Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Determinazione quantitativa di fenilbutazone e flunixin meglumina in plasma equino tramite un sensore elettrochimico accoppiato a estrazione in fase solida con polimeri a stampo molecolare

Il fenilbutazone (PBZ) e il flunixin meglumina (FXN) sono FANS ampiamente utilizzati nella medicina equina per le loro attività antinfiammatorie ed analgesiche. Nel cavallo sportivo l’uso di questi farmaci può però configurare la pratica del doping quando la loro attività farmacologica viene dolosamente sfruttata per mascherare stati patologici del cavallo e portare alle competizioni animali che invece ne dovrebbero essere esclusi. PBZ e FXN sono, infatti, tra i farmaci più frequentemente identificati nei cavalli positivi ai controlli anti-doping e demarcare il limite tra uso terapeutico e uso illecito di questi farmaci è la sfida più recente che gli organismi sportivi stanno affrontando per la definizione dei protocolli anti-doping. Per tali motivi la loro determinazione quantitativa nel plasma equino rappresenta un problema analitico nei controlli anti-doping veterinari. I metodi attualmente disponibili sono l’HPLC-UV e la LC-MS e GC-MS, ma tali metodi risultano spesso costosi, complicati e necessitano di grandi quantità di solventi organici. Lo scopo della presente tesi, pertanto, è stato lo sviluppo di un metodo analitico facilmente riproducibile, sensibile ed economico accoppiato ad una tecnica innovativa di estrazione dei campioni per la determinazione del PBZ e del FXN in plasma equino. A tale scopo, è stato utilizzato un potenziostato/galvanostato (Palmsens, Palm Instrument BV, Houten, Olanda) accoppiato ad elettrodi stampati. La tecnica applicata è stata la voltammetria differenziale ad impulsi (Differential Pulse Voltammetry, DPV), il cui principio è basato sull’ossidazione elettrochimica dei farmaci in esame ad un elettrodo stampato di grafite in tampone acetato. La DPV è stata accoppiata ad una estrazione selettiva in fase solida con polimeri a stampo molecolare (Molecularly Imprinted Polymers, MIP) per ridurre le possibili interferenze presenti nei campioni di plasma. Le prestazioni del metodo analitico sono state valutate in soluzioni standard dei farmaci, in campioni di plasma equino fortificate e in campioni reali. Il recupero dell’estrazione per entrambi gli analiti è risultato tra il 94 e il 100% con valori di coefficiente di variazione intra-day inferiori al 5,0% e inter-day inferiori al 6,5%. Il limite di quantificazione del metodo è risultato 0,01 µg/mL per entrambi gli analiti. I risultati ottenuti con il metodo sviluppato sono stati comparati con quelli ottenuti con un metodo HPLC-UV (sviluppato e validato nel laboratorio) mostrando una buona correlazione. In conclusione il metodo potrebbe essere considerato in alternativa ai metodi cromatografici esistenti per la determinazione rapida e simultanea del PBX e del FXN in campioni di plasma equino.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE FANS I farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) sono largamente utilizzati in medicina umana e veterinaria per la loro riconosciuta efficacia nel produrre effetti antinfiammatori, analgesici ed antipiretici. Per la maggior parte sono acidi deboli organici con una pKa compresa tra 3 e 5 e , a pH fisiologico sono ionizzati e legati alle proteine (>98%). Le molecole appartenenti a questa classe di farmaci sono spesso classificate come di seguito riportato: Acidi carbossilici  Derivati dell’acido salicilico (salicilati): acido acetilsalicilico  Derivati dell’acido propionico: naprossene, carprofen, ketoprofene  Acidi atranilici: acido tolfenamico  Derivati dell’acido acetico: eltenac, etodolac  Acidi amino nicotinici: flunixin meglumina  Acidi chinolinici Acidi enolici  Pirazolonici: fenilbutazone, dipirone  Oxicami: piroxicam, meloxicam Altri  Derivati del paraminofenolo  Sulfonanilidi: nimesulide  Alcanoni

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Farmacia

Autore: Francesca Gavarini Contatta »

Composta da 94 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1371 click dal 14/06/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.