Skip to content

Percorso di valorizzazione di un Parco: il Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga

Informazioni tesi

  Autore: Chiara Smarrelli
  Tipo: Diploma di Laurea
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e gestione dei servizi turistici
  Relatore: Patrizia Battilani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 69

Come nasce e si sviluppa un parco naturale: analisi della storia della sua nascita, confronto con il Parco Nazionale d'Abruzzo, analisi della sua economia e analisi dei suoi dati turistici. Conclusioni riguardanti ciò che ho estrapolato dai dati analizzati.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 CAPITOLO 1 : LA NASCITA DEL PARCO La più vasta area protetta dell’Italia centrale (150.000 ettari circa) è diventata Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga nel giugno del 1995 unendo due diversi massicci montuosi, il Gran Sasso e i Monti della Laga. L’esigenza di creare un’area protetta nasce dal grande patrimonio culturale e ambientale che questo territorio ha cercato finora di conservare. Questa esigenza è cresciuta nel tempo e si è potuta mettere in pratica grazie alle associazioni ambientaliste che con il loro impegno hanno impedito un saccheggio del territorio che negli anni ‘60-‘70 sembrava ormai destinato a compiersi con la realizzazione di complessi residenziali e sciistici in quota nei punti di maggior valore naturalistico. Infatti, Prati di Tivo è un esempio di come grandi strutture alberghiere in pochi anni possano deturpare il paesaggio. Fortunatamente, e grazie al Parco, oggi molti albergatori sembrano voler valorizzare un turismo meno invasivo offrendo ospitalità in alberghi all’interno dei piccoli centri e borghi medievali. PARAGRAFO 1.1 PROGETTI DI NASCITA DEL PARCO Il primo tentativo di nascita dell’idea di trasformare questo territorio in un Parco è documentato in un testo del 1965, “Piano pilota per lo sviluppo territoriale, tre zone dell’Abruzzo: Gran Sasso, Maiella, Maielletta” scritta da Fausto Pitigliani. Egli scrisse questo testo perché la cassa del mezzogiorno affidò all’Istituto di rilevazione statistica ed economica di cui faceva parte un’indagine in Abruzzo per ridurre al minimo l’indeterminatezza dei suoi interventi in questa realtà economica e sociale e di trovare possibilmente zone con vocazione turistica da sviluppare. Da questo studio emerge che il Gran Sasso possedeva le premesse per un forte potenziamento del turismo sportivo invernale, specie se si considera che in tutto l’Appennino non esisteva una località che abbia caratteristiche confrontabili. Viene notato inoltre come la sua valorizzazione non sia stata ancora possibile data la difficoltà di collegamento con il resto dell’Italia e per l’impossibilità di accesso a determinate aree. Le correnti turistiche erano di modesta consistenza e discontinue e si evidenziò come mancava il turismo familiare, ad eccezione de L’Aquila, Castel del Monte, Calascio e S.Stefano di Sessanio. La zona di sviluppo turistico presa in esame viene chiamata “Zona del Gran Sasso”, cioè quella che comprende tutti i comuni del massiccio, parte in provincia de L’Aquila e parte in provincia di Teramo, nonché i cinque comuni dell’alta valle dell’Aterno, cioè Barete, Pizzoli, Montereale, Capitignano e Campotosto. Viene sottolineato come nella regione non c’erano solamente le risorse naturali che potevano attrarre turismo ma anche un grande patrimonio artistico e culturale. E’ da considerare che nel testo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

abruzzo
coefficiente utilizzo posti letto
conti economici
economia
gran sasso
monti della laga
natura
parco
presenze turistiche
storia
turismo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi