Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Anoressia e Bulimia: un tentativo di comprensione sociofamiliare

Questo lavoro di tesi, dopo un inquadramento diagnostico-clinico iniziale, è volto ad evidenziare le influenze familiari e della collettività in cui il singolo è inserito nello sviluppo di Disturbi del Comportamento Alimentare, in un’ottica prevalentemente psicodinamica.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 2. INTRODUZIONE: Secondo la concezione antropologica, la barriera orale segna il confine tra mondo esterno e il nostro corpo. Il mangiare consente di esistere, di crescere, poiché ciò che mangiamo diventa noi e introdurre un alimento significa incorporarne le qualità. L’alimentazione ricorda all’individuo il suo essere materia e lo lega all’ambiente, rimandando ad un’appartenenza culturale-culinaria che fa parte di quelle categorie mentali che consentono di comprendere la realtà: si pone quindi nella dimensione che va dall’individuale al collettivo, dalla funzione nutritiva a quella simbolica. Nel cibo infatti vi è l’energia che permette la crescita del corpo, ma anche investimenti psicologici, come materializzazione di conflitti, possibilità e desideri. I disturbi alimentari possono perciò rappresentare un’azione finalizzata e conseguente all’esperienza che il soggetto ha delle cose, un rifiutare ciò che entra dall’esterno (e ciò che dà la forza di rivolgersi ad esso) per rinchiudersi nel proprio mondo, sottraendosi ad ogni condizionamento e rimettendosi in contatto con la propria interiorità. Il modello antropologico prende quindi in considerazione la reciproca azione trasformatrice di individuo e società, natura e cultura, elementi che devono necessariamente essere tenuti in conto quando si attua un intervento psicologico. In quest’ottica, anche la personalità e la malattia sono intese come un processo in divenire, totalità della vita psichica del singolo individuo che si realizza attraverso il dialogo tra coscienza e inconscio, individuo, collettività e altri per lui significativi, primi fra tutti i membri della famiglia.

Laurea liv.I

Facoltà: Psicologia

Autore: Eleonora Fungher Contatta »

Composta da 48 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3237 click dal 14/04/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.