Skip to content

Il diritto alle privacy e le deroghe speciali a favore degli operatori dell'informazione

Informazioni tesi

  Autore: Marco Biondi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Scienze dei servizi giuridici
  Relatore: Massimo Calcagnile
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 35

Libertà di manifestazione del pensiero e diritto alla riservatezza.
Ovvero: diritto all’informazione e diritto alla protezione dei dati personali.
Ancora: giornalismo e privacy.
È proprio questo l’oggetto di questa della presente tesi: un’ampia riflessione sulle modalità di esercizio del diritto alla manifestazione del proprio pensiero e su uno dei limiti più stringenti che questo diritto incontra: il diritto alla riservatezza.
Più precisamente, è il bilanciamento di questi due diritti, parimenti riconosciuti in Costituzione, che ci interessa analizzare e comprendere, affinché il bravo giornalista (ma anche il meno bravo) possa agire in maniera corretta e legittima.
Anche alla luce dei recenti fatti di cronaca politica, è interessante e importante capire quale è il rapporto che dovrebbe intercorrere tra diritto all’informazione e diritto alla riservatezza.
Il diritto all’informazione dovrebbe essere assoluto a tutti i costi? O viceversa questo diritto dovrebbe essere strettamente limitato dal diritto alla privacy?
Probabilmente, come in tutte le cose, la soluzione sta (o dovrebbe stare) nel mezzo.
Immaginiamo allora due insiemi: uno che rappresenta l’articolo 21 della Costituzione (la libertà di manifestazione di pensiero), e l’altro il diritto alla riservatezza.
Questa monografia si occupa di entrambi gli insiemi e ne esamina in particolarmente l’intersezione.
Nella prima parte introdurremo “l’insieme” del diritto alla riservatezza e analizzeremo il nuovo testo unico della privacy: il d.lgs. 30 giugno 2003, n. 196.
Nella seconda parte analizzeremo l’articolo 21, introdurremo il diritto di cronaca e cominceremo ad entrare nel merito della questione che è oggetto dell’elaborato: parleremo della professione del giornalista, dell’etica e dei codici di deontologia, e analizzeremo la “giurisprudenza” dell’Autorità garante per la protezione dei dati personali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Capitolo 1 Sommario: 1. L’evoluzione del diritto alla riservatezza; 2. Il percorso fino al codice della privacy; 3. Il trattamento dei dati personali; 4. Il consenso al trattamento e la disciplina generale; 5. Il codice e il giornalismo: il titolo XII. 1. L’evoluzione del diritto alla riservatezza L’evoluzione del diritto alla riservatezza ha consentito di arrivare all’affermazione del diritto al “controllo sui propri dati personali 1 ”, comunemente detto “diritto alla privacy”. Fu la dottrina americana a “scoprire” il diritto alla privacy quale diritto «ad esser lasciati soli»: diritto della personalità ampiamente inteso come diritto di ciascuno a non subire ingerenze nei propri fatti personali, nella propria immagine e nei propri pensieri 2 . Benché nell’ordinamento italiano non si registri un’espressa previsione costituzionale che garantisca la sussistenza del diritto alla riservatezza, a differenza di quanto previsto da fonti sovranazionali, la giurisprudenza, nel corso degli anni, ha colmato questa lacuna 3 . L’evoluzione di questo concetto, ha portato a identificare la riservatezza nella protezione dei dati personali: infatti il diritto alla riservatezza, inteso come diritto alla non divulgazione dei fatti personali, è ormai confluito nel diritto alla protezione dei dati personali. Ma accanto a questa nuova definizione di riservatezza, può ancora distinguersi la riservatezza quale «interesse del soggetto a mantenere la sfera della propria vita privata e intima al riparo da indiscrezioni altrui» 4 . Infatti, questa sottile ma ragguardevole differenza, trova 1 Ai sensi dell’articolo 4, comma primo, lett. b) del decreto legislativo 30 giugno 2003, n.196, per dato personale si intende: « qualunque informazione relativa a persona fisica, persona giuridica, ente od associazione, identificati o identificabili, anche indirettamente […]». 2 La “scoperta” si deve a S. Warren e L.D. Brandeis, autori del saggio The right to privacy, pubblicato nella Harvard L.R., 1980, pag.193, dove fu testualmente affermato il diritto della persona « to be let alone ». Gli Stati Uniti furono i primi a introdurre e diffondere tecniche elettroniche di raccolta, elaborazione, memorizzazione e trasmissione di dati, e dunque a doversi confrontare con le nuove problematiche derivanti dal trattamento elettronico di dati. 3 V. in proposito, Cass. civ., sez. I, 27 maggio 1975, n. 2129, in banche dati de jure, la quale pone le basi dell’indagine sul fondamento normativo del diritto alla riservatezza. V. anche, Cass. civ, sez. III, 8 giugno 1998, n. 5658, in Giust. civ., 1998, pag. 1248, che ha dato un ulteriore contributo all’inquadramento del diritto alla riservatezza tra i diritti della personalità umana, e l’ha nettamente differenziato dal diritto alla reputazione. 4 R. Zaccaria, Diritto dell’informazione e della comunicazione, Padova, sesta edizione, 2007, pag. 34

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

giornalismo
privacy
diritto privato
giornalista
diritto costituzionale
riservatezza
giornalisti
garante
libertà di manifestazione del pensiero
dato personale
manifestazione pensiero
autorità garante dati personali
ordine dei giornalisti

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi