Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Esistenza e alterità

Il presente lavoro si propone di indagare il travagliato rapporto di Martin Heidegger con il soggettivismo e il pensiero dell’alterità. In particolare,si è inquadrata la questione entro la produzione heideggeriana che si estende dai primi corsi tenuti a Friburgo nel 1919 alla metà degli anni Trenta,alle soglie del cosiddetto “pensiero della svolta”.La scelta di circoscrivere l’analisi ad un arco di tempo limitato e non all’intera opera di Heidegger ha due motivazioni fondamentali:innanzitutto gli anni 1919-1935 sono quelli in cui l’autore non perviene ancora al superamento del soggettivismo e al pensiero dell’alterità e si tratta,quindi,del periodo in cui il tema affrontato si rivela più problematico;in secondo luogo la selezione applicata risponde all’esigenza di rendere la trattazione più coerente e meno dispersiva possibile.
L’esigenza di svolgere un lavoro che fosse esaustivo ma non dispersivo ha purtroppo costretto a liquidare alcune questioni con brevi accenni e rimandi,riservandosi di svilupparle e approfondirle in altra sede.
Quanto si intende dimostrare è il legame di filiazione tra concezione e sviluppo del problema cosmologico da parte di Heidegger e l’impossibilità per lui di pensare gli altri in un rapporto di parità e cooriginarietà con l’Esserci,cui sono legate le difficoltà da lui incontrate nell’attuare il tanto auspicato e più volte annunciato supermento del soggettivismo moderno:a partire da un’idea di mondo come unità dell’esperienza del sé,prima,e di orizzonte di significatività dell’essere dell’uomo,poi,come avrebbe potuto l’autore pensare l’alterità dell’Essere e del mondo stesso rispetto a un uomo ancora detentore del senso delle cose?Come avrebbe potuto pensare il rapporto tra questo uomo e gli altri a lui simili se non come rapporto di dominio dell’uno sugli altri o viceversa?
Si è deciso di articolare il presente lavoro secondo tre nuclei tematici fondamentali,a ciascuno dei quali è stato dedicato un capitolo:la questione cosmologica (capitolo 1);la concezione del rapporto dell’uomo alla realtà,che dipende immediatamente dal modo in cui Heidegger pensa il mondo (capitolo 2) e la conseguente subordinazione tanto del problema dell’Essere quanto del pensiero degli altri e dell’altro al protagonismo del soggetto-Dasein.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione. «Questa è filosofia. Non ci capisco una parola. Ma questa è filosofia» 1 . Queste parole del fisico e filosofo C. F. Weizsäcker esprimono adeguatamente la prima impressione che si ha avvicinandosi all‟opera di Martin Heidegger. Il confronto con il suo pensiero costituisce un‟esperienza che può spaesare e scoraggiare il lettore. L‟ermeticità del suo discorso e le sue sperimentazioni linguistiche sembrano essere, di primo acchito, ostacoli insormontabili e solo un‟attenta e paziente frequentazione dei suoi testi consente di appianare questi monti apparentemente invalicabili. Chi fosse abbastanza curioso e tenace da accettare la sfida e non abbandonare il campo si troverebbe poi coinvolto e affascinato dal pensiero innovatore e sperimentatore di questo autore. Il tentativo di ripercorrere e ricostruire il percorso speculativo di Heidegger richiede un ingente investimento di energie: la tortuosità del ragionamento e dell‟esposizione si accompagna a una produzione discontinua, costituita da corsi universitari, saggi, conferenze e trattati, alcuni dei quali rimasti incompiuti o tronchi 2 , che rispecchiano l‟andamento di un pensiero che si sottrae alle contrapposizioni concettuali che caratterizzano la tradizione filosofica. Esso non può essere etichettato come razionalistico né bollato 1 C. F. Weizsäcker assistendo a una lezione di Heidegger. L‟aneddoto è stato citato in più sedi. In questo caso si è fatto riferimento a G. Neske (hg. v.), Erinnerungen an Martin Heidegger, Pfullingen 1977, p. 239. 2 Cfr. Sein und Zeit [1927, M. Niemeyer Verlag, Tübingen 2006 (Essere e tempo, a. c. di P. Chiodi, UTET, Torino 1993)] e Beiträge zur Philosophie (Vom Ereignis) [V. Klostermann Verlag, Frankfurt a. M. 1989 (Contributi alla filosofia (Dall‟evento), a c. di F. Volpi, Adelphi, Milano 2007 )], ma anche i corsi universitari Die Grundprobleme der Phänomenologie [1927, V. Klostermann GmbH, Frankfurt a. M. 2005 (I problemi fondamentali della fenomenologia, a. c. di A. Fabris, Il Melangolo, Genova 1988)] e Die Grundbegriffe der Metaphysik. Welt – Endlichkeit – Einsamkeit (1929/‟30) [V. Klostermann Verlag, Frankfurt a. M. 1983 (Concetti fondamentali della metafisica. Mondo – Finitezza - Solitudine, a. c. di P. Coriando, Il Melangolo, Genova 1992)].

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Valentina Severin Contatta »

Composta da 204 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1267 click dal 16/02/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.