Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il diritto alle privacy e le deroghe speciali a favore degli operatori dell'informazione

Libertà di manifestazione del pensiero e diritto alla riservatezza.
Ovvero: diritto all’informazione e diritto alla protezione dei dati personali.
Ancora: giornalismo e privacy.
È proprio questo l’oggetto di questa della presente tesi: un’ampia riflessione sulle modalità di esercizio del diritto alla manifestazione del proprio pensiero e su uno dei limiti più stringenti che questo diritto incontra: il diritto alla riservatezza.
Più precisamente, è il bilanciamento di questi due diritti, parimenti riconosciuti in Costituzione, che ci interessa analizzare e comprendere, affinché il bravo giornalista (ma anche il meno bravo) possa agire in maniera corretta e legittima.
Anche alla luce dei recenti fatti di cronaca politica, è interessante e importante capire quale è il rapporto che dovrebbe intercorrere tra diritto all’informazione e diritto alla riservatezza.
Il diritto all’informazione dovrebbe essere assoluto a tutti i costi? O viceversa questo diritto dovrebbe essere strettamente limitato dal diritto alla privacy?
Probabilmente, come in tutte le cose, la soluzione sta (o dovrebbe stare) nel mezzo.
Immaginiamo allora due insiemi: uno che rappresenta l’articolo 21 della Costituzione (la libertà di manifestazione di pensiero), e l’altro il diritto alla riservatezza.
Questa monografia si occupa di entrambi gli insiemi e ne esamina in particolarmente l’intersezione.
Nella prima parte introdurremo “l’insieme” del diritto alla riservatezza e analizzeremo il nuovo testo unico della privacy: il d.lgs. 30 giugno 2003, n. 196.
Nella seconda parte analizzeremo l’articolo 21, introdurremo il diritto di cronaca e cominceremo ad entrare nel merito della questione che è oggetto dell’elaborato: parleremo della professione del giornalista, dell’etica e dei codici di deontologia, e analizzeremo la “giurisprudenza” dell’Autorità garante per la protezione dei dati personali.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Capitolo 1 Sommario: 1. L’evoluzione del diritto alla riservatezza; 2. Il percorso fino al codice della privacy; 3. Il trattamento dei dati personali; 4. Il consenso al trattamento e la disciplina generale; 5. Il codice e il giornalismo: il titolo XII. 1. L’evoluzione del diritto alla riservatezza L’evoluzione del diritto alla riservatezza ha consentito di arrivare all’affermazione del diritto al “controllo sui propri dati personali 1 ”, comunemente detto “diritto alla privacy”. Fu la dottrina americana a “scoprire” il diritto alla privacy quale diritto «ad esser lasciati soli»: diritto della personalità ampiamente inteso come diritto di ciascuno a non subire ingerenze nei propri fatti personali, nella propria immagine e nei propri pensieri 2 . Benché nell’ordinamento italiano non si registri un’espressa previsione costituzionale che garantisca la sussistenza del diritto alla riservatezza, a differenza di quanto previsto da fonti sovranazionali, la giurisprudenza, nel corso degli anni, ha colmato questa lacuna 3 . L’evoluzione di questo concetto, ha portato a identificare la riservatezza nella protezione dei dati personali: infatti il diritto alla riservatezza, inteso come diritto alla non divulgazione dei fatti personali, è ormai confluito nel diritto alla protezione dei dati personali. Ma accanto a questa nuova definizione di riservatezza, può ancora distinguersi la riservatezza quale «interesse del soggetto a mantenere la sfera della propria vita privata e intima al riparo da indiscrezioni altrui» 4 . Infatti, questa sottile ma ragguardevole differenza, trova 1 Ai sensi dell’articolo 4, comma primo, lett. b) del decreto legislativo 30 giugno 2003, n.196, per dato personale si intende: « qualunque informazione relativa a persona fisica, persona giuridica, ente od associazione, identificati o identificabili, anche indirettamente […]». 2 La “scoperta” si deve a S. Warren e L.D. Brandeis, autori del saggio The right to privacy, pubblicato nella Harvard L.R., 1980, pag.193, dove fu testualmente affermato il diritto della persona « to be let alone ». Gli Stati Uniti furono i primi a introdurre e diffondere tecniche elettroniche di raccolta, elaborazione, memorizzazione e trasmissione di dati, e dunque a doversi confrontare con le nuove problematiche derivanti dal trattamento elettronico di dati. 3 V. in proposito, Cass. civ., sez. I, 27 maggio 1975, n. 2129, in banche dati de jure, la quale pone le basi dell’indagine sul fondamento normativo del diritto alla riservatezza. V. anche, Cass. civ, sez. III, 8 giugno 1998, n. 5658, in Giust. civ., 1998, pag. 1248, che ha dato un ulteriore contributo all’inquadramento del diritto alla riservatezza tra i diritti della personalità umana, e l’ha nettamente differenziato dal diritto alla reputazione. 4 R. Zaccaria, Diritto dell’informazione e della comunicazione, Padova, sesta edizione, 2007, pag. 34

Laurea liv.I

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Marco Biondi Contatta »

Composta da 35 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3208 click dal 13/07/2011.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.