Skip to content

Il delitto di oltraggio a pubblico ufficiale

Informazioni tesi

  Autore: Marco Mogavero
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Scienze dei servizi giuridici
  Relatore: Stefania Sartarelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 67

La necessità della tutela della pubblica amministrazione trova già un suo antecedente storico nell’epoca rivoluzionaria (1791), in quanto l’oltraggio fu alternativamente attratto ora nella pletora dei crimina maiestatis, ora tra i reati contro l’onore.
Il codice francese del 1810 annoverò definitivamente l’oltraggio tra i reati contro la pubblica amministrazione e più precisamente tra i reati di manquents envers l’Autorité publique (art. 222 ss.), distinguendolo dalle semplici ingiurie; similmente, in tutti i successivi codici italiani preunitari, ad eccezione di quello del Regno Lombardo Veneto del 1815 e di quello del Granducato di Toscana del 1830, le offese al prestigio dei soggetti investiti d’autorità furono sanzionate quale reato autonomo a titolo di oltraggio.
Tra questi il codice sardo del 1859 che all’art.258 prevedeva appunto l’oltraggio a pubblico ufficiale con la precisazione sull’essenzialità dell’elemento della presenza del pubblico ufficiale.
Il 30 giugno del 1889 fu emanato il primo codice penale dell’Italia unita che prendeva il nome di codice Zanardelli, dal nome del ministro della giustizia proponente Giuseppe Zanardelli. Nonostante una certa modernità e nonostante l’equilibrio complessivo dato dall’insieme delle sue disposizioni era un codice che nasceva già vecchio, non in grado di soddisfare le istanze di riforma che provenivano dalla scuola positiva.
Nello stesso codice Zanardelli era esistente la figura criminosa dell’oltraggio a pubblico ufficiale negli articoli 194 – 199, con la previsione della parificazione dell’oltraggio commesso con parole a quello commesso “con atti”; l’esplicita previsione dell’estremo della “presenza” dell’offeso, e la previsione dell’ipotesi di oltraggio “non a causa delle funzioni, ma nell’atto dell’esercizio pubblico di esse” come fattispecie notevolmente attenuata; la creazione della nuova fattispecie di oltraggio a corpo politico, amministrativo e giudiziario, perseguibile solo dietro autorizzazione del corpo stesso; l’introduzione dell’esimente speciale della reazione legittima agli atti arbitrari del pubblico ufficiale.
Tuttavia nel dopoguerra si avvertì l’esigenza di riformare il sistema penale, infatti nel 1925 il Ministro della Giustizia Arturo Rocco presentò un disegno di legge per la delegazione al governo "...della facoltà di modificare" la legislazione in materia penale. Il testo definitivo, accompagnato dalla relazione al Re, fu pubblicato con r.d. n. 1398 il 19 ottobre 1930 ed entrò in vigore il I° luglio 1931.
Le ragioni della riforma furono illustrate nella relazione che accompagnava lo stesso disegno di legge di fronte all'aumento della criminalità negli anni del dopoguerra, da ricondursi ai "..profondi rivolgimenti prodottisi nella psicologia e nella morale degli individui e della collettività, e nelle condizioni della vita economica e sociale", la legislazione penale si era rivelata negli ultimi anni densa di difetti e di lacune.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Capitolo I La previgente figura di oltraggio a pubblico ufficiale. 1) Premessa storica. La necessità della tutela della pubblica amministrazione trova già un suo antecedente storico nell’epoca rivoluzionaria (1791), in quanto l’oltraggio fu alternativamente attratto ora nella pletora dei crimina maiestatis, ora tra i reati contro l’onore. Il codice francese del 1810 annoverò definitivamente l’oltraggio tra i reati contro la pubblica amministrazione e piø precisamente tra i reati di manquents envers l’AutoritØ publique (art. 222 ss.), distinguendolo dalle semplici ingiurie; similmente, in tutti i successivi codici italiani preunitari, ad eccezione di quello del Regno Lombardo Veneto del 1815 e di quello del Granducato di Toscana del 1830, le offese al prestigio dei soggetti investiti d’autorità furono sanzionate quale reato autonomo a titolo di oltraggio. 1 Tra questi il codice sardo del 1859 che all’art.258 prevedeva appunto l’oltraggio a pubblico ufficiale con la precisazione sull’essenzialità dell’elemento della presenza del pubblico ufficiale. 2 Il 30 giugno del 1889 fu emanato il primo codice penale dell’Italia unita che prendeva il nome di codice Zanardelli, dal nome del ministro della giustizia proponente Giuseppe Zanardelli. Nonostante una certa modernità e nonostante l’equilibrio complessivo dato dall’insieme delle sue disposizioni era un codice che 1 F. C. PALAZZO, Oltraggio, in Enciclopedia del diritto, Giuffrè, Milano 1979, vol. XXIX, p.849. 2 S. RICCIO, I Delitti contro la pubblica amministrazione, Utet. Torino 1955, p.553.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

il delitto di oltraggio
oltraggio a pubblico ufficiale
rocco
zanardelli
costituzione
pubblica amministrazione
oltraggio
abolitio criminis
art. 341
articolo 341
art.341-bis
articolo 341-bis

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi