Skip to content

Strumenti di Marketing Non-Convenzionale

Informazioni tesi

  Autore: Marco Biella
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Milano - Bicocca
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Nadia Olivero
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 29

Il marketing classico non è più efficace. L'ambiente dove è nato e dove si è sviluppato ormai è cambiato così drasticamente da rendere le leggi del marketing obsolete. Il consumatore ha sviluppato una resistenza alla comunicazione pubblicitaria e l'avvento delle nuove tecnologie ha cambiato la società e le dinamiche di consumo. Per sopravvivere bisogna adattarsi e cambiare il modo di agire. Il marketing non convenzionale contiene in sé tutte le tecniche che possono permettere il successo della comunicazione nel mondo attuale. Il marketing virale, il tribal marketing e il guerriglia marketing sono le strategie che meglio si adattano alla società e quelle con la maggior possibilità di successo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione: di Cosa Si Parla. Nel corso degli ultimi vent'anni il mondo del marketing ha subito varie trasformazioni che ne hanno determinato la crisi e, come spesso accade, il cambiamento che gli ha permesso di adattarsi e sopravvivere. Ciò non è dovuto a repentini mutamenti presentatisi improvvisamente ma a una serie di piccoli cambiamenti nell'ambiente che sommati l'uno all'altro hanno reso il marketing classico, in buona salute fino ad allora, obsoleto e non in grado di svolgere la sua funzione, costringendolo ad evolvere, a raggiungere un nuovo livello. I cambiamenti di cui si parla sono principalmente tre: la resistenza sviluppata dal consumatore nei confronti della pubblicità classica, la crescente differenziazione della domanda con conseguente iper-segmentazione del mercato, e il powershift tra imprese e consumatori che ha aumentato il potere del consumatore e ne ha ridefinito la posizione (B. Cova, A. Giordano, M. Pallera, 2008). Negli anni la pubblicità, grazie alle ingenti somme spese dagli inserzionisti, ha spesso reso possibile lo sviluppo e il sostentamento di nuovi canali e mezzi di comunicazione ma ha anche iniziato a bombardare le persone in ogni momento della giornata insediandosi in ogni spazio che riusciva a conquistare: pagine dei giornali, banners nei siti internet, grandi cartelloni pubblicitari per le strade, impalcature e ponteggi di edifici in costruzione, manifesti sui muri della città, maglie di giocatori e cartelloni a bordo campo durante le partite, interminabili minuti prima della proiezione di film al cinema, per radio e in televisione segnandone i palinsesti (è famoso il caso in cui l'eccessivo carico di spot pubblicitari mostrati prima della trasmissione ha spinto gli autori di “ Striscia la Notizia ” a non andare in onda per protesta rendendo quella del 13 Gennaio 1998 la puntata più breve della storia dove i conduttori si sono limitati a salutare, annunciare la decisione e mandare la sigla di chiusura).Questa eccessiva saturazione degli spazi ha spinto il 65% dei consumatori nel 2004 (secondo uno studio della Yankelovich Partners, società di ricerche di mercato) a dichiarare di essere esposto a una quantità di pubblicità eccessiva e insinuando nel 61% del campione totale la credenza che la quantità di marketing e pubblicità sia ormai fuori controllo. Una conseguenza ancora più grave dovuta a questa massiccia presenza di messaggi pubblicitari si riscontra nella resistenza sviluppata dai consumatori alla pubblicità tradizionale che vanifica gli ingenti investimenti delle aziende: infatti, ormai, durante la pubblicità in televisione la gente cambia canale o approfitta per fare qualcosa che durante il film, o la trasmissione, non farebbe per evitare di distrarsi; le pagine delle riviste e dei giornali dedicate alla presentazione di prodotti vengono saltate, e i banner ignorati o, peggio ancora, considerati fastidiosi (spesso perché mal progettati) creando una sensazione di fastidio che verrà associata al prodotto sponsorizzato con evidente svantaggio dell'azienda. 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi