Skip to content

Analisi degli impatti dei degradi superficiali delle sovrastrutture stradali sulla sicurezza d'esercizio per i veicoli a due ruote

Informazioni tesi

  Autore: Lucio Ferranti
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria Civile
  Relatore: Francesco Bella
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 236

Oggi la problematica della sicurezza stradale non può più essere affrontata a prescindere dall’analisi incidentale dei mezzi a due ruote, il cui parco circolante è in costante aumento e il rischio di evento incidentale è nettamente superiore rispetto a quello degli altri modi di trasporto stradale. La letteratura ha ormai posto in evidenza con certezza che i degradi del piano viabile incidono significativamente sulla sicurezza d’esercizio, in particolare gli ammaloramenti localizzati risultano essere maggiormente critici per i veicoli a due ruote. Tali degradi spesso sono riconducibili ad una errata manutenzione della pavimentazione stradale, tutt’oggi ancorata a criteri di redditività secondo i quali si ricerca il momento ottimale d’intervento da un punto di vista finanziario senza fare alcun riferimento alla sicurezza d’esercizio, trascurando di fatto la rilevanza delle anomalie strutturali della pavimentazione nel contribuire, talvolta in modo determinante, al verificarsi dell’evento incidentale.
Il codice di simulazione dinamica adottato ha consentito di analizzare gli impatti dei degradi localizzati della sovrastruttura stradale sulla sicurezza d’esercizio per i motocicli con il fine di definire un interessante strumento per la pianificazione degli interventi manutentori. Noti gli attributi della buca, in termini di profondità e lunghezza, la sua localizzazione longitudinale e la velocità alla quale viene intercettata, l’abaco “di caduta” consente di conoscere se l’irregolarità localizzata determina la completa perdita di stabilità del mezzo e quindi la caduta. L’abaco “di sicurezza d’esercizio” individua il livello di insicurezza generato dal degrado, tra sei regioni rappresentative di sei differenti classi di pericolosità, in relazione alla velocità d’esercizio e al raggio dell’elemento planimetrico sul quale esso è localizzato.
Questi strumenti consentono all’Ente gestore di individuare le priorità della rete in relazione alla pericolosità associata al degrado puntuale della sovrastruttura stradale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 marzo 2010 Introduzione Analisi degli impatti dei degradi delle sovrastrutture stradali sulla sicurezza d’esercizio per i motocicli 1 INTRODUZIONE L’oggetto di questo studio è l’analisi degli impatti dei degradi superficiali delle sovrastrutture stradali flessibili sulla sicurezza d’esercizio per i veicoli a due ruote. L’analisi era finalizzata alla definizione di uno strumento basato su dei modelli predittivi dei livelli di rischio d’esercizio (associati agli ammaloramenti superficiali del piano di rotolamento), utilizzabile dall’Ente gestore della rete stradale, per la pianificazione degli interventi di manutenzione della pavimentazione attraverso l’individuazione delle priorità d’intervento. Per conseguire tale obiettivo è stato necessario studiare le condizioni dinamiche di rischio, ovvero le relazioni funzionali tra rischio d’esercizio e severità del degrado, attraverso la simulazione dinamica che consente la stima degli effetti indotti dai degradi sulla stabilità di marcia dei veicoli. Al fine di dare il giusto indirizzo al presente lavoro, si è ritenuto necessario effettuare un esame di vari aspetti connessi alla trattazione per avere una più ampia e completa visione dell’intero studio. Nel Capitolo 1 si è messa in evidenza la rilevanza del fenomeno incidentale, relativo ai mezzi a due ruote, all’interno dell’Unione europea. L’analisi statistica incidentale è stata strutturata in due parti distinte: nella prima è stato valutato il dato incidentale, in termini assoluti e specifici, relativo a ciclomotori e motocicli, nella seconda parte si sono volute ricercare le cause del fenomeno attraverso l’indagine bibliografica. In questo capitolo si fornisce un quadro dell’attuale scenario incidentale mettendo in evidenza la criticità della situazione italiana. Vengono riportati i trend europei di incidentalità assoluta, dei tassi di mortalità su mezzi a due ruote e i relativi costi sociali imputabili al fenomeno incidentale. Il dato è stato anche analizzato in termini specifici, pesandolo sia con la popolazione sia con il parco circolante in ogni paese della Comunità europea. Inoltre sono stati confrontati i differenti livelli di rischio d’evento incidentale che distinguono l’utente motociclistico da quello automobilistico. Nella seconda parte del capitolo sono riportati i risultati di alcuni tra i più importanti ed approfonditi studi sulle cause incidentali connesse a questa categoria di mezzi, con il fine di evidenziare le responsabilità dello stato delle pavimentazione nel determinare gli attuali scenari di incidentalità.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

strada
degradi
incidentalità
simulazione
sicurezza
sovrastruttura
irregolarita
buche
mezzi a due ruote
ammaloramenti
manutenzione
ptw
bikesim
effetti dinamici
motocicli
pavimentazioni
infrastruttura stradale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi