Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tertulliano lettore di Ireneo nella polemica contro i valentiniani

L'Adversus Valentinianos di Tertulliano:
Introduzione sull’Adversus Valentinianos di Tertulliano
1. la data
2. il complesso delle opere antivalentiniane di Tertulliano
3. la struttura letteraria dell’opera
4. lo stile e il genere letterario
5. sintesi sul sistema valentiniano
6. le fonti eresiologiche
7. conoscenza diretta del valentinianesimo

L’uso dell’Adversus Haereses di Ireneo
[Sinossi dei passi paralleli]
1. i passi paralleli dell’Adv. Val. e dell’Adv. Haer.
2. i contatti: quali contenuti di Ireneo sono utilizzati
3. i contatti: in quale modo i testi sono simili (citazioni, sintesi)
4. le differenze di contenuto: omissioni, innovazioni
5. le differenze di stile: concisione, chiarezza, sarcasmo, satira...
6. il testo di Ireneo utilizzato

Appendice: Traduzione italiana integrale dell'Adversus Valentinianos

Mostra/Nascondi contenuto.
  valentiniani  non  possono  far  altro  che  sparire  per  diventare  oggetto  di  una  satira  mordace   e  spietata.       1.1  Sintesi  sul  sistema  valentiniano     Che   l insegnamento  di  Valentino  si  sia  diffuso  durante  il  principato  di  Antonino  Pio,  che   assunse   l impero   nel   138,   è   attestato   dalla   notizia   di   Tertulliano   ( De   Praescriptione   Haereticorum ,  cap.  XXX)  e  di  Teodoreto  ( De   Haereticorum   Fabulis ,  lib.  I).  Valentino  era   Egiziano,  nativo  di  Phrebonis,  imbevuto  di  platonismo  e  cultura  greca,  e  secondo  quanto   vantavano  i  suoi  discepoli,  nel  tentativo  di  ricollegarsi  alla  tradizione  apostolica,  auditore   di   Teoda,   che   fu   discepolo   di   San   Paolo 1 .   La   tradizione   attribuisce   a   Valentino   la   composizione  di  alcuni  salmi,  e  le  epistole  citate  da  Clemente  Alessandrino  (nel  II  e  III   libro   degli   Stromati ),   una   delle   quali   sarebbe   indirizzata   al   diacono   antiocheno   Agathopodo.  Valentino  compose  anche  alcune  omelie  e  un opera  sull origine  dei  mali,  di   cui  sono  superstiti  alcuni  frammenti  nella  tradizione  indiretta  di  Clemente  ( Stromati  VI)  e   di  Epifanio  ( Panarion  XXXI).  Quanto  al  fatto  che  abbia  anche  scritto  un  suo  vangelo,  la  sola   notizia  che  abbiamo  è  quella  dello  stesso  Tertulliano  nel   De  Praescriptione  Haereticorum .   Valentino,   secondo   la   notizia   di   Tertulliano,   ( Adv.   Val. ,   cap   4),   disertò   dalla   Chiesa   Cattolica  per  invidia  quando,  nonostante  la  sua  solida  formazione  oratoria  e  filosofica,  il   suo  tentativo  di  ascendere  al  soglio  papale,  fu  vanificato   posto   ex  martyrii  praerogativa .   Valentino  lasciò  Alessandria  e  venne  a  Roma,  durante  il   pontificato  di  Igino,  e  vi  rimase  fino  ad  Aniceto.     Si  dà  qui  di  seguito  una  sintesi  sul  sistema  valentiniano,  come  ricavata  dall esame  del   primo   libro   dell Adversus   Haereses   d Ireneo,   e   dell Adversus   Valentinianos ,   cercando   di   seguire  lo  stesso  ordine  della  narrazione.     Il  Dio  dei   valentiniani   è  l essere  eterno  e  ingenerato,  monade  assoluta  e  inattingibile,   definito  da  questi    secondo  la  sostanza    il  Primo  Eone  Perfetto,    secondo  la  persona       Pre -­‐‑principio,   ovvero  Pre -­‐‑padre,  in  opposizione  al  primo  degli  Eoni,   Nous ,  detto  anche   Padre;   Bythos   Abisso,  perché  la  sua  trascendenza  è  assoluta.  Questo  supremo  principio  si  sdoppia  ne l   suo  stato  potenziale,  in  ordine  logico,  non  cronologico,  come  controparte  femminile  di  se   stesso,  in   Sighè ,  il  Silenzio.  Questa  è  la  manifestazione  del  medesimo  processo  messo  in   atto  da  Pre-­‐‑padre,  secondo  cui  egli  pensa  e  quindi  genera  il  Pleroma:  di  qui  viene  il  nome   di   Protennoia ,   Pre-­‐‑pensiero,   poiché   espressione   della   volontà   di   Pre-­‐‑padre   di   creare   il                                                                                                     1  Clemente,   Stromati  VII  106,4     6

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Matteo Pettinelli Contatta »

Composta da 96 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 860 click dal 11/05/2011.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.