Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

''Grosseto eventi'' struttura e contenuti dello studio di fattibilità di un parco dedicato

Collocandosi tra l’identificazione di un bisogno ed il processo idoneo alla sua soddisfazione, lo studio di fattibilità è concepito o realizzato per trasformare un’idea progettuale in una specifica ipotesi di intervento.
Ciò si sviluppa attraverso la produzione di un complesso quadro informativo la cui elaborazione deve consentire al decisore la formulazione delle scelte più efficienti.
In questo senso gli studi di fattibilità possono interpretarsi come “investimenti nella produzione di informazioni e conoscenza”, la cui redditività dipenderà sia dal contributo offerto dalla chiarezza del progetto, sia dall’orientamento delle attività progettuali, fondate su una razionale allocazione delle risorse disponibili.
In sostanza, lo studio in questione, verifica l’idea iniziale di progetto, ne individua le modalità evolutive e conferisce maggior efficacia operativa alla progettazione.
Estendibile per la sua logica anche ai decisori privati, lo SDF deve poter offrire la scelta di disposizioni possibili per il perseguimento della decisione conclusiva.

Mostra/Nascondi contenuto.
“Grosseto eventi” : struttura e contenuti dello SDF di un parco dedicato Capitolo I Considerazioni preliminari sulla realtà fieristica nazionale 1.1. Dalla fiera espositiva universale di Firenze alla più moderna fiera marchio “Le fiere sono da sempre considerabili come un evento sociale motivo di incontro, sia culturale che commerciale, tra coloro che vi partecipano, siano essi espositori o semplici visitatori”. (Z.Ciuffoletti, Italiafiera, Alinari,Firenze, 2006) La storia della penisola italiana, posta nel mezzo al mediterraneo, ricca di grandi e piccole città come nessun altra nazione europea, si è per larghi tratti identificata con le relazioni molteplici ed intense dei traffici e delle transazioni economiche di tutto il XVI e XVII secolo. L’Italia ha da sempre rappresentato un crocevia di scambi e di relazioni fra Oriente e Occidente, fra l’Europa ed il Mediterraneo. Fin dal Medioevo la presenza nelle città dell’Italia centro-settentrionale di intraprendenti mercanti-banchieri (in perenne spostamento tra l’Europa e del Mediterraneo), che vedevano nel commercio e negli scambi il fu lcro dei loro interessi , generò un terreno favorevole per lo sviluppo delle 7

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Architettura

Autore: Alice Olivelli Contatta »

Composta da 220 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 522 click dal 04/04/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.