Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Feste e cerimonie nell'Età Borbonica

La storia di una società non riguarda esclusivamente la vicenda politica, ma bisogna far riferimento anche al modo di vivere quotidiano nonché agli usi e costumi che di essa sicuramente ne fanno parte. Cercherò, quindi di esplorare una serie di documenti storici, che raccontano minuziosamente alcuni eventi non sempre presi in debita considerazione, come gli ingressi trionfali, i festeggiamenti per nascite, matrimoni, anniversari dei reali, le feste di corte e le feste popolari, inseriti però nel panorama della “grande storia”, dove tali manifestazioni hanno sempre avuto notevole importanza, sia dal punto di vista politico che sociale.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione. La storia di una società non riguarda solo ed esclusivamente la vicenda politica, ma per considerarla a tutto tondo bisogna e gettare nuova luce sulle stesse vicende politiche, bisogna far anche riferimento al modo di vivere quotidiano, agli usi e ai costumi. Cercherò, quindi di esplorare una serie di documenti storici, che raccontano minuziosamente alcuni eventi non sempre presi in debita considerazione, come gli ingressi trionfali, i festeggiamenti per nascite, matrimoni, anniversari dei reali, le feste di corte e le feste popolari, inseriti però nel panorama della “grande storia”, dove tali manifestazioni hanno sempre avuto notevole importanza, sia dal punto di vista politico che sociale. Se la spina dorsale di questo lavoro è costituita dalle vicende che hanno come protagonisti Carlo III e Ferdinando IV, quelle vicende sono viste anche e soprattutto dal punto di osservazione costituito dalla festa. Il cuore pulsante risulta essere proprio il ruolo della “festa”, il“messaggio”, dei Borbone di Napoli fecero passare per mostrare la loro “grandezza”, nei confronti sia dei propri sudditi, sia del resto d‟Europa. Mi riferisco agli ambasciatori, agli stranieri , che potettero assistere personalmente alle varie manifestazioni in occasione di eventi importanti legati alla Casa Reale, nonché al Natale, al Carnevale oltre alle feste popolari. Una particolare attenzione sarà rivolta nello svolgimento di questo lavoro alla celeberrima festa di Piedigrotta, vista attraverso le parate borboniche e la partecipazione del popolo di Napoli, dei casali e delle province, accorreva non solo per la devozione mariana e per trascorrere spensieratamente alcune giornate di festa, ma anche per prendere parte a un rito collettivo significativo dal punto di vista antropologico e politico. Seguiremo,dunque, la festa dalle sue antiche origini sino all‟epoca borbonica e al tempo della Restaurazione, quando con le parate militari e la sfilata reale, essa raggiungerà il culmine del suo splendore più importante del ciclo festivo napoletano in sostituzione del Carnevale, un momento di incontro fra tutte le componenti sociali sotto l‟egida della Chiesa e l‟esibizione del nuovo accordo tra il Trono e l‟Altare.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere

Autore: Marilena Morgante Contatta »

Composta da 354 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1458 click dal 03/08/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.