Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Origine e sede dei popoli slavi

In questo lavoro il cono di luce sarà proiettato sull’origine dei popoli slavi, i quali hanno rappresentato e sono ad oggi una numerosa comunità ento-linguistica, nel quadro dei popoli della terra. Il tema centrale è la questione nata intorno alla loro terra primigenia ed etnogenesi, a cui si giunge attraverso un percorso descrittivo che mette in risalto aspetti etnici e storici della loro più remota esistenza. Nel primo capitolo si inquadra il percorso storico nei secoli più significativi dell’antichità di questo gruppo etnico, inizialmente unitario, poi disgregatosi. Si parlerà, quindi, della grande migrazione che li ha visti protagonisti indiscussi. Attenzione particolare sarà rivolta alla cosiddetta famiglia slava, che deriva dalla più grande famiglia linguistica indo-europea, e da cui nascono le diverse lingue slave (occidentali, orientali, meridionali). Si passerà a vagliare l’incongruenza tra l’appartenenza delle lingue slave alla famiglia indoeuropea, ed il dubbio che i popoli slavòfoni non provengano dallo stesso ceppo.
Nel capitolo secondo l’attenzione sarà rivolta al panorama linguistico slavo, i-niziando dalla descrizione del protoslavo per finire con quella delle diverse lingue slave derivate. Origine è la parola chiave anche quando si parla della lingua antica slava ecclesiastica. Interessante è la strada proposta dalla teoria “pannonica” nella ri-cerca di una condivisibile risposta alla questione.
Altro schema di diverse ipotesi è quello relativo all’origine della parola “slavo”. Tre sono le principali idee a riguardo, che ricollegano il lessema a slovo (parola); oppure slava (gloria); o al latino sclavus (schiavo). Un’ulteriore ipotesi vorrebbe la sua deri-vazione dal contesto religioso, ovvero dall’uso diffuso nella società slava antica di nomi religiosi per indicare un’entità culturale o una classe sociale. A“slavo”si asso-cerebbe il significato di fedele.
Gli Slavi, all’inizio della loro storia, non hanno lasciato tracce della propria esi-stenza attraverso testimonianze scritte. Si presentano alla storia solo nel Medioevo. Le prime testimonianze plausibili su di essi, sotto il nome di Venedi, considerando il materiale storico più antico, risalgono al I - II sec. d.C. e sono state prodotte da autori antichi. Lo storico greco Giordane definisce i Venedi una numerosa tribù, spostatasi dalle rive della Vistola, verso estesi spazi. Anche con lo storico romano Plinio il Vecchio (I sec. d.C.) si incontra la stessa tribù.
[...]

Mostra/Nascondi contenuto.
0007 Capitolo I Gli Slavi

Laurea liv.I

Facoltà: Lingue e culture comparate (cl.11)

Autore: Elisabetta Rotondi Contatta »

Composta da 64 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1088 click dal 09/02/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.