Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Specificità e posizionamento di editori di nicchia

L'oggetto del lavoro sono state alcune piccole e micro case editrici che si sono ricavate una nicchia editoriale grazie al loro stile esecutivo estremamente curato e al tema poetico, che prevale nella scelta delle opere.
La radice dell'idea che guida il lavoro di questi editori, in cui è decisamente caratterizzante l'impronta del fondatore, è che l'editoria sia un progetto creativo.

Ho iniziato la tesi contestualizzando l'editoria moderna, tratteggiandone la storia per tappe fondamentali, e con attinenza alla mia analisi.
Sono poi passata ai soggetti veri e propri dello studio, tra cui: Archivio Dedalus, Pulcinoelefante, I quaderni di Orfeo, La vita felice, Viennepiere, Archivi del 900 e altri. In ciascuno dei libro da loro pubblicati si delineano chiaramente un'identità e un progetto culturale che si esprimono tanto nelle scelte dei testi quanto in quelle della veste materiale dell'opera.
Per fare un esempio su tutti la scelta, di alcuni editori da me intervistati, di comporre a mano coi caratteri mobili le loro pagine: questo atto conferisce al libro un aspetto di unicità artistica molto profondo. (vedi foto dei laboratori)
Questi case editrici così piccole sono un importante baluardo di editoria e arte, offrono spunti e punti di partenza per la curiosità intellettuale, oltre a fornire strumenti critici.
Nessuna delle realtà qui considerate è una stella cadente, anzi tutte hanno diversi anni di felice attività che le sostiene.
Dopo l'analisi dettagliata di questi affascinanti soggetti ho eseguito una scansione del mercato editoriale per osservare come essi vi si posizionino. Dunque ho messo in luce il forte divario tra domanda e offerta, come si configurano i rapporti tra i soggetti della filiera, il concetto di vendibilità, e come esaltarlo, anche in relazione al problema della distribuzione, e infine la fonte del vantaggio competitivo a favore di questi editori di nicchia.
Da questa analisi emerge chiaramente l'importanza di stabilire un target di riferimento preciso e capire come raggiungerlo, una sfida che questi editori hanno vinto, ed ecco perchè possono navigare nel mare burrascoso dell'editoria moderna.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Il presente lavoro si propone di osservare la specificit à dei caratteri di alcuni editori   di dimensioni piccole e piccolissime, anche artigianali, e il loro posizionamento nel mercato   editoriale, compreso il caso in cui il loro modo di agire si configuri come un rifiuto di   inserirsi nelle classiche logiche di mercato. Ciò   che   premeva   di   illustrare   sono   alcuni   motivi   che   rendono   significativa   l’esperienza dell’editoria di nicchia: ad un primo livello il fatto che, scandagliando la vastit à  del mondo editoriale, ci si pu ò imbattere in questi soggetti particolari, diversi dagli altri, i   quali   −  date le loro dimensioni poco significative, i bilanci minimi, quando esistono, e   sostanzialmente la micro struttura, ben poco incisiva nel mercato pi ù ampio   −  vengono   solitamente   marginalizzati.   Perci ò   è   sembrato   interessante   registrarne   l’esistenza,   le   caratteristiche e chiedersi se esistano dei margini di crescita nella produzione o nella   notorietà. A un secondo livello il fatto che le case editrici analizzate si possono definire   come un progetto culturale ed artistico, e i loro fondatori si ritrovano in tale definizione.  È   noto   che   progetti   di   questo   genere   possono   essere   concepiti   solo   in   relazione   a   determinate sollecitazioni del tempo e della societ à in cui si vive, e a loro volta ne riflettono   i caratteri. Pertanto osservandoli si pu ò in qualche modo gettare un po’ di luce su alcune   caratteristiche   della   societ à   nella   quale   si   sviluppano.   Inoltre   il   mercato   editoriale,   necessariamente attento a standard di vendibilità , riceve da queste case, che si configurano   come operatori marginali, aspetti di creativit à e personalit à notevoli. Nelle intenzioni degli   editori qui osservati, c’ è la possibilit à di occuparsi di libri originali, piccoli e significativi in   termini di apporto culturale per la societ à, ci ò  è direttamente proporzionali alla marginalit à  sul mercato di queste case, ma non rappresenta un problema per i piccoli editori poich é  4

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Emanuela Fanny Papa Contatta »

Composta da 177 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1360 click dal 06/06/2011.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.