Skip to content

L'esercito e i sardi

Informazioni tesi

  Autore: Stefano Leoni
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Antropologia culturale ed etnologia
  Relatore: Alberto Antoniotto
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 97

Capita spesso di sentire che la Sardegna sia una delle terre più vecchie d’Italia e che gli stessi sardi siano degli italiani un po’ diversi dallo standard nazionale (se mai dovesse essercene uno).
Pochi si fermano ad analizzare le varie informazioni che potrebbero portarci ad una qualsiasi risposta o che potrebbero almeno indirizzarci verso un lungo sentiero da percorrere alla scoperta di un popolo che ha proprie tradizioni (anche se molte in comune all’Italia, ad iniziare dalla religione), un forte orgoglio regionale (o come qualcuno oserebbe dire nazionale, ma su questo lasciamo un appunto per il futuro) e per citare un simbolo di grosso valore superiore ai precedenti, una propria bandiera.
Il vessillo ostentato dal popolo sardo, con orgoglio e con forti caratteri di appartenenza a quella lunga tradizione che i sardi tramandano di padre in figlio al pari della propria lingua che ne contraddistingue una chiara base di differenziazione dall’italiano come popolo unico ed uguale. Tutto ciò mettendo in mostra i caratteri multietnici che lo caratterizzano non solo nei sardi, ma basti citare la provincia autonoma di Bolzano in cui si parla tedesco, oppure le altre regioni a statuto speciale che hanno una base differente dal tessuto sociale che caratterizza l’Italia nel complesso e che richiede quindi un trattamento speciale anche a livello normativo.
Creato il dubbio su una qualche diversità dei sardi ora bisognerebbe cercare di risolverlo; ma in che modo? Il mio lavoro cercherà di creare delle basi di studio a caratteri generali sulla storia della Sardegna, dei sardi come italiani e i sardi stessi prima di entrare nel regno d’Italia. Cercherò di mettere in evidenza le differenze tra i simboli e le culture per poi andare a studiare tali diversità per poterle applicare a vari contesti di studio. In particolare, come si evince dal titolo di questa tesi, nell’ambito esercito.
Il mio interesse è quello di sviluppare un lavoro che porta ad un analisi differenziata ed esterna al sistema esercito ma che abbia degli effetti a cascata sulle future applicazioni ed utilizzo della risorsa umana, che sono i sardi, all’interno della forza armata.
Tratterò anche un capitolo in cui i sardi si confrontano con il loro passato, un capitolo su quello che è stato il banditismo in Sardegna. Nel dettaglio analizzerò la vita di un singolo uomo riportandone i passaggi più importanti per il mio studio e cercando, tramite l’esperienza di una vita vissuta nei campi, simboli e tradizioni che appartengono al mio popolo.
Tutto questo studio dovrà portare poi all’analisi finale dei risultati che dovranno essere incrociati con le attività dell’esercito e proveremo a trovare dei punti di incontro tra la cultura sarda e la “cultura esercito ”.
Questo è un dei tanti obbiettivi del mio lavoro, spero che la lettura possa risultare interessante e che possa fornire al lettore degli importanti spunti di studio, in maniera tale che l’argomento venga ripreso e ritrattato anche in futuro sotto altri aspetti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Capita spesso di sentire che la Sardegna sia una delle terre più vecchie d’Italia e che gli stessi sardi siano degli italiani un po’ diversi dallo standard nazionale (se mai dovesse essercene uno). Pochi si fermano ad analizzare le varie informazioni che potrebbero portarci ad una qualsiasi risposta o che potrebbero almeno indirizzarci verso un lungo sentiero da percorrere alla scoperta di un popolo che ha proprie tradizioni (anche se molte in comune all’Italia, ad iniziare dalla religione), un forte orgoglio regionale (o come qualcuno oserebbe dire nazionale, ma su questo lasciamo un appunto per il futuro) e per citare un simbolo di grosso valore superiore ai precedenti, una propria bandiera. Il vessillo ostentato dal popolo sardo, con orgoglio e con forti caratteri di appartenenza a quella lunga tradizione che i sardi tramandano di padre in figlio al pari della propria lingua che ne contraddistingue una chiara base di differenziazione dall’italiano come popolo unico ed uguale. Tutto ciò mettendo in mostra i caratteri multietnici che lo caratterizzano non solo nei sardi, ma basti citare la provincia autonoma di Bolzano in cui si parla tedesco, oppure le altre regioni a statuto speciale che hanno una base differente dal tessuto sociale che caratterizza l’Italia nel complesso e che richiede quindi un trattamento speciale anche a livello normativo. Creato il dubbio su una qualche diversità dei sardi ora bisognerebbe cercare di risolverlo; ma in che modo? Il mio lavoro cercherà di creare delle basi di studio a caratteri generali sulla storia della Sardegna, dei sardi come italiani e i sardi stessi prima di entrare nel regno d’Italia. Cercherò di mettere in evidenza le

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi