Skip to content

Effetti delle fusioni ed acquisizioni tra banche sui prestiti alle piccole e medie imprese in Italia

Informazioni tesi

  Autore: Christian Corradini
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1998-99
  Università: Università Commerciale Luigi Bocconi di Milano
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Aziendale
  Relatore: Giancarlo Forestieri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 183

L'idea di trattare il problema dell'effetto delle operazioni di consolidamento bancario sui prestiti alle piccole e medie imprese prende spunto dalla lettura di alcuni lavori realizzati sull'argomento da autori statunitensi.
Negli Usa il processo di ristrutturazione bancaria è stato particolarmente intenso negli ultimi anni, il numero di banche è diminuito del 30% tra il 1988 ed il 1997, e l'attivo delle 8 maggiori banche è passato dal 22.3% al 35.5% del totale nazionale. In Italia le operazioni di aggregazioni condotte nel corso degli anni novanta hanno riguardato 432 banche, dal 1980 al 1997 il numero di banche è diminuito del 18%, in base ai prezzi pagati le operazioni hanno assunto in Italia valori elevati, dell'ordine di 45.000 miliardi di lire, superati solo nel Regno Unito.
La portata e l'intensità di tale processo ha sollevato, inevitabilmente, rilevanti questioni di politica economica, tra le quali la possibilità che una maggiore dimensione delle nuove banche, frutto di fusioni ed acquisizioni, generi una contrazione dell'offerta di credito alla clientela più piccola in virtù di maggiori diseconomie organizzative (associate alla dimensione bancaria). L'ipotesi di fondo che alimenta i principali studi in materia è l'esistenza di un cosiddetto "size effect" sui prestiti alla piccola e media impresa, ovvero, una maggiore dimensione della banca fa si che il costo marginale connesso all'attività di erogazione dei piccoli prestiti aumenti, perché l'attività di valutazione e monitoraggio della clientela creditrice richiede l'attivazione di procedure ed il coinvolgimento di livelli organizzativi della banca del tutto differenti, laddove si tratti di imprese piccole ed informativamente opache piuttosto che imprese di grandi dimensione e caratterizzate da una maggiore trasparenza informativa.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione "Stiamo acquisendo una massa critica non solo nell'investment banking ma anche nella gestione di attività e nei servizi per le transazioni. Questo ci consentirà di rivendicare una posizione di leadership sul mercato"; Rolf Breuer, presidente di Deutsche Bank, a commento dell'acquisizione di Bankers Trust. "Ma per aumentare la presenza sul mercato è altresì indispensabile tenere legata, fidelizzare, la propria clientela ed acquisirne sempre di nuova." Relazione sulla gestione, Bilancio 1996 Banco Ambrosiano Veneto Le concentrazioni nell’industria bancaria mondiale sono ormai un dato acquisito da tempo, hanno assunto dimensioni rilevanti in molti paesi tra cui gli Stati Uniti, il Giappone, la Scandinavia. Anche per l’Italia, pur con i ritardi dovuti alle condizioni iniziali di bassa concorrenza ereditati dal passato, il cambiamento è stato radicale; la compressione dei margini esercitata dalla concorrenza ha inevitabilmente stimolato ristrutturazioni e concentrazioni. Le problematiche ed i dubbi che questo processo di consolidamento solleva sono molteplici, a cominciare dalla effettiva utilità economica, per alcuni indiscutibile, per altri da prendere con le dovute cautele, dettate soprattutto dalla concreta possibilità di creare un valore aggiunto maggiore. Le ragioni fondamentali alla base di tale fenomeno sono prevalentemente di origine esterna: l’informatica e le telecomunicazioni in primo luogo, che favoriscono la globalizzazione finanziaria e l’abbattimento dei costi di trasmissione e

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi