Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La crisi di spettatori della serie A italiana di calcio. Analisi delle cause e strategie future per ripopolare gli stadi.

L’obiettivo di questo lavoro è quello di analizzare il momento del campionato italiano di calcio, concentrandosi soprattutto sul tema delle presenze allo stadio.
Il tema delle presenze allo stadio è infatti molto rilevante per una società di calcio, data l’importanza che i tifosi hanno per un club, non soltanto in veste di supporter ma anche in veste di clienti, dai quali dover riuscire a trarre il maggior valore possibile. La presenza degli spettatori alle gare allo stadio rappresenta un’importante fonte di ricavo per le società di calcio fin dagli albori di questo sport, e per questo motivo è un tema che non deve essere trascurato dai manager delle società calcistiche, che devono sempre sviluppare strategie per riempire gli stadi e realizzare ricavi importanti per il bilancio e la salute economica dei club.
Questo lavoro evidenzierà come in Italia negli ultimi anni si sia registrato un progressivo e preoccupante calo degli spettatori, che comporta una contemporanea riduzione dei ricavi dei club, figlio di una politica degli stadi pressoché inesistente nel nostro campionato e di una lotta alla violenza nelle manifestazioni sportive che fatica a produrre risultati ottimali.
Si confronterà la situazione del nostro campionato con quella di altri campionati di prima fascia europei, cercando di trarre le differenze più significative e le indicazioni da poter prendere come spunto per contrastare questa crisi.
Nel primo capitolo si realizzerà una piccola introduzione per descrivere come il mondo del calcio sia cambiato nel corso della sua vita, trasformando le società di calcio professionistiche in vere e proprie imprese, con tutte le esigenze e caratteristiche peculiari connesse. Si farà anche un breve intervento volto a classificare il pubblico di riferimento a cui un’impresa calcistica si rivolge. Nel secondo capitolo si svolgerà una vera propria analisi del nostro campionato a confronto con i campionati di Spagna, Germania, Inghilterra e Francia sul tema presenze allo stadio e ricavi da stadio, per verificare la situazione del calcio italiano, le differenze e gli eventuali punti di forza e debolezza.
Nel terzo capitolo, infine, si illustreranno possibili strategie realizzabili in Italia per riavvicinare le persone allo stadio, combattere la crisi di spettatori e ridare la giusta importanza ai ricavi da stadio, come vedremo drasticamente diminuiti rispetto all’estero nel nostro campionato.

Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO 1 Le società di calcio: da sport a business. In questo capitolo, che fa da introduzione al mio lavoro di ricerca, svolgo una panoramica sulla evoluzione storica delle società di calcio, dalla loro nascita ai giorni d‟oggi, sottolineando le crescenti caratteristiche di imprenditorialità che le suddette società hanno sviluppato nel corso degli anni. Questo per evidenziare l‟importanza economica che il settore ha raggiunto, che rende sempre più necessari comportamenti sempre più business-oriented anche per le società sportive, come per delle vere e proprie imprese. Nel secondo paragrafo del capitolo effettuo un‟analisi dell‟offerta sportiva per comprendere come è strutturato il prodotto sportivo e quali sono le sue caratteristiche peculiari, e un‟analisi del pubblico di riferimento delle imprese calcistiche, proprio per sottolineare l‟importanza di sviluppare analisi del portafoglio clienti anche per queste imprese e per evidenziare l‟importanza che i tifosi ricoprono non solo come supporters della squadra, ma anche come clienti del club. 5

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Economia

Autore: Yassine Fellag Contatta »

Composta da 85 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1972 click dal 20/01/2011.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.