Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il problema delle performance post-acquisitive: modelli a confronto e un caso empirico

Negli ultimi anni le operazioni di M&A nel mercato italiano sono aumentate sostanzialmente. Questo lavoro esamina i processi post-acquisitivi e le loro implicazioni sul successo aziendale elaborando i contributi accademici e le proposte manageriali di due società di consulenza. Nell’elaborato viene proposto un modello integrativo che viene applicato al caso empirico di Allianz spa. che ha recentemente portato a compimento il processo di fusione delle sue controllate RAS, Lloyd Adriatico e Allianz Subalpina. Il lavoro presenta un confronto tra il modello sviluppato e i contributi per la gestione dell’integrazione proposti dalle società di consulenza.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Secondo le rilevazioni di KPMG(2010), tra il 1998 e il primo semestre 2010 sono state finalizzate in Italia 12.402 transazioni M&A, per un controvalore complessivo di 1.256 miliardi di euro. L’evoluzione storica del mercato M&A italiano degli ultimi vent’anni si può articolare in due grandi periodi. Il primo, dal 1988 al 1998, è legato all’avvio della stagione delle privatizzazioni. Il secondo, dal 1999 al 2010, si caratterizza per il grande incremento dei volumi di queste operazioni, dovuto prima all’entrata dell’Italia nell’area euro in seguito ai processi di globalizzazione economica. Infine si nota una forte decelerazione a causa dell’avvento della crisi globale. Osservando i controvalori annui del mercato M&A italiano questo andamento risulta chiaramente (Figura 1). Alla fine degli anni Novanta si nota un vero e proprio salto di dimensione, infatti a fronte di un numero di operazioni sostanzialmente stabile i controvalori crescono notevolmente. Questo cambio di marcia è stato ulteriormente incentivato dalla politica economica dell’Unione Europea, che ha imposto all’Italia un comportamento virtuoso nelle politiche di bilancio pubblico che ha assicurato stabilità al paese accelerando il processo di internazionalizzazione.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Valentina Campagnoli Contatta »

Composta da 75 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1249 click dal 22/04/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.