Skip to content

Plasticità neuronale: nuove prospettive

Informazioni tesi

  Autore: Simonetta Borrometi
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Messina
  Facoltà: Scienze Cognitive
  Corso: teorie e metodi della riabilitazione cognitiva e linguistica
  Relatore: Alessandra Falzone
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 189

Neuronal plasticity: new perspectives

Il cervello è capace di integrare le caratteristiche dell’ambiente esterno con quelle dell’ambiente interno e produrre delle risposte appropriate di adattamento in relazione a questi due ambienti in continua mutazione. L’analogia tra cervello ed hardware è molto interessante, ma anche molto superata (e soprattutto errata) poiché il SNC è decisamente molto più complesso rispetto ad un computer, e, caratteristica più importante, quest’ultimo non è in grado di essere adattabile, plastico. La plasticità è una caratteristica di fondamentale importanza in quanto sta alla base di processi di memoria ed apprendimento, oltre che degli effetti terapeutici in seguito ad iter farmacologici e riabilitativi. Questo lavoro di tesi si pone l’obiettivo di analizzare, attraverso la descrizione di svariate ricerche recenti, il concetto di plasticità dal punto di vista neurobiologico e da quello neuropsicologico, per finire con un approccio del tutto innovativo: l’approccio cognitivo della riabilitazione.
Più nello specifico, nel primo capitolo saranno descritti gli elementi neurobiologici del sistema nervoso centrale: il neurone (circa 100miliardi nell’uomo) rappresenta quella struttura in grado di integrare le informazioni provenienti dal mondo esterno con quelle provenienti dal mondo interno rispondendo attraverso una elaborazione di tipo cognitivo.
Nel tessuto nervoso non abbiamo solo neuroni, ma anche cellule gliali (da 10 a 50 volte più numerose dei neuroni), le quali non sono in grado di eccitarsi, come i neuroni, ma sono importantissime per l’attività di supporto, cicatrizzante e tutto ciò che serve per far star bene il neurone, ma non solo. Inoltre, la loro attività di supporto non è limitata esclusivamente al neurone, ma anche ai rapporti che quest’ultimo tiene con svariati neuroni.
Nel secondo capitolo verrà delineato lo sviluppo pre e post natale prestando maggiore attenzione, attraverso ricerche recenti, alla genesi dei circuiti nervosi e alla magnifica rivelazione dei fattori di crescita, come il Nerve Growth Factor, scoperto da Levi-Montalcini e Cohen (premio Nobel nel 1986 per la Medicina). Questo importante fattore di crescita ha la capacità di bloccare il programma di morte della cellula neuronale (apoptosi), mantenendo dunque in vita quest’ultima.
Un’altra ricerca recente che ha dato l’inizio ad una nuova frontiera per la cura di malattie neurodegenerative è l’acido nervonico, un acido grasso che attiverebbe, attraverso la modulazione dei canali ionici e dei recettori di membrana, alcune funzioni cerebrali dell’individuo.
Il terzo capitolo ha il compito di illustrare la grande ricerca effettuata da Eric Kandel (premio Nobel nel 2000 per la Medicina) su una lumaca di mare, l’Aplysia Californica, per meglio comprendere i meccanismi biochimici che portano alla formazione della memoria e dell’apprendimento, attraverso l’abitudine, la sensibilizzazione ed il condizionamento. Inoltre si vuole evidenziare il ruolo dell’ippocampo e del bulbo olfattivo, che grazie alle ricerche recenti, si è potuto rendere visibile il loro fondamentale ruolo nei processi di plasticità neuronale.
Con il quarto capitolo si inizia a restringere il campo della plasticità a situazioni patologiche come le afasie. Viene, dunque, effettuata una descrizione clinica neuropsicologica dei vari soggetti affetti da sindromi afasiche e una batteria di test per la diagnosi dei loro deficit fonologici, morfosintattici e semantici.
Infine, il quinto capitolo viene dedicato alla riabilitazione cognitiva di questi disturbi del linguaggio, al fine di poter render chiaro l’aspetto cognitivo all’interno di un intervento riabilitativo e come questo possa attivare nel migliore dei modi quei processi di plasticità descritti nei capitoli precedenti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Il cervello è sicuramente l‟organo del corpo umano più affascinante in quanto è capace di integrare le caratteristiche dell‟ambiente esterno con quelle dell‟ambiente interno e produrre delle risposte appropriate di adattamento in relazione a questi due ambienti in continua mutazione. L‟analogia tra cervello ed hardware è molto interessante, ma anche molto superata (e soprattutto errata) poiché il SNC è decisamente molto più complesso rispetto ad un computer, e, caratteristica più importante, quest‟ultimo non è in grado di essere adattabile, plastico. Mentre il computer è un oggetto statico che permette di registrare le informazioni in scompartimenti gerarchizzati e non cambia la propria architettura in base ad esse, il cervello adulto è dotato di una plasticità neuronale dipendente dall‟esperienza che ne consente l‟adattamento all‟ambiente che lo circonda, poiché è l‟esperienza a lasciare una traccia “fisica” all‟interno del sistema nervoso centrale. La plasticità è una caratteristica di fondamentale importanza in quanto sta alla base di processi di memoria ed apprendimento, oltre che degli effetti terapeutici in seguito ad iter farmacologici e riabilitativi. Questa recente concezione ha permesso di superare una visione ormai cristallizzata del sistema nervoso, in cui si riteneva che il cervello fosse un organo statico, tale per cui, un volta formato, non poteva più rigenerarsi (Cajal,1914). Oggigiorno sappiamo che non è affatto così: la prima fase di questo interessante processo avviene nel momento in cui si va modificando l‟efficacia sinaptica in relazione alla neurotrasmissione, mentre i cambiamenti a lungo termine richiedono anche l‟aiuto dell‟espressione genica e la sintesi proteica, in modo tale da condurre non più un semplice 4

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

acido nervonico
afasia broca
afasia di conduzione
afasia globale
afasia wernicke
batteria per l'analisi deficit afasici (b.a.d.a)
cellule gliali
diagnosi neuropsicologica
ercik kandel
fattori di crescita
ippocampo
nerve growth factor (ngf)
neurone
plasticità bulbo olfattivo
plasticità neuronale
riabilitazione
rigenerazione
rita levi montalcini
sviluppo cerebrale
valutazione neuropsicologica delle afasie

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi