Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Politica di Vicinato dell’Unione Europea e la riforma degli strumenti finanziari per la cooperazione con i Paesi dell’Est

Il presente lavoro, articolato in tre capitoli, cercherà di ricostruire le tappe attraverso le quali si sono sviluppate le relazioni esterne dell’Unione europea con i Paesi limitrofi, in particolare con quelli dell’Est, sia in prospettiva di una futura adesione sia in termini di “buon vicinato”.
Si analizzerà come tramite l’estensione delle sue regole e dei suoi principi ai nuovi membri e ai nuovi “vicini”, l’Unione europea si prefigge di rafforzare la pace, la democrazia, la stabilità e soprattutto la prosperità economica in tutto il continente. Se, da un lato, le relazioni esterne dell’Unione sono volte allo sviluppo di processi democratici e alla promozione delle strutture integrative di cooperazione economica e politica che la stessa UE ha adottato per le proprie politiche interne e che propone ai Paesi terzi come strategia per conseguire stabilità e prosperità, dall’altro intendono inoltre potenziare i rapporti commerciali con i partner per abolire possibili ostacoli agli scambi di merci e capitali e rafforzare l’integrazione economica europea all’interno dell’area.
Vedremo come la Commissione europea mantenga come obiettivi primari delle proprie politiche la stabilità democratica ed economica con i Paesi “vicini” e con i Paesi terzi in generale, tuttavia non prevedendo necessariamente una futura adesione degli stessi, come invece è avvenuto negli anni Novanta. L’allargamento non è più considerato come passo indispensabile per l’integrazione europea dei Paesi partner: si afferma bensì una “politica di prossimità” che viene implementata, non più attraverso la strategia di preadesione, ma attraverso accordi di partenariato e cooperazione e soprattutto con degli accordi di libero scambio, i quali mirano a creare all’interno dei Paesi partner tutti i presupposti necessari ad una convergenza verso i principi e valori comunitari, senza però prevederne l’adesione.
Con la recente adozione delle nuove Prospettive Finanziarie 2007-2013, vengono pertanto ad affermarsi nuovi strumenti di cooperazione con i Paesi terzi e particolare attenzione sarà rivolta al nuovo strumento di assistenza pre-adesione (SAP, IPA in inglese) - che va a sostituire i precedenti strumenti adottati prima dell’ultimo allargamento - e all’innovativo strumento europeo di prossimità e partenariato (SEPP, ENPI in inglese).
Infine, il presente lavoro si conclude con un confronto tra la politica esterna adottata dall’Unione negli anni Novanta e quella che invece sta caratterizzando gli anni correnti, le caratteristiche dell’approccio dell’Unione verso i Paesi terzi e soprattutto i principi ispiratori dei propri metodi d’azione.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Introduzione Negli anni Novanta il crollo del sistema sovietico ha portato rapidamente a processi di integrazione e disintegrazione internazionale. Nel 1990 la Germania viene riunificata, nel 1991 si disintegra il blocco commerciale comunista (Comecon), seguito dalla stessa Unione Sovietica; lo stesso anno si dissolve il Patto di Varsavia, esplode sanguinosamente la federazione Jugoslava e nel 1993 si scioglie pacificamente quella Ceco-Slovacca. Pertanto, con la crisi dell’Unione Sovietica e la fine dell’area di controllo sovietico in Europa Orientale, la Germania torna ad essere il centro di una vasta Europa continentale e i Paesi compresi tra la Germania e la Russia si rivolgono verso occidente per ritrovare linee di crescita e di sicurezza interrotte per un lungo periodo. Nel versante occidentale del continente, infatti, si assisteva all’affermarsi della Comunità europea che, abbandonando progressivamente la fase di coalizione di Paesi usciti sconfitti o fortemente ridimensionati dalla guerra mondiale e bisognosi di proteggersi a vicenda per ricostruire le proprie economie, mirava a rafforzare il proprio ruolo nello scenario mondiale e a stabilire condizioni tali da garantirsi un futuro prospero all’interno e all’esterno dei propri confini. Venuti meno gli ostacoli politici che fino ad allora avevano impedito qualsiasi tipo di relazione commerciale tra i due versanti, si avvia un processo di riavvicinamento tra l’Unione e i Paesi dell’Europa Centro Orientale (PECO), attraverso una serie progressiva di accordi bilaterali e di strumenti finanziari volti a ricostruire, prima, e a potenziare, poi, i rapporti economici e politici all’interno dell’area europea. Il presente lavoro, articolato in tre capitoli, cercherà di ricostruire le tappe attraverso le quali si sono sviluppate le relazioni esterne dell’Unione europea con i Paesi limitrofi, in particolare con quelli dell’Est, sia in prospettiva di una futura adesione sia in termini di “buon vicinato”. Si analizzerà come tramite l’estensione delle sue regole e dei suoi principi ai nuovi membri e ai nuovi “vicini”, l’Unione europea si prefigge di rafforzare la pace, la democrazia, la stabilità e soprattutto la prosperità economica in tutto il continente. Se, da un lato, le relazioni esterne dell’Unione sono volte allo sviluppo di processi democratici e alla promozione delle strutture integrative di cooperazione economica e politica che la stessa UE ha adottato per le proprie politiche interne e che propone ai Paesi terzi come strategia per conseguire stabilità e prosperità, dall’altro intendono inoltre potenziare i rapporti commerciali I

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Sara Holst Contatta »

Composta da 71 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3245 click dal 16/03/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.