Skip to content

Quando le imprese mentono: la repressione della pubblicità ingannevole tra autodisciplina e ordinamento statuale

Informazioni tesi

  Autore: Manuela Branco
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Pubblicità e comunicazione d'impresa
  Relatore: Virgilio D'Antonio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 140

In Italia la pubblicità commerciale è attualmente disciplinata dal d.lgs. n. 146/2007, con il quale l’ordinamento italiano ha recepito la direttiva comunitaria 29/2005 in materia di pratiche commerciali scorrette. Tale decreto è andato a modificare gli artt. 18-27 del Codice del Consumo, nei quali era stato a sua volta integrato il d.lgs. 74/1992, primissima forma di regolamentazione italiana in materia di pubblicità ingannevole.
Punti chiave della direttiva:
1)Raggiungere un obiettivo di ”armonizzazione massima” delle forme di tutela del consumatore a livello comunitario, e colmare le lacune e le differenze esistenti tra i vari ordinamenti nazionali;
2)Introduzione della disciplina delle pratiche commerciali scorrette, ovvero contrarie alla diligenza professionale (principi di correttezza e buona fede che il professionista dovrebbe tenere verso il consumatore). Esse si suddividono in pratiche ingannevoli, aggressive e black list. Le pratiche ingannevoli sono quelle che contengono informazioni non rispondenti al vero riguardanti le caratteristiche, il prezzo, la natura del bene, e che sono dunque idonee a pregiudicare il comportamento economico del consumatore. Nelle pratiche ingannevoli sono comprese anche le omissioni ingannevoli, ovvero omissioni di informazioni sul prodotto rilevanti ai fini della scelta.
Sono definite aggressive le pratiche idonee a limitare la libertà di scelta del consumatore attraverso molestie, coercizione, minacce o indebite pressioni.
Nelle black list sono comprese 31 fattispecie di pratiche commerciali, di cui 23 ingannevoli e 8 aggressive, ritenute particolarmente gravi, e per questo in ogni caso vietate, senza necessità di verificare la loro contrarietà alla diligenza professionale. Esempi: esibire un marchio di qualità senza averne ottenuto l’autorizzazione, effettuare pressing psicologico sul consumatore attraverso visite o chiamate ripetute e insistenti, presentare come gratuita l’offerta di un prodotto quando in realtà sono previsti dei costi a carico del consumatore, esortare i bambini a convincere i genitori ad acquistare il prodotto reclamizzato ecc.
3)Le competenze in materia di pubblicità ingannevole restano all’A.G.C.M., meglio nota come Antitrust, come già stabilito originariamente dal d.lgs. 74/92, ma vengono ulteriormente rafforzate, introducendo l’intervento d’ufficio e non più su segnalazione di parte (consumatori, concorrenti, associazioni ecc.), e raddoppiando l’ammontare delle sanzioni pecuniarie previste per le violazioni.
A causa della prolungata inerzia del legislatore e quindi della mancanza di una disciplina statuale del fenomeno pubblicitario, in Italia fin dal 1966 gli operatori pubblicitari hanno costituito l’IAP, formato dal Comitato di Controllo, con funzioni preventive e consultive, e dal Giurì di Autodisciplina, organo giudicante. L’IAP ha emanato il CAP, una sorta di codice deontologico che detta le regole di condotta per gli operatori pubblicitari, tutelando l’interesse dell’imprenditore a non essere leso dalla pubblicità scorretta altrui. I due organi competenti in materia di pubblicità ingannevole sono, dunque, l’IAP e l’Antitrust. I due sistemi sono completamente autonomi e indipendenti l’uno dall’altro, posti, per così dire, su piani “paralleli”. Una pubblicità che risulta ingannevole per l’uno può non esserlo per l’altro, e una stessa controversia può essere presentata innanzi ad entrambi. D’altro canto può risultare superfluo ricorrere all’Autorità per una comunicazione pubblicitaria della quale il Giurì abbia già disposto la cessazione. In quest’ottica l’Autodisciplina può essere vista come uno strumento preventivo in grado di sgravare l’operato dell’amministrazione statale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Il 25 gennaio del 1992 il Parlamento approvò il decreto legislativo n. 74, meglio noto come decreto sulla pubblicità ingannevole, in recepimento della direttiva comunitaria n. 450 del 1984, che individuava le fattispecie di ingannevolezza della pubblicità commerciale, nell’intento di indurre i paesi membri ad adottare una normativa nazionale a tutela dei consumatori contro le piccole o grandi truffe perpetrate dagli operatori commerciali attraverso i messaggi pubblicitari. Lo stesso decreto legislativo ha attribuito il compito di vigilare sul rispetto della normativa e di applicare le relative sanzioni all’AGCM (Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato), la stessa autorità a cui spetta il controllo sull’osservanza della Legge Antitrust n.287 del 1990 a tutela di consumatori e imprese per garantire il corretto svolgimento del gioco concorrenziale. Nei 16 anni trascorsi dall’introduzione nell’ordinamento italiano della suddetta normativa, si sono verificati molti cambiamenti che stanno caratterizzando il panorama mass-mediatico e pubblicitario italiano. Lo sviluppo della tecnologia ha, infatti, favorito l’espansione di mezzi di comunicazione vecchi e nuovi: in primis, la rete Internet e le sue diverse declinazioni (e-mail, chat, newsletter, forum), poi la telefonia mobile (ed insieme ad essa sms, mms e videochiamate) e, da ultimo, l’incremento di 7

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

antitrust
autodisciplina pubblicitaria
codice del consumo
pratiche commerciali scorrette
pubblicità ingannevole
tutela consumatori

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi