Skip to content

Il governo meritocratico delle risorse umane nella pubblica amministrazione: valutazione e premi alla luce del d.lgs. n. 150/2009

Informazioni tesi

  Autore: Simona Mollica
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze delle Pubbliche Amministrazioni
  Relatore: Loredana Zappalà
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 195

L'elaborato oggetto della mia tesi di laurea specialistica verte sulle novità introdotte dalla riforma Brunetta del pubblico impiego ( d.lgs. n. 150/2009). Esso analizza in particolar modo le disposizioni contenute nel titolo II e nel titolo III del decreto relative alla Misurazione e Valutazione della performance e ai meccanismi premiali introdotti per remunerare i lavoratori meritevoli. Tuttavia non vengono trascurati altri fondamentali aspetti di riforma quali quelli relativi ai nuovi compiti delle dirigenza pubblica e le problematiche connesse alla contrattazione collettiva che esce dalla riforma fortemente ridimensionata nei suoi poteri. Il decreto infatti opera quella che è stata definita una ripubblicizzazione o rilegificazione ovvero definisce con comandi di legge aspetti che precedentemente erano lasciati all'autonomia della contrattazione e della dirigenza. In particolar modo, il decreto regola certosinamente gli aspetti relativi alla misurazione e alla valutazione della performance nel tentativo di raggiungere più elevati livelli di efficienza, di efficacia e di economicità, fattori che nel pubblico impiego sono generalmente carenti. E, altrettanto pedissequamente vengono regolati i premi introdotti per remunerare le performance migliori che costituiscono la assoluta novità introdotta dal decreto. Oltre la parte meramente descrittiva, l'elaborato cerca di mettere in luce criticamente anche gli aspetti problematici relativi al processo di implementazione della riforma che è stata presentata quale rimedio taumaturgico per tutti i mali della pubblica amministrazione ma, che allo stato dei fatti, pochi risultati ha prodotto. Infatti con l'approvazione della manovra Tremonti del Maggio 2010 la contrattazione collettiva è stata bloccata per un triennio e, conseguentemente buona parte delle disposizione del Decreto Brunetta che avrebbero dovuto essere oggetto di un preliminare accordo con i sindacati, non possono entrare in vigore.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Il decreto legislativo n.150 del 27 Ottobre 2009 con il quale il IV Governo Berlusconi ha dato attuazione alla legge delega n.15 del 4 Marzo 2009 finalizzata all’ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e alla efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni, è l’ultimo in ordine di tempo tra gli interventi legislativi che a partire dall’inizio degli anni ’90 si sono succeduti in materia di pubblico impiego. Tale decreto, altresì noto come decreto Brunetta, dal nome del Ministro della Pubblica Amministrazione e dell’Innovazione, che lo ha fortemente voluto e altrettanto caparbiamente sostenuto, è stato proposto all’opinione pubblica alla stregua di un rimedio taumaturgico da applicare come cura per tutti i mali della pubblica amministrazione. I promotori del progetto legislativo hanno, infatti, presentato la riforma con toni propagandistici, parlando di rivoluzione copernicana al servizio dei cittadini. Non eccezionalmente, l’annuncio delle misure ha avuto un forte riscontro presso i mass media e l’opinione pubblica, alimentando un’interessante riflessione collettiva che ha visto come protagonisti esponenti del mondo politico, delle associazioni sindacali e della società civile. Dal dibattito e dalle indagini demoscopiche che sono state condotte parallelamente è emerso un generale apprezzamento da parte dei cittadini nei confronti del progetto di riforma. Tale consenso, in realtà, non ha del sorprendente: le disfunzioni e lo scarso rendimento delle pubbliche amministrazioni contrastano così palesemente con i “privilegi” di cui godono i dipendenti pubblici

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

brunetta
contrattazione collettiva
ripubblicizzazione
efficienzae
meritocraziae
fattori motivazionali
fannulloni
stili gestionali
economicità
efficacia
risorse umane
verifiche
performance
controlli
rilegificazione
valutazione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi