Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

ICT e distribuzione commerciale. Studio dei casi: Europea S.r.l e Tod's S.p.A.

Quest’elaborato affronta tematiche legate a tutte quelle dinamiche distributive che nel corso degli anni hanno assunto aspetti nuovi sia nelle grandi aziende che nelle PMI, specialmente correlati al fatto che lo sviluppo di Internet e l’innovazione tecnologica hanno avuto su di esse non poche influenze. Secondo questa logica, sono partita proprio da un’analisi dello sviluppo del settore distributivo, passando brevemente a rassegna gli ultimi cinquant’anni fino ad incentrare l’attenzione su quella che oggi chiamiamo l’era dell’Information Technology, caratterizzata, appunto, dalla nascita dell’area delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (ICT) le quali sembrano rispondere in maniera ottimale ai numerosi problemi posti dalla turbolenza e dalla complessità dell’ambiente in una situazione di crescente globalizzazione dei mercati. In questo contesto, la capacità di gestione flessibile dell’organizzazione ed il controllo dell’informazione divengono le principali leve competitive. L’informazione, appunto, diviene una risorsa centrale, portando rilevanti risparmi di costi gestione e controllo, e permettendo un puntuale monitoraggio dell’evoluzione dei modelli di consumo e della loro struttura. La tesi prosegue poi secondo quelli che sono stati i diversi impatti di queste NTI (nuove tecnologie informatiche) sulle rispettive organizzazioni distributive delle GA e delle PMI, ponendo l’accento su un particolare settore come quello della moda, il quale fa da riferimento al settore di appartenenza delle due aziende dei mie casi studio. Inoltre, ho evidenziato da un lato quelle che sono le problematiche nell’integrazione e nel mantenimento di un sistema ICT di qualità in una grande azienda e dall’altro le criticità e le restrizioni che l’adozione di un’innovazione tecnologica porta nell’organizzazione di una PMI e delle possibili risoluzioni a questi limiti. Il mio elaborato aggiunge al suo lavoro di ricerca lo studio di due casi aziendali: l’Europea S.r.l. e la Tod’s S.p.A. Esse pur essendo di differenti dimensioni e per fatturato e per numero di addetti, nei modi di fronteggiare la crescente pressione concorrenziale ed i repentini mutamenti del mercato hanno la stessa sensibilità e prontezza di risposta. Entrambe, infatti, si avvalgono di diverse infrastrutture IT a supporto dell’organizzazione del loro sistema distributivo. L’Europea dall’introduzione di NTI ha risposto alla sua particolare esigenza di crescere professionalmente gestendo flessibilmente e dinamicamente i rapporti con tutti i suoi stakeholders (fornitori, intermediari, clienti) presenti anche all’estero, creando così degli efficaci network relazionali. La Tod’s, invece, nell’uso di tecnologie dell’informazione é stata tra le prime aziende del suo settore ad avere la giusta intuizione riguardo al fatto che avvalersi di un sistema ICT di qualità potesse significare un valido supporto che poi sarebbe stato inscindibile dall’intera organizzazione aziendale. Oggi, infatti, il Gruppo coordina e controlla perfettamente tutta la sua estesa rete di distribuzione attraverso soluzioni software integrate, Intranet, sistemi di trasmissione degli ordini e di gestione delle scorte che scorrono in maniera funzionale su precise reti di estrema sicurezza come la VPN (Virtual Private Network). L’esempio di queste imprese, ci permette di capire come a prescindere dalle dimensioni aziendali, le ICT possano portare notevoli vantaggi in qualunque realtà commerciale, a patto che ci sia la giusta sensibilità a tematiche di questo tipo e l’organizzazione sia pronta all’adozione di una scelta innovativa.

Mostra/Nascondi contenuto.
I Introduzione L’utilizzo della tecnologia di Internet nella collaborazione e nella gestione delle informazioni tra imprese è ora più che mai un punto cardine per le grandi aziende ed è recentemente diventato un riferimento importante anche per le PMI, le quali si affacciano con maggior frequenza a mercati internazionali grazie appunto a questa realtà digitale che ne facilita i compiti. Questo mio lavoro mira, dunque, ad un confronto riguardo l’organizzazione della distribuzione ed i nuovi canali di vendita che si sono creati grazie alle differenti possibilità che le ICT generano sia per le grandi aziende che per le PMI. In particolar modo verranno curati gli aspetti che sposano Innovazione ed Information Technology . Vedremo appunto come dinamismo e flessibilità dei servizi distributivi siano ormai due fattori inscindibili dal concetto di infrastruttura digitale, in termini di Intranet ed Extranet informative tutto finalizzato alla qualità globale di canale. Attraverso l’uso di queste tecnologie il binomio vincente é competitività ed internazionalizzazione; infatti è proprio grazie alla Net Economy che si annullano le distanze geografiche e si contempla il concetto di azienda estesa e di impresa virtuale. Infatti, oggi le aziende, possono configurare e sviluppare nuovi modi innovativi di channel management, in grado di creare valore combinando il contributo della forza vendita diretta, degli intermediari tradizionali e dei nuovi formati online e dei service provider esterni. Le imprese (specie quelle operanti nel B2B) hanno la possibilità di impiegare

Laurea liv.I

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Laura Sasso Contatta »

Composta da 52 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2340 click dal 29/03/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.