Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il fenomeno degli Hikikomori: sintomatologia, eziopatogenesi e terapia integrata

Il presente lavoro si propone di analizzare e discutere il fenomeno degli Hikikomori, una sindrome comparsa solo di recente che si sta diffondendo come una pandemia interessando circa un milione di giovani giapponesi con le proprie manifestazioni: ritiro sociale dalle normali attività, dipendenza dalla rete Internet, abbandono della progettualità ed espressioni di violenza.
Una prima parte del lavoro si occupa di esplorare il contesto storico-culturale in cui i giovani interessati dalla sindrome sono inseriti, con il tentativo di comprendere quali meccanismi sociali, psicologici e culturali possano entrare in gioco nell’eziologia della patologia.
Il secondo capitolo si occupa di analizzare il ruolo svolto dalla rete Internet nel mantenimento della patologia, l’influenza del sistema educativo tipico giapponese (impregnato di significati e valori rimasti immutati quali espressioni della più antica tradizione culturale) e la sua profonda relazione con particolari caratteristiche psicologiche dei soggetti Hikikomori, l’espressione frequente del bullismo “ijime” quale causa principale di abbandono scolastico.
Infine, nel terzo capitolo, ci si focalizza sulle possibilità di intervento terapeutico applicato alla sindrome Hikikomori. Si apprende dalla letteratura come in Giappone non vi siano che poche strutture dedicate, per lo più organizzazioni no-profit che si occupano principalmente del reinserimento lavorativo dei soggetti. Un intervento più squisitamente psicologico è qui proposto in forma integrata, nelle varianti sistemico-relazionali, cognitivo-comportamentali, cognitivo-causali e dell’auto-mutuo-aiuto.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Il presente lavoro si propone di analizzare e discutere il fenomeno degli Hikikomori, una sindrome comparsa solo di recente che si sta diffondendo come una pandemia interessando circa un milione di giovani giapponesi con le proprie manifestazioni: ritiro sociale dalle normali attività, dipendenza dalla rete Internet, abbandono della progettualità ed espressioni di violenza. Una prima parte del lavoro si occupa di esplorare il contesto storico-culturale in cui i giovani interessati dalla sindrome sono inseriti, con il tentativo di comprendere quali meccanismi sociali, psicologici e culturali possano entrare in gioco nell’eziologia della patologia. Il secondo capitolo si occupa di analizzare il ruolo svolto dalla rete Internet nel mantenimento della patologia, l’influenza del sistema educativo tipico giapponese (impregnato di significati e valori rimasti immutati quali espressioni della più antica tradizione culturale) e la sua profonda relazione con particolari caratteristiche psicologiche dei soggetti Hikikomori, l’espressione frequente del bullismo “ijime” quale causa principale di abbandono scolastico. Infine, nel terzo capitolo, ci si focalizza sulle possibilità di intervento terapeutico applicato alla sindrome Hikikomori. Si apprende dalla letteratura come in Giappone non vi siano che poche strutture dedicate, per lo più organizzazioni no-profit che si occupano principalmente del reinserimento lavorativo dei soggetti. Un intervento più squisitamente psicologico è qui proposto in forma integrata, nelle varianti sistemico- relazionali, cognitivo-comportamentali, cognitivo-causali e dell’auto-mutuo-aiuto. 1

Laurea liv.I

Facoltà: Psicologia

Autore: Veronica Mammi Contatta »

Composta da 55 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6579 click dal 09/02/2011.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.