a cui ha fatto e fa riferimento il discorso politico e giornalistico non sia quel simbolo cattolico di redenzione, passione, sofferenza, resurrezione che tutti noi conosciamo, quanto un simbolo etnoidentario di una cultura italiana-europea-occidentale non meglio definita, e che dunque difesa del crocifisso sia un atto politico, e solo strumentalmente religioso. Ed è proprio questo movimento di difesa culturale, questa arroccamento confessionale che ho voluto indagare. Quindi, le domande che mi sono posto sono state: “Che cosa difende realmente chi a seguito della sentenza della Cedu ha detto di difendere il crocifisso?”. “Come mai a raggrupparsi attorno a questo simbolo è stata l’intera società italiana e non la comunità cattolica?”.
Approfondendo lo studio dell’argomento però mi sono fatto l’idea che per rispondere a queste domande non potevo limitarmi ad analizzare ciò che è stato detto e fatto dopo la sentenza Cedu, perché le recenti operazioni politiche in realtà non fanno altro che portare a compimento una civilizzazione del crocifisso cominciata con il fascismo e consolidata grazie al discorso giuridico italiano.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Quante cose si possono dire con un crocifisso? A quante e quali culture ci si può riferire tramite l’emblema del cattolicesimo? Se è vero, come ricorda Umberto Eco, che il topic è sempre la risposta a una domanda (Cfr. Eco 1979), questi due quesiti, nella loro ampiezza, sembrano tenere bene insieme tutte le pagine di questa tesi. E se la loro risposta può sembrare banale, basta pensare agli svariati contesti d’uso del crocifisso per confutare questa ipotesi. Ad esempio. Il crocifisso che svetta su una chiesa; quello che campeggia alle spalle di un giudice sopra la scritta “la legge è uguale per tutti” e quello posto in un’aula scolastica alle spalle di un docente sopra la lavagna rappresentano lo stesso gruppo sociale? Un crocifisso in una qualsiasi scuola italiana prima del 1985 e quello stesso crocifisso nella stessa scuola, nella stessa aula, posto nella stessa posizione dopo il 1985 hanno ancora “lo stesso significato”? E soprattutto, che relazione hanno questi oggetti semiotici col crocifisso che a seguito della sentenza della Corte Europea dei Diritti dell’uomo (Cedu) sul “caso Lautsi” abbiamo visto essere brandito dai partiti etnoidentitari – alcuni dei quali per lungo tempo lontani e ostili al cattolicesimo? Questa tesi nasce dal tentativo di cercare risposte plausibili ad alcune di queste domande; seguendo uno dei percorsi semiotici del crocifisso nella nostra cultura: quello relativo alla sua presenza nelle 9

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

adel smith
analisi giuridica
antropologia culturale
corte di strasburgo
costituzione europea
crocifissi in aula
crocifisso
cultural studies
forza nuova
giornalismo
integralismo
islamismo
lega
libertà religiose
memoria culturale
memory studies
occidentalismo
politica
religione
semiosfera
semiotica
semiotica della cultura
simboli religiosi
soile lautsi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi