Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Capire l’anziano e consolidare se stessi tra psicologia clinica ed etica professionale

Riflessione ed analisi a partire dall'osservazione diretta e partecipata di un operatore sociale all'interno di una struttura per Anziani bene inserita nella rete dei servizi sociali territoriali.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione La psicologia clinica costituisce la diretta applicazione delle conoscenze e delle metodologie sviluppate dalla psicologia di base ai problemi della malattia e della sofferenza. Attraverso l’approccio clinico si evidenzia la centralità dell’osservazione diretta, prolungata e minuziosa, e del riscontro empirico sulle sensazioni, sulle percezioni, sulla motivazione orientandosi ed avvicinandosi concretamente al “ letto “ di chi sta soffrendo ed ai problemi che lo affliggono in quel momento e in quel contesto. Gli anziani, tutti o quasi, devono affrontare problemi di adattamento specifici, dovuti alla perdita della forza fisica, di posizioni di privilegio, di sicurezza o connessi comunque ad un progressivo rischio di isolamento. Vi sono anche alcuni disturbi psichici che sostanzialmente interessano la sola fascia anziana quali la demenza ed il delirium. La demenza in particolare costituisce un problema così diffuso ed in crescita da essere ormai diventato un problema psicologico e sociale di primaria importanza anche in relazione all’aumento proporzionale delle persone anziane. Il declino fisico dell’anziano riguarda quasi tutti gli aspetti del funzionamento sensoriale come la vista, l’udito, la forza muscolare, le capacità di risposta in genere. Molti di questi aspetti hanno conseguenze dirette o indirette sul piano psicologico rendendo in ogni caso l’anziano meno sicuro di se stesso e più consapevole di uno stato crescente di precarietà e di impotenza che si alimenta oltretutto nel riscontro oggettivo di un calo delle funzioni psichiche tra cui spiccano la memoria, l’attenzione, il linguaggio e le funzioni intellettive. Il venire meno di queste funzioni si caratterizza nella perdita di abilità e rapidità in merito all’esecuzione delle operazioni mentali e delle funzioni di

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Sociali

Autore: Antonino Chiaramonte Contatta »

Composta da 64 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1950 click dal 05/04/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.