Skip to content

Sviluppo locale e competitività dei territori. Analisi del contesto campano.

Informazioni tesi

  Autore: Gaetano Ciaramelli
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Milano - Bicocca
  Facoltà: Sociologia
  Corso: Sociologia
  Relatore: Valentina Pacetti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 62

La rilevanza della dimensione locale per l’analisi dello sviluppo economico e per la definizione di politiche efficaci si è progressivamente affermata parallelamente al declino dell’impresa fordista e alla conseguente affermazione di forme di specializzazione produttiva flessibile.
Nel nuovo scenario globale si riducono le distanze tra aree geografiche e aumenta la mobilità degli individui, delle organizzazioni, delle risorse materiali e immateriali. Le imprese si spostano con grande facilità per produrre beni e servizi. Allo stesso tempo, gli individui si spostano per soddisfare bisogni sempre più complessi: «L’economia è così sempre più sradicata dai singoli luoghi, sempre più mobile nello spazio».
All’immagine di un’economia “disembedded”, se ne affianca un’altra che si muove in direzione opposta: quella proposta dal paradigma dello Sviluppo Locale. In questa prospettiva le grandi città, le regioni, i distretti industriali hanno iniziato a proporsi come spazi economici e sociali in grado di attrarre organizzazioni, individui, attività economiche e risorse.
Nei sistemi economici moderni le aree territoriali diventano quindi spazi economici e sociali d’attrazione consapevoli dell’importanza di fronteggiare tali processi di crescente competizione globale ed hanno cominciato a servirsi di nuovi principi e metodi di gestione per costruire, difendere o potenziare la propria attrattività.
Come l’impresa, il territorio è coinvolto in un processo di crescente competizione, che impone la costruzione, la difesa e l’accrescimento di vantaggi competitivi territoriali aprendo la strada all’adozione delle logiche, delle tecniche di analisi e degli strumenti propri del marketing territoriale.
Il presente lavoro intende porre in evidenza alcuni aspetti che caratterizzano il complesso scenario dello Sviluppo Locale, paradigma, diffusosi da diversi anni tra economisti, sociologi e politologi, che sta assumendo sempre maggiore rilievo nell’organizzazione economica contemporanea, soprattutto nei Paesi avanzati.
Nelle pagine seguenti, l’attenzione verrà, dunque, posta su una leva specifica dello Sviluppo Locale, vale a dire “la capacità dei territori di creare un contesto favorevole alle attività economiche, e quindi suscitare, attrarre e mantenere gli investimenti".
L’ analisi degli elementi che definiscono la competitività del territorio e la capacità di quest’ultimo di produrre Beni Collettivi Locali al fine di agevolare possibili investimenti, rappresenta l’obiettivo delle riflessioni condotte nelle pagine seguenti; tenteremo al contempo di tracciare un quadro generale degli elementi che definiscono la competitività di un territorio specifico, la regione Campania, storicamente interessato da fenomeni in grado di compromettere gli sforzi compiuti per innescare processi virtuosi di sviluppo.
Dopo aver delineato, nel primo capitolo, il contesto teorico del lavoro, attraverso la definizione delle modalità di analisi della competitività di un territorio e l’argomentazione della problematica dell’attrazione esercitata dai Beni Collettivi Locali nei confronti di potenziali investitori, il lavoro si svilupperà nel secondo capitolo con la definizione degli elementi distintivi dell’economia della Campania tramite un’analisi di dati secondari riguardanti il contesto economico generale, le eccellenze del territorio ed i problemi endemici della regione.
Nel terzo capitolo soffermeremo il nostro sguardo sulle iniziative concrete e sulle esperienze pratiche di Sviluppo Locale nella regione attraverso una rassegna dei soggetti attivi nell’ambito dell’ animazione, della valorizzazione e della promozione del territorio.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1 Lo Sviluppo Locale e la competitività dei territori: un inquadramento teorico Il tentativo di ricostruire l’insieme dei riferimenti teorici su cui il paradigma dello Sviluppo Locale si basa e prende forma, rappresenta una modalità di ricostruzione dei temi e delle problematiche che tale paradigma si è di volta in volta trovato ad affrontare e a cui qualunque dibattito ad esso relativo rimanda; tenteremo di mettere in luce, quindi, alcuni aspetti relativi alla genesi e allo sviluppo di un apparato teorico e metodologico ormai divenuto il cuore di gran parte delle politiche territoriali che mirano ad innescare una discontinuità positiva 2 rispetto ad uno status quo particolarmente infelice. La prospettiva che di seguito si intende privilegiare, considera le politiche di Sviluppo Locale quali modalità per la valorizzazione e l’incremento di risorse già esistenti, in grado di segnare, al contempo, una discontinuità rispetto ad una situazione di non piena ottimizzazione ed un continuum rispetto al tessuto economico preesistente. Ciò detto, ricorre doverosa un’ ulteriore premessa riguardante le teorie di riferimento su cui di fatto, non vi è sempre una piena convergenza; considerando l’impossibilità di occuparcene nel corso di questo lavoro (che di sicuro ha pretese più modeste), ci limiteremo ad un breve excursus teorico dei temi e degli argomenti delle pagine seguenti. In particolare ci soffermeremo sulla letteratura di riferimento e sui temi riguardanti lo Sviluppo Locale dal punto di vista del Marketing Territoriale, nonché sull’attività di attrazione di investimenti (e più in generale di risorse esterne) e su alcuni concetti chiave ad essi correlati. 1.1 Sviluppo Locale e marketing territoriale 1.1.1. La genesi delle politiche di Sviluppo Locale Per Sviluppo economico locale così come riportato dal sito internet della Banca mondiale (Local Economic Development, LED), si intende quello sviluppo che vede «la popolazione locale lavorare insieme per conseguire una crescita economica sostenibile che porti benefici economici e un innalzamento della qualità della vita di tutta la comunità, dove "comunità" sta per "una città, una cittadina, un'area metropolitana o una regione subnazionale» in particolare, come la stessa Banca 2 Joseph Schumpeter (1912) è stato il primo a distinguere tra crescita e sviluppo: la crescita è un fenomeno graduale, fatto di continui aggiustamenti, lo sviluppo implica, invece, una discontinuità. Il motore dello sviluppo è, dunque, l’innovazione, ovvero “la capacità di creare cose nuove”, come l’apertura di nuovi mercati, la riorganizzazione di un’industria. 3

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

aerospaziale
agenzie di sviluppo
animazione territoriale
attrattività
attrazione di investimenti
beni collettivi locali
campania
capitale sociale negativo
cluster
competitività
eccellenze
marketing territoriale
processi virtuosi di sviluppo
risvolti intenzionali
risvolti non intenzionali
sistema produttivo locale
sviluppo locale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi