Skip to content

Dividend policy in banking: evidence from the largest banks

Informazioni tesi

  Autore: Rodolfo Pambianco
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università Commerciale Luigi Bocconi di Milano
  Facoltà: Economia
  Corso: Finanza
  Relatore: Giacomo Nocera
  Lingua: Inglese
  Num. pagine: 57

This study wants to explain what drives dividend payments for the largest world listed banks. My sample is composed by 82 banks from 23 countries with data covering years 2003-2009. My initial model uses investment opportunities, size, profitability and cash generation ability to explain dividend payments. Empirical analysis suggests a positive and statistically significant relationship between investment opportunities, profitability and cash generation ability. A positive relation is suggested also for size even if the result is not supported by statistics. Then, I tested if banks’ dividend policies are driven also by risk and ownership structure. Market and default risk indicators have been constructed, along with measures of ownership concentration. A significant negative relation results between market risk indicators and dividends, while no relation is statistically supported if I include default risk variables. To an higher ownership concentration corresponds less dividends. This result is consistent with the extent that controlling shareholders are concerned about the financial health and efficiency of the firm, avoiding to use excess cash to pay out dividends (e.g. Shleifer and Vishny (1986), Jarrell and Poulsen (1987), Brickley, Lease, and Smith (1988), Graves and Waddock (1990)). The last section of the work is inspired by the paper of Acharya, Gujral and Shin (2009). They find that during the period 2007-2009, in spite of largely anticipated credit losses, banks paid out large amounts of dividends. Consequently, I defined a sub-sample of 24 bailed out banks and I tested if these banks were among the ones who paid out more dividends during and before the crisis. Looking at the year of the bailout and at the previous one, a positive and significant relation is found. Moreover, from an historical perspective, bailed out banks show, almost always, higher dividend payments than the other non-saved. This may suggests that among the causes who exacerbated the financial crisis there were also dividend policies out of the control of market participants and regulators. This could be an useful starting point in the reconstruction of a sound financial system.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
    9  Introduction  9  Introduction Dividends are of great importance in establishing a company’s value. In particular, models like the Dividend Discount Model (Gordon (1959)) are widely used in finance to value financial companies. DDM model is based on the theory that a stock’s price is the present value of its future dividends. Also Fama and French (1998) find empirical support for this relationship. Therefore, having reliable estimates of dividend payments and understanding the key drivers behind dividend policy decisions is extremely important. Many works are available in literature about the explanatory factors for the dividend policy. However, the majority of them aims to explain this phenomenon for industrial companies. This study wants to explain what drives dividend payments for the largest world listed banks. My sample is composed by 82 banks from 23 countries. I expect that dividend payments in banking depend on: size, growth opportunities, profitability and ability of the firm to generate cash. I measured dividend policy using the ratio dividend over equity. I first created a general model which has, as dependent variable, the ratio between dividends and equity, and includes basic explanatory factors: ln[total assets] (size), market to book ratio (growth opportunities), ROA (profitability) and free cash flows divided by total assets (cash generation ability). I expect to find positive relationships for all the explanatory factors. Then I added risk factors to this general model. I wanted to investigate if risk influences dividend payments. For this reason I constructed market risk indicators and other risk factors to measure default risk. I suppose to have a negative relation between risk and dividends. In fact, the higher the riskiness of the bank, the lower should be the dividend disbursement. Moreover, it might be that major shareholders or, more in general, the ownership structure, influences the management of banks in deciding the dividend distribution strategy. I included in the general model variables representative of the ownership structure. I found statistically significant results for both risk and ownership structure factors. This results permitted me to expand my initial model taking them into account. The last part of this study is inspired by the work of Acharya, Gujral and Shin (2009). They find that common equity during the recent financial crisis diminished not only because of big financial

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

financial crisis
dividend policy
banking industry
government ownership
bank risk
bailout

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi