Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il PCI e la Primavera di Praga attraverso le pagine dell'Unità

Attraverso lo studio e l’analisi degli articoli e degli editoriali apparsi su «L’Unità» tra il 1968 e il 1969, questa tesi si propone di esaminare l’atteggiamento che il Partito Comunista Italiano ha mantenuto nei confronti del processo di democratizzazione avviato dal regime comunista in Cecoslovacchia agli inizi del 1968, noto come la “Primavera di Praga”, e la risposta del PCI all’intervento militare dell’Unione Sovietica e degli altri paesi del Patto di Varsavia che nell’agosto dello stesso anno pose fine al tentativo riformatore. Questo lavoro si propone in particolare di approfondire le ripercussioni che questo evento ha avuto sui rapporti tra il PCI e lo “storico” alleato sovietico. La tesi è suddivisa in tre parti: la prima contestualizza la “Primavera di Praga” all’interno di un anno denso di avvenimenti come il 1968, dando un quadro sintetico dello sviluppo del movimento di protesta giovanile, degli avvenimenti che furono all’origine del processo di riforma avviato da Alexander Dubček in Cecoslovacchia e del progressivo svilupparsi della sua azione nei primi mesi del 1968 fino all’intervento militare sovietico; nella seconda parte si delinea l’evoluzione della politica interna ed estera del PCI nel corso degli anni Sessanta attraverso l’ultima fase della segreteria di Palmiro Togliatti, leader storico del partito, e del suo successore Luigi Longo, politica che pone le premesse fondamentali per comprendere l’atteggiamento dei comunisti italiani nei confronti della Primavera di Praga e dell’invasione sovietica; nel capitolo conclusivo attraverso gli articoli de «L’Unità» si esamina mese per mese l’atteggiamento del PCI nei confronti delle “Primavera di Praga”. Grazie ai resoconti degli inviati del quotidiano si può cogliere infatti l’evoluzione della posizione del partito, i motivi che portarono alla scelta di appoggiare con convinzione l’azione di Dubček e dei riformatori, ma anche i dubbi, i timori e i contrasti che caratterizzarono il confronto interno al gruppo dirigente del PCI. Allo stesso tempo si può constatare come la questione cecoslovacca portò un netto mutamento anche nei rapporti con l’URSS di Brežnev e con il resto del movimento comunista mondiale. Fin da subito il PCI mostrò infatti una netta contrarietà nei confronti della possibilità di un intervento militare sovietico in Cecoslovacchia. In seguito, al momento dell’invasione, il PCI si trovò davanti dunque ad uno dei passaggi più critici della sua storia, per alcuni dirigenti fu un momento traumatico, per la prima volta il partito espresse pubblicamente il suo «grave dissenso e la riprovazione» nei confronti di Mosca. Si trattava pur con tutti i limiti e le incertezze, specialmente nella successiva fase della normalizzazione, di una prima “svolta”, un passaggio storico per il partito. Tra il 1968 e il 1969 in vari incontri il PCUS cercò con forti pressioni di convincere il PCI a riallinearsi sulle proprie posizioni e in particolare ad accettare la “dottrina Brežnev” sulla sovranità limitata dei paesi e dei partiti comunisti e di conseguenza la normalizzazione della Cecoslovacchia. Tuttavia a differenza della maggior parte dei partiti comunisti occidentali, che, dopo il dissenso iniziale, nel corso dei mesi andarono riallineandosi progressivamente sulle posizioni di Mosca, il PCI riuscì a mantenere un certo grado di autonomia e a far accettare alla dirigenza sovietica questa situazione, senza peraltro giungere ad una rottura netta.

Mostra/Nascondi contenuto.
I Introduzione Questo lavoro si propone di analizzare l’atteggiamento che il Partito Comunista Italiano ha mantenuto nei confronti del processo di democratizzazione avviato dal regime comunista in Cecoslovacchia agli inizi del 1968, noto come la “Primavera di Praga”, e la risposta del PCI all’intervento militare dell’Unione Sovietica e degli altri paesi del Patto di Varsavia che nell’agosto dello stesso anno pose fine al tentativo riformatore. Ho tentato di approfondire in particolare le ripercussioni che questo evento ha avuto sui rapporti tra il PCI e lo “storico” alleato sovietico attraverso lo studio e l’analisi degli articoli e degli editoriali apparsi sul quotidiano del PCI tra il 1968 e il 1969. «L’Unità» infatti costituisce un osservatorio privilegiato per comprendere le dinamiche interne al partito e le conseguenti prese di posizione pubbliche di quei mesi. Il progetto di esaminare questa fase della storia del PCI nasce dalla consapevolezza dell’importanza che gli avvenimenti cecoslovacchi del 1968 hanno avuto per il principale partito comunista dell’Europa occidentale. Testimonianza di ciò è anche l’intenso dibattito storico e politico che si è sviluppato in Italia nel 2008 in occasione del quarantesimo anniversario della Primavera di Praga con l’organizzazione di numerosi convegni. Significativo, in questo senso, l’incontro-dibattito organizzato dalla Fondazione della Camera dei Deputati alla presenza del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, uno dei protagonisti delle vicende di quei mesi in quanto dirigente di primo piano del PCI 1 . Napolitano stesso nella sua autobiografia politica ricorda come le scelte compiute dai comunisti italiani, in seguito alla brutale repressione nei confronti della Primavera di Praga, hanno modificato in maniera irreversibile il rapporto con il PCUS e posto fine all’illusione di una possibilità di riforma dei paesi del “socialismo reale” 2 . Con il mio studio ho cercato di mettere a fuoco questo passaggio cruciale per il PCI in quanto esso ha costituito un punto di arrivo di un processo di evoluzione della politica del partito all’interno del movimento comunista internazionale, iniziato alla fine degli anni Cinquanta, ma che, allo stesso tempo, ha rappresentato un primo passo verso l’acquisizione di una maggiore autonomia politica ed economica dall’URSS che sarebbe maturata pienamente durante la segreteria di Berlinguer con l’esperienza, se pur di 1 AA.VV. Eredità ed attualità della Primavera cecoslovacca, Fondazione della Camera dei Deputati, Roma 2009. 2 G. Napolitano, Dal PCI al socialismo europeo: un’autobiografia politica, Laterza, Roma 2005, p. 112.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Enrico Salis Contatta »

Composta da 173 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5498 click dal 22/02/2011.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.