Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L’Audit Society in Italia. Analisi del sistema dei controlli della Corte dei conti, del Sistema sanitario nazionale e del Sistema universitario

Questo lavoro introduce la teoria dell'"Audit society", elaborata presso la LSE da Michael Power, e osserva l'evoluzione dei controlli, intesi come processi di audit, all'interno della Corte dei conti (cap 2) e in due settori. Rispettivamente, nel settore sanitario pubblico (cap 3) e nel sistema universitario (cap 4). L'indagine, fondata su ricerca documentale e interviste, dopo l'esposizione della teoria di Power, delle principali obiezioni accademiche e degli aspetti applicativi, (cap 1) rileva un aumento dei fenomeni di controllo (growth tesis) e uno spostamento dell'oggetto (shift tesis); dai controlli di regolarità, passando per i controlli sugli input, si arriva ai controlli sulle performance. Si indagano quindi le strutture degli organi preposti al controllo esterno nei vari ambiti per osservare la coerenza della loro strutturazione con la rispettiva mission. Nelle conclusioni (cap 5), dopo aver puntualizzato gli elementi che ci portano a parlare di una "esplosione dei controlli", si riassumono le debolezze e le peculiarità riscontrate.

Mostra/Nascondi contenuto.
38 CAPITOLO 2 I CONTROLLI NELLA CORTE DEI CONTI V olendo verificare la presenza di eventuali evidenze a favore della ipotesi di Michael Power, il punto di partenza è l'esame dei cambiamenti che hanno caratterizzato le istituzioni di controllo. Si parte dall‟analisi dalla Corte dei conti, l'istituzione suprema di controllo italiana. Dopo averne introdotto le caratteristiche principali, si osserverà come sia cambiata in termini di organizzazione ed attività negli ultimi venti anni, valutando quindi se questi cambiamenti si conciliano con la teoria dell'esplosione dei controlli; La Corte dei conti è un organo previsto dalla Costituzione che si occupa sin dalla sua creazione, all'alba dell'unità d'Italia, di controllare la gestione del denaro pubblico ed evitare frodi e sprechi. E' un organo previsto espressamente a livello costituzionale ma non disciplinato dalla stessa fonte normativa, rientra dunque tra gli organi definiti di rilievo costituzionale. E' assegnatario di due ordini di funzioni principali, di controllo (art. 100 Costituzione) e giurisdizionali (art. 103 Costituzione), mentre sono meno rilevanti le funzioni consultive e amministrative, tanto da essere definite funzioni residuali 3 . La distinzione tra le funzioni principali determinano l'organizzazione degli uffici, distinti in procure e sezioni per la funzione giurisdizionale, e sezioni di controllo per l'omonima funzione. E' anche pensata come organo ausiliario, nel senso che si relaziona con gli organi titolari di funzioni esecutive, legislative, di controllo e indirizzo politico, per supportarne lo svolgimento dei compiti; malgrado questo ruolo ausiliario, cioè strumentale al servizio del Governo e del Parlamento, la Corte dei conti è considerata organo neutrale ed indipendente rispetto a quegli stessi organi, perché agisce negli interessi della Repubblica nella sua globalità (Bax 2008, p. 13). E' la legge ad assicurare l'indipendenza e l'autonomia dell'istituto e dei suoi componenti dal governo. Mezzi per tutelare l'indipendenza sono l'autonomia finanziaria e organizzativa e l'inamovibilità dei magistrati, oltre a particolari modalità di nomina dei vertici istituzionali e alle procedure di selezione per concorso pubblico e nomina dei magistrati contabili. 3 L‟articolo 100 della Costituzione prevede “il controllo preventivo di legittimità sugli atti del Governo, e anche quello successivo sulla gestione del bilancio dello Stato”. Come si esporrà successivamente non tutti i processi di controllo attuati dalla Corte dei conti sono riconducibili alla funzione individuata espressamente dalla Costituzione. L‟articolo 103 prevede invece che la “Corte dei conti ha giurisdizione nelle materie di contabilità pubblica e nelle altre specificate dalla legge” conferendo quindi lo status di magistrati ai membri dell‟organo

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Corrado Battini Contatta »

Composta da 132 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 550 click dal 23/06/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.