Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La didattica laboratoriale applicata all'insegnamento della lingua inglese nella scuola primaria

La relazione di laboratorio delinea le caratteristiche principali del laboratorio inteso sia come metodologia didattica che come spazio fisico attrezzato, il tutto applicato all'insegnamento dell'inglese L2 nella scuola primaria.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 Introduzione La riforma della scuola conosciuta come “riforma Moratti”, con la legge 53/03 ha introdotto nel sistema educativo italiano il concetto di personalizzazione. Tale legge mira a “favorire la crescita e la valorizzazione della persona umana, nel rispetto dei ritmi dell‟età evolutiva, delle differenze e delle identità di ciascuno e delle scelte educative della famiglia, nel quadro della cooperazione tra scuola e genitori.” 1 Non si parla di individuo, ma di persona, con l‟intento di valorizzare il soggetto nella sua unicità e originalità. Personalizzazione significa quindi porre l‟alunno come persona al centro del processo di apprendimento, accomodare la didattica alle peculiarità e alle esigenze di ciascun allievo attraverso la creazione di itinerari differenziati e flessibili, quindi personalizzati, volti a promuovere le eccellenze e ridurre gli insuccessi. Per fare ciò la scuola delle riforma è tenuta a predisporre “piani di studio personalizzati”, che tengano conto delle caratteristiche, degli stili cognitivi, delle attitudini, delle esperienze e dei bisogni di ciascuna persona. Il documento che sancisce le modalità di attuazione della personalizzazione degli apprendimenti, esplicitandone gli obiettivi sono le Indicazioni per i piani di studio personalizzati del 2003. Esse esplicano i livelli essenziali di prestazione che devono essere garantiti, il nucleo essenziale dei saperi, gli obiettivi generali del processo formativo e quelli specifici di apprendimento, relativi alle singole discipline. In altri termini possiamo dire che le Indicazioni fissano e stabiliscono le “mete” degli apprendimenti, i punti di arrivo, gli obiettivi, il cui raggiungimento deve essere garantito a ciascun allievo. Per quanto riguarda invece le strategie e quindi il “come” garantire il conseguimento degli obiettivi contenuti nelle 1 Art. 1, comma 1, Legge 53/03

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Elena Cardinali Contatta »

Composta da 71 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9398 click dal 26/08/2011.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.