Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il bambino maltrattato: le priorità del servizio sociale

Oggi è sempre più attuale il tema del maltrattamento all'infanzia, ma si tende ad agire sempre dopo che il minore ha già subìto violenza, invece che prima : si "cura" e non si previene.
Fondamentale è, invece, agire ai vari livelli di prevenzione (primario, secondario e terziario), per creare condizioni di benessere per il minore e per individuare fasce di popolazione in cui può svilupparsi la violenza.
La prima parte di questo elaborato è un quadro normativo delle principali leggi internazionali, nazionali e regionali in materia di tutela dei minori; successivamente vi è una descrizione delle diverse forme di maltrattamento infantile, analizzandone anche gli indicatori e i fattori di rischio; poi ho analizzato l'importanza che ha la prevenzione mettendo in luce alcune strategie che si dovrebbero attuare per renderla efficace.
Infine ho voluto sottolineare il ruolo chiave che riveste la Scuola come osservatorio privilegiato del disagio infantile.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Oggi è sempre più attuale il tema del maltrattamento all‟infanzia, ma si tende ad agire sempre dopo che il minore ha già subìto violenza, invece che prima: si “cura” e non si previene. Le norme del Codice Penale sono rivolte alla repressione e alla punizione dell‟adulto maltrattante e i Servizi Sociali non hanno sufficiente consapevolezza dei fattori di rischio del maltrattamento per poterlo prevenire. Il lavoro con la famiglia maltrattante, la protezione del minore e il sostegno del nucleo sono attuati senza dubbio in modo massiccio, ma sempre quando la violenza è già stata compiuta, cioè a livello di prevenzione terziaria. E‟ fondamentale, invece, agire ai primi due livelli di prevenzione, prima per creare situazioni di benessere per il minore, poi per individuare, eventualmente, le fasce di popolazione in cui può svilupparsi la violenza. La prima parte di questo elaborato è un quadro normativo delle principali leggi internazionali, nazi onali e regionali in materia di tutela dei minori; successivamente vi è una descrizione delle diverse forme di maltrattamento infantile, analizzandone anche gli

Laurea liv.I

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Maria Vittoria De Stefano Contatta »

Composta da 89 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3260 click dal 21/02/2011.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.