Skip to content

I distretti agroalimentari e lo sviluppo territoriale: valorizzazione e promozione del territorio e dei prodotti tipici nel distretto di Nocera-Gragnano

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Grassano
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Comunicazione d'impresa
  Relatore: Shane Niall O'Higgins
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 175

Qualità, sicurezza e tradizione: tre parole chiave nell’attuale scenario competitivo del settore agroalimentare. Infatti, i consumatori rivolgono sempre di più le loro attenzioni verso prodotti con caratteristiche di qualità, di sicurezza e di quel giusto collegamento con la tradizione alimentare del territorio che garantisce esperienza nella produzione di un alimento. Le imprese si stanno gradualmente adattando a questo nuovo scenario, anche perché, l’unico modo per poter competere a livello globale è attuando una politica imprenditoriale basata, non più sulla produttività degli stabilimenti e degli impianti, ma veicolando quella maggiore qualità e di conseguenza salubrità dei prodotti alimentari italiani.
In questo scenario, sono di fondamentale importanza i distretti agroalimentari, i quali sono lo scrigno delle migliori produzioni agroalimentari italiane, possedendo nella loro organizzazione tutto quel know-how, quella esperienza, quella maestria di produrre in questo caso alimenti caratterizzati da alta qualità e da tradizionalità. Negli ultimi anni però i distretti agroalimentari hanno subito molto la concorrenza proveniente dai paesi in via di sviluppo, i quali però, basando la propria strategia su produzioni a basso costo, vengono meno nel carattere della qualità offrendo di contro prodotti a prezzi molto più bassi. Prezzi insostenibili da parte delle imprese italiane, le quali non possono contare su una manodopera a basso costo come le imprese cinesi e non possono nemmeno puntare su una produzione intensiva, dal punto di vista agricolo, che il territorio italiano non permette. Quindi, l’unica strada per l’economia agroalimentare italiana e per i distretti agroalimentari, è quella di puntare sulla qualità dei propri prodotti, valorizzandoli e veicolando quel ventaglio di peculiarità, come la tradizione e il collegamento con il territorio e con l’esperienza produttiva radicata nella zona, inimitabili da parte dei competitor. E’ su questa linea che si muove una norma del 2001 che prevede l’istituzione dei distretti agroalimentari di qualità: il giusto connubio tra prodotti e territorio, qualità e tradizione, gusto e turismo, che può garantire la sopravvivenza e l’evoluzione delle organizzazioni distrettuali agroalimentari italiane, tentando di spostare l’attenzione dalle pratiche prettamente correlate all’aspetto della produzione, ad un approccio maggiormente rivolto a veicolare le peculiarità e le caratteristiche di qualità del prodotto e del territorio da cui proviene quella determinata produzione.
Ed è proprio questo l’obiettivo che si propone questo lavoro: procedendo nel primo capitolo ad un discorso generale sugli aspetti teorici delle organizzazioni distrettuali, seguito, nel secondo capitolo, da una analisi statistica del sistema agroalimentare e delle nuove tendenze di consumo, si arriva ad analizzare nel terzo capitolo le organizzazioni distrettuali agroalimentari, valutando le possibilità provenienti dalla nuova normativa in materia di distretti agroalimentari di qualità. In seguito a questa prima discussione teorico-statistica, si procederà invece nel quarto ed ultimo capitolo, all’analisi concreta di un distretto agroalimentare come quello di Nocera-Gragnano, per il quale, dopo una breve analisi statistica e una esposizione delle precedenti attività distrettuali, si proporranno alcune ipotesi di sviluppo, prevedendo in primo luogo la trasformazione del distretto, in maniera sostanziale e non solo in maniera formale, da distretto industriale a distretto agroalimentare di qualità, verificandone i presupposti legislativi e proponendo così un nuovo modo di veicolare l’immagine del distretto, ponendo maggiormente il focus sulla valorizzazione dei prodotti e del territorio. Inoltre si proporranno ulteriori due ipotesi quali, lo sviluppo di una Responsabilità Sociale di Distretto e la creazione di un Parco Agroalimentare, entrambe sempre collegate a quella maggiore focalizzazione dell’attenzione sugli aspetti della valorizzazione dei prodotti e del territorio, in maniera tale da creare quella sinergia tra distretto, prodotti e territorio, inimitabile da parte dei competitor stranieri e garanzia di un’enorme vantaggio competitivo per le imprese distrettuali. Si propone quindi una nuova immagine di distretto, il quale deve passare dall’essere semplicemente un ente economico-produttivo, ad un ente economico-sociale, sempre più coinvolto nella valorizzazione della propria terra e dei frutti che da essa provengono, proponendo una visione dell’organizzazione distrettuale, più attenta alla propria sostenibilità sociale ed ambientale, unico modo per proporre prodotti di qualità in un territorio di qualità.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE I NTRODUZIONE Qualità, sicurezza e tradizione: tre parole chiave nell’attuale scenario competitivo del settore agroalimentare. Infatti, i consumatori rivolgono sempre di più le loro attenzioni verso prodotti con caratteristiche di qualità, di sicurezza e di quel giusto collegamento con la tradizione alimentare del territorio che garantisce esperienza nella produzione di un alimento. Le imprese si stanno gradualmente adattando a questo nuovo scenario, anche perché, l’unico modo per poter competere a livello globale è attuando una politica imprenditoriale basata, non più sulla produttività degli stabilimenti e degli impianti, ma veicolando quella maggiore qualità e di conseguenza salubrità dei prodotti alimentari italiani. In questo scenario, sono di fondamentale importanza i distretti agroalimentari, i quali sono lo scrigno delle migliori produzioni agroalimentari italiane, possedendo nella loro organizzazione tutto quel know-how, quella esperienza, quella maestria di produrre in questo caso alimenti caratterizzati da alta qualità e da tradizionalità. Negli ultimi anni però i distretti agroalimentari hanno subito molto la concorrenza proveniente dai paesi in via di sviluppo, i quali però, basando la propria strategia su produzioni a basso costo, vengono meno nel carattere della qualità offrendo di contro prodotti a prezzi molto più bassi. Prezzi insostenibili da parte delle imprese italiane, le quali non possono contare su

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi